SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Covid Victoria: inizieranno le prove dei passaporti per la vaccinazione nelle aree regionali

Le prime regole “vietato l’ingresso, divieto di ingresso” saranno presto introdotte in alcune parti del Victoria nel tentativo di aprire la strada all’adozione dei passaporti di vaccinazione in tutto lo stato.

Le prime regole “niente torte, niente ingresso” saranno introdotte in alcune parti del Victoria tra tre settimane per aprire la strada all’adozione dei passaporti delle vaccinazioni in tutto lo stato.

Ridurrà anche alcune restrizioni minori nel Victoria sul Covid-19 a mezzanotte di martedì dopo che lo stato avrà raggiunto l’80% della sua prima fase di vaccinazione, consentendo alle persone di avventurarsi fino a 15 chilometri da casa e di praticare sport come il golf e il tennis. .

Nonostante Victoria abbia superato per la prima volta gli 8.000 casi attivi domenica, il ministro per il sostegno e il recupero dell’industria Martin Bakula ha affermato che “i test sull’economia impollinata” inizieranno dall’11 ottobre per calmare eventuali problemi prima di una più ampia apertura del paese.

A un massimo di 20 siti pilota nei comuni di Pollock, Pirenei, Bass Coast, Greater Bendigo, East Gippsland e Warrnambool verrà offerta un’opportunità anticipata di vivere nelle impostazioni che saranno in atto quando il 70% dei cittadini del Victoria idonei sarà completamente vaccinato – un obiettivo atteso Da raggiungere il 26 ottobre.

Le maggiori libertà a disposizione dei siti pilota consentiranno a bar, club e luoghi di intrattenimento di consentire a 30 persone completamente vaccinate al chiuso e 100 all’aperto, a condizione che possano mostrare passaporti di vaccinazione elettronici o stampati.

“Si tratta di vedere come funziona il nostro sistema economico vaccinato e lo testeremo con un numero crescente di beneficiari e folle con tutti sul posto assicurandoci che siano stati completamente vaccinati”, ha affermato Bakula.

“Quindi, in termini di tipo di impostazioni e industrie in cui pensiamo che queste esperienze potrebbero funzionare, ospitalità, capelli e bellezza, turismo, alcuni tipi di eventi, quindi potenzialmente incontri di gare, concerti, riunioni della comunità, tutti questi tipi di eventi saranno essere in grado di considerare le esperienze della doppia economia.”

Mentre era “fiducioso” che il governo del Commonwealth avrebbe presto trovato un modo per proteggere l’app Medicare da hacker e passaporti di vaccinazione falsi, Bakula ha affermato che era essenziale non ritardare il processo fino a quando eventuali problemi non sarebbero stati risolti prima della vaccinazione del 70%. segno è stato raggiunto.

READ  La ripresa italiana sta aiutando l'Eurozona a riprendersi da una recessione pandemica

Ha anche notato un altro esperimento di test su strada, l’80% delle libertà potrebbe essere provato nelle aree urbane, il che potrebbe consentire folle fino a 5.000 persone in eventi come la Melbourne Cup, se il blocco non è già finito.

Il primo ministro Daniel Andrews ha anche annunciato che il Victoria raggiungerà martedì il suo obiettivo di vaccinazione monodose dell’80%, consentendo un modesto allentamento di alcune restrizioni.

Il blocco di una settimana di Geelong è stato revocato a mezzanotte di domenica nonostante la città abbia registrato sei nuovi casi di Covid.

Tuttavia, la buona notizia è svanita con altri 779 casi annunciati domenica, così come il numero di casi in ospedale che è salito a 325, di cui 73 in terapia intensiva e 54 in ventilazione. L’ottanta per cento dei ricoverati in ospedale non è immunizzato.

Anche il vicedirettore sanitario Deb Friedman ha annunciato domenica che una persona di 70 anni e un’altra di 80 anni sono morte di Covid. “Queste persone erano idonee alla vaccinazione dal primo giorno in cui il vaccino è stato distribuito nel Victoria, tuttavia, i due deceduti non sono stati vaccinati”, ha affermato.

I bisognosi contagiosi sono un pericolo

Un altro manifestante che ha preso parte a una manifestazione illegale contro il lockdown è risultato positivo al Covid-19.

Le autorità sanitarie affermano che è improbabile che il trentenne di Geelong abbia contratto il virus nelle proteste ampiamente condannate della scorsa settimana. Ma ha rappresentato un pericolo per gli altri perché ha partecipato mentre era infetto.

“I manifestanti non sono al sicuro dal Covid”, ha affermato il leader della risposta al COVID, Jeroen Weimar. “Immagino che non ci fosse un codice QR per la dimostrazione. Questo virus ti rileverà. ”

Diversi agenti di polizia rimangono in isolamento dopo essere entrati in contatto con il primo manifestante con Covid, che è stato portato in ospedale poche ore dopo aver partecipato ai disordini di mercoledì.

READ  L'operazione Grain Harvest Assist invita gli ex dipendenti dell'ADF ad aiutare gli agricoltori a ottenere i loro raccolti

Piccoli gruppi di gruppi anti-vaccinazione si sono riuniti domenica per “proteste per picnic nei parchi” in tutta Melbourne per protestare contro i mandati di vaccinazione industriale.

I manifestanti sono stati incoraggiati a collegarsi tra loro nelle chat di Telegram, con ogni chat dedicata a una specifica uscita.

Questi si estendevano da Anglesea intorno a Port Phillip fino a Rye sulla penisola di Mornington. Domenica non si sapeva se la polizia avesse effettuato arresti legati a uscite illegali.

Più aiuto per le imprese in difficoltà

Le aziende disperate della città riceveranno più aiuto dal programma del Consiglio comunale di Melbourne dopo un aumento del budget di 1 milione di dollari.

Con gli arresti in corso che distruggono il CBD, il concierge aziendale del consiglio aumenterà nelle prossime settimane per prepararsi all’allentamento di alcune restrizioni il mese prossimo.

I gruppi del settore hanno criticato la recente tabella di marcia del governo statale che consente solo una riapertura limitata quando il Victoria raggiunge il 70% delle vaccinazioni complete alla fine di ottobre.

Il sindaco Sally Cape ha affermato che migliaia di aziende stavano accedendo al servizio di portineria in uno dei periodi commerciali più difficili a memoria d’uomo.

“Sappiamo che le restrizioni in corso stanno mettendo a dura prova i nostri imprenditori locali, molti dei quali stanno lottando per sopravvivere”, ha detto. “Sentiamo gli operatori che sono spaventati, frustrati e disperati di riaprire la porta.

“Il nostro team di concierge commerciale ha svolto un lavoro straordinario da quando è stato introdotto nel marzo dello scorso anno, motivo per cui quest’anno abbiamo investito 1 milione di dollari nel nostro budget per espandere il servizio fondamentale”.

La lista dei desideri di Natale di Morrison

Il primo ministro Scott Morrison afferma che il suo augurio per il Natale è che gli australiani possano riavere le loro “vita”.

Sta esortando i leader statali e territoriali a consentire il ricongiungimento delle famiglie tra gli stati una volta che l’Australia avrà raggiunto il suo obiettivo di vaccinazione dell’80%.

“Questo è un dono dei governi, e questo è un dono che mi piacerebbe che gli diamo”, ha detto Morrison.

“Abbiamo avuto molto successo (nel) salvare vite umane, ma dobbiamo anche restituire alle persone le loro vite”.

READ  Risultati, numeri e la lotteria del giovedì sera si traducono in un vincitore che vince il jackpot da $ 80 milioni

Ha affermato che mentre le rigide restrizioni hanno una “data finale”, altre misure rimarranno nella fase C del piano nazionale di riapertura.

“Ci sarà l’accesso con un codice QR e … indosseranno maschere, forse a volte, in determinati luoghi”, ha detto.

Il ministro della Sanità Greg Hunt ha affermato che la nazione è sulla buona strada per raggiungere l’obiettivo di vaccinazione dell’80%, con i primi tassi di dose nel NSW e l’85%.

“Ciò significa che non dovrebbero esserci impedimenti a qualsiasi australiano di poter viaggiare”, ha detto Hunt.

Ha rifiutato di basarsi su quanto tempo ci vorrebbe per raggiungere la Fase D del piano, che non si basa su restrizioni o blocchi per ridurre i casi di Covid.

Leader superiori nella ricostruzione

I leader delle imprese e della comunità si sono uniti per tracciare il percorso di ripresa post-Covid del Victoria, dichiarandolo un’opportunità per ricostruire il paese meglio che mai.

Il “Victoria Summit 2021” inaugurale ha delineato un’ampia visione per il paese attraverso una serie di gruppi di lavoro, guidati dall’amministratore delegato della Camera di commercio e industria del Victoria, Paul Guerra.

Guerra ha affermato che l’incontro, ritenuto il primo del suo genere in Australia, mira a tracciare una rotta verso il punto in cui Melbourne e Victoria saranno nei prossimi decenni.

“Se torni indietro e dai un’occhiata, ci sono ancora molte cose buone ma c’è anche un’opportunità per colmare le lacune sui problemi emergenti”, ha detto.

I gruppi di lavoro erano guidati da eminenti abitanti del Victoria, tra cui Tim Piper dell’Australian Industry Group, il vicepresidente di Swinburne Pascal Koester e il CEO di VCOSS Emma King.

I delegati si incontreranno di nuovo il mese prossimo per la prossima fase del processo di riunione per trovare modi pratici per trasformare la visione in realtà e garantire la prosperità del paese.

Gli approfondimenti delle riunioni sono stati suddivisi in tre categorie: affari ed economia; comunità, salute e benessere; e il futuro del lavoro.