SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Delhi, Mumbai allentano il blocco mentre i numeri di COVID in India diminuiscono

Nuova Delhi: i mercati e i centri commerciali di Nuova Delhi potranno riaprire da lunedì in un altro allentamento del divieto di COVID-19, ha affermato il primo ministro, con un calo delle infezioni nelle principali città indiane dopo settimane di restrizioni.

Il primo ministro della metropoli di Delhi, Arvind Kejriwal, ha dichiarato sabato che anche la metropolitana di Delhi riprenderà i servizi a un tasso del 50%.

Mercati e centri commerciali funzioneranno a giorni alterni, metà dei quali aperti in un dato giorno.

Gli uffici potrebbero anche riaprire a metà della loro capacità, ma Kejriwal ha esortato le persone a continuare a cercare di lavorare da casa.

L’allentamento arriva dopo che Delhi ha permesso la riapertura di cantieri e fabbriche la scorsa settimana.

“Hanno aperto i battenti una settimana fa, ma la situazione del Covid-19 è ancora sotto controllo e abbiamo meno di 500 nuovi casi nelle ultime 24 ore”, ha affermato Kejriwal.

“È importante riportare l’economia in carreggiata ora con il miglioramento della situazione del Covid-19. Preghiamo che la situazione rimanga la stessa”.

Il governo del Maharashtra, che include la potenza economica indiana Mumbai, ha annunciato un piano a cinque livelli per allentare le restrizioni a seconda dei tassi di infezione e dell’occupazione dei letti d’ospedale.

Nelle aree di livello uno, con tassi di infezione inferiori al cinque per cento e occupazione dei letti d’ospedale inferiore al 25 per cento, tutti i negozi, i ristoranti e i centri commerciali potranno riaprire.

Ma le aree di Livello 5 – che hanno tassi di infezione superiori al 20% – saranno ancora soggette a severe restrizioni alla circolazione.

Secondo le statistiche ufficiali, le infezioni segnalate quotidianamente in tutta l’India sono scese a circa 120.000 da oltre 400.000 a maggio.

READ  Dichiarazione di stato di emergenza sull'approvvigionamento di carburante

Anche il numero di decessi è diminuito, con 3.380 decessi segnalati nelle ultime 24 ore, anche se questo è ampiamente visto come una sottostima.

Almeno 34.082 persone sono morte nel paese a causa del coronavirus, che ora è in aumento in alcune parti dell’India rurale.

Delhi ha segnalato circa 400 nuove infezioni sabato, in calo rispetto ai circa 25.000 casi giornalieri quando è stato annunciato il blocco sette settimane fa.

L’aumento devastante è stato attribuito a nuove varianti del virus e il governo ha permesso che la maggior parte delle attività tornassero alla normalità, compresi i raduni religiosi e politici di massa.

Nel frattempo, il programma di vaccinazione indiano sta facendo lenti progressi a causa di carenze, confusione e litigi tra il governo centrale e le autorità statali.

Finora circa 180 milioni di persone, solo il 14% della popolazione, hanno ricevuto una dose e 45 milioni, o il 3,4%, hanno ricevuto due dosi.

Nel frattempo, la Federazione italiana del turismo ha dichiarato sabato che l’Italia prevede un aumento del 20% del numero di turisti estivi quest’anno rispetto al 2020 poiché il paese allenta gradualmente le restrizioni di Covid-19.

La stagione estiva 2021 mostra i primi segnali di ripresa del settore. Tra giugno e agosto sono attesi 33 milioni di turisti oltre ai 140 milioni di pernottamenti trascorsi nelle strutture (turistiche) ufficiali, con un incremento del 20,8 per cento rispetto al 2020″

Il sindacato ha aggiunto che avrebbe autorizzato il settore a circa 12,8 miliardi di euro (15,6 miliardi di dollari) di entrate turistiche, circa tre quarti dei loro colleghi italiani in visita in altre regioni.

READ  Biden ignora le preoccupazioni salariali nella difesa dei piani economici

Tuttavia, Assoturismo ha affermato che l’aumento “non sarebbe sufficiente per tornare ai livelli pre-Covid” poiché l’estate del 2019, l’ultima prima della pandemia, ha visto ulteriori 73,5 milioni di notti nel Paese.

Prima della pandemia, il turismo rappresentava il 14% del PIL in Italia, la terza economia dell’Unione europea, e le ricadute del coronavirus hanno contribuito a spingere l’Italia nella peggiore recessione dalla seconda guerra mondiale.

Nonostante la riapertura di molti collegamenti aerei, quest’estate il settore ripone le sue speranze nel turismo corto, visto che i locali guardano alle interruzioni costiere e alle grandi città che attirano Roma, Firenze e Venezia.

Si prevede che i voli più brevi aumenteranno di un quarto rispetto allo scorso anno, aiutati non da ultimo dal calo delle tariffe fino a un terzo.

L’Italia spera di ricevere quest’anno 6,7 milioni di turisti stranieri in più rispetto al 2020, ma il numero di arrivi sarà comunque in calo di circa due terzi nel 2019 quando si era superato i 100 milioni.

“Dopo 12 orribili mesi, il turismo italiano ha finalmente potuto rilevare tangibili segnali di ripresa. Ma si tratta ancora di una lenta ripresa, soprattutto in termini di domanda estera, che non basterà a recuperare quanto perso dall’epidemia”. Vittorio Messina, Presidente di Assoturismo.

“Speriamo che i saldi di fine stagione ci diano risultati migliori grazie al Passaporto Sanitario Europeo”, ha aggiunto Messina. —AFP