Come richiedere lavanderia, istruzione e super contributi and

Aggrapparsi a quella dichiarazione dei redditi nella speranza di ottenere una buona spinta finanziaria? Non c’è niente come controllare il tuo conto in banca e vedere un’iniezione di denaro dall’Australian Tax Office (ATO).

Secondo Gerry Incollingo, amministratore delegato di Accounting Professionals LCI Partners, sapere cosa si può rivendicare è la chiave per migliorare la propria dichiarazione dei redditi.

Qui dà i suoi consigli su come richiedere il bucato, i vestiti, l’istruzione e i super contributi per ottenere il massimo dalla dichiarazione dei redditi.

Lavanderia e vestiti

L’ATO afferma che è possibile richiedere una detrazione fiscale per il bucato, il lavaggio a secco o l’acquisto, il noleggio o la riparazione di vestiti e scarpe se rientrano in una delle seguenti categorie:

– Abbigliamento professionale

Indumenti protettivi

Codice di abbigliamento obbligatorio

La divisa non è obbligatoria (ma il datore di lavoro deve registrarla presso AusIndustry)

“I servizi di lavanderia e pulitura a secco sono una spesa fiscale sconosciuta”, afferma Incolengo. “Se l’importo richiesto è superiore a $ 150, è necessario conservare una prova scritta di tutti i servizi di lavanderia.

“Se fai tutte le pulizie da solo, puoi effettivamente utilizzare una base ragionevole per calcolare l’importo, ad esempio $ 1 per carico per abiti da lavoro o $ 0,50 per carico per abiti da lavoro mescolati con altri vestiti”.

Relazionato: Australiani che otterranno il maggior gettito fiscale

Tuttavia, se hai intenzione di presentare un reclamo su questi articoli, tieni presente che l’ATO afferma di ispezionare attentamente l’abbigliamento e le spese di lavanderia legate al lavoro e che tale reclamo può sollevare una “bandiera rossa”.

“Esaminiamo i reclami utilizzando analisi di dati complessi in grado di identificare reclami insoliti confrontando i reclami dei contribuenti con altri in professioni simili. I nostri sistemi identificheranno reclami che sono ben al di sopra della media prevista e dove ciò si verifica”, afferma Tim Loh, assistente commissario presso il ATO Pertanto, l’ATO può richiedere la verifica di tali crediti.

Secondo il signor Luo, alla fine di aprile 2021, 5,7 milioni di persone avevano sostenuto circa 1,56 miliardi di dollari in uniformi, vestiti e spese di lavanderia nella dichiarazione dei redditi 2019-20, ma non tutti ci sono riusciti.

READ  Elon Musk presenta un premio di $ 100 milioni agli inventori che lavorano su come rimuovere l'anidride carbonica dall'atmosfera terrestre

Relazionato: Cose da fare per le tasse prima del 30 giugno

Il signor Luo spiega che molte idee sbagliate comuni circondano ciò che costituisce l’abbigliamento da lavoro ai fini fiscali. Ad esempio, un codice di abbigliamento formale sul posto di lavoro che richiede di indossare un abito o pantaloni eleganti in nero o in determinati colori, o anche i dipendenti della moda al dettaglio che dovrebbero indossare capi dell’ultima linea di abbigliamento, non possono beneficiare di una detrazione fiscale. Un altro grosso errore che le persone fanno è non conservare le ricevute per gli indumenti legati al lavoro.

“Un contribuente ha presentato un reclamo per $ 6.000 in richieste di abbigliamento da lavoro, di cui $ 2.500 per indumenti protettivi e $ 3.500 per l’uniforme obbligatoria”, spiega.

“Le nostre analisi dei dati hanno identificato l’accusa e i nostri investigatori hanno interrogato il contribuente. Il contribuente ha affermato che in quanto fan, hanno dovuto sostituire i loro vestiti spesso perché sono stati spesso danneggiati nello svolgimento delle loro funzioni. Tuttavia, il contribuente non ha fornito alcuna prova. sul reclamo come ricevute o altri documenti. Abbiamo rimosso tutti i reclami dal loro ritorno. “

Relazionato: I dettagli nascosti ti costano tempo fiscale

Invia una richiesta di successo per detrazioni fiscali sconosciute

Per richiedere con successo una detrazione fiscale sconosciuta, Luo afferma che ci sono tre “regole d’oro”: devi aver speso i soldi e non essere stato rimborsato, le spese che rivendichi devono riguardare direttamente il tuo reddito da lavoro e devi avere le ricevute per dimostrarlo .

“Vogliamo rassicurare la comunità che simpatizzeremo e capiremo gli errori legittimi quando vengono fatti sforzi in buona fede”, afferma Luo.

“Tuttavia, le persone possono aspettarsi che reprimeremo e imporremo sanzioni quando cercheranno deliberatamente di farla franca facendo la cosa sbagliata.

“Durante il 2020, l’ATO ha dovuto spostare l’attenzione sull’ottenere benefici di stimolo il più rapidamente possibile per supportare molte imprese bisognose. Nel 2021, continueremo a bilanciare il nostro ruolo nel sostenere i contribuenti in questo momento molto difficile, poiché la nostra attenzione inizia di nuovo per affrontare la questione della richiesta di spese relative all’attività.

READ  Mercato immobiliare australiano, il boom immobiliare rivela un disastro incombente

Relazionato: Cose incredibili che puoi rivendicare al momento delle tasse

Spese di autoformazione

Per poter beneficiare di una detrazione fiscale per le spese di autoistruzione, devi seguire un corso o un seminario direttamente correlato alla tua attuale occupazione, attività o commercio.

Ci sono una serie di condizioni, ma secondo l’ATO per essere idoneo, devi soddisfare una di queste quattro condizioni:

Deve essere:

Mantieni le tue qualifiche per il tuo ruolo attuale.

Migliora le tue abilità o conoscenze utilizzate nel tuo ruolo attuale.

Il tirocinante e il corso che stai seguendo fanno parte della formazione.

In grado di dimostrare che il corso che stavi seguendo ha comportato, o probabilmente avrebbe comportato, un aumento del tuo stipendio attuale

“Non c’è limite al costo del corso che verrà richiesto”, aggiunge Incolngo.

Relazionato: La tattica del risparmio dobbiamo fermarci

Contributi Supercharge

Conoscere i limiti e le aliquote dei tuoi contributi pensionistici – e i diversi modi per aggiungere denaro alla tua pensione – può aumentare il tuo rimborso fiscale annuale e aiutarti a risparmiare per la pensione, consiglia il signor Incolengo.

Tuttavia, aggiunge, è il modo in cui contribuisci al tuo fondo di risparmio che gioca un ruolo nel determinare i benefici fiscali.

“Se puoi permetterti di sacrificare il tuo stipendio per aumentare i pagamenti nel tuo conto di risparmio, fallo”, dice Incolngo. “Di conseguenza, ti verrà richiesto di pagare tasse inferiori perché riduce il tuo reddito imponibile ed è considerato una detrazione”.

Ma prima di iniziare a investire tutti i tuoi soldi extra nella pensione, tieni presente che gli ATO hanno un tetto prima dei contributi fiscali.

“I super contributi al tuo fondo di risparmio ante imposte sono considerati agevolati”, spiega il signor Incollingo. “Il limite per questo anno fiscale è di $ 25.000. Il contributo più comune è l’importo della quota di sicurezza pensionistica del datore di lavoro e del sacrificio salariale. Tuttavia, puoi richiedere una detrazione sul tuo ritorno per qualsiasi super pagato di persona prima del 30 giugno fino al limite .”

READ  Kangaroo Island è considerata una delle migliori destinazioni di viaggio al mondo

Ciò significa che se paghi più del limite massimo di $ 25.000 al tuo fondo di risparmio pensionistico durante un anno fiscale, puoi essere tassato all’aliquota marginale del 15 percento, più un contributo agevolato in eccesso del 31,5%, per un totale del 46,5% delle tasse vengono detratte dal tuo contributo.

Tuttavia, se si paga meno del limite di $ 25.000, è possibile riportare eventuali contributi agevolati non utilizzati per aumentare il tetto l’anno successivo, purché il saldo della pensione di vecchiaia sia inferiore a $ 500.000 all’inizio dell’anno fiscale in cui si effettua il contributo . Ad esempio, se il tuo saldo è di $ 512.000 oggi, è improbabile che tu possa utilizzare la tua indennità di recupero dopo il 30 giugno.

Jamie Scheer dell’Empire Financial Group lo suddivide come segue: “Se sacrifichi uno stipendio, qualsiasi contributo che farai sarà in aggiunta ai contributi previdenziali del tuo datore di lavoro, che sono il 9,5 percento per la maggior parte delle persone per questo anno fiscale e il 10 percento per il Il prossimo.”

“Tuttavia, se pensi di essere vicino al limite, è meglio fare una rapida chiamata al tuo fondo prima di effettuare il contributo per confermare l’importo già pagato.

“Quindi, se il saldo delle prestazioni pensionistiche 2020-21 è di $ 400.000, dovresti aggiungere l’importo che hai sacrificato ai contributi del datore di lavoro e a qualsiasi altro contributo che rivendichi di essere detratto e quindi sottrarlo dal massimo annuale di $ 25.000 (che aumenta a $ 27.500 a partire da 1 luglio).

“Il numero che lasci è quello che può essere riportato al 2021-22. Poiché questa capacità è stata concessa per l’anno fiscale 2018-19, puoi riportare i contributi da quell’anno in poi, ed eventualmente eventuali importi non utilizzati saranno in grado di riportare per un massimo di cinque anni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto