Evergrande Group cinese: edifici vuoti espongono la crisi immobiliare di Pechino

Mentre Evergrande affronta la totale rovina, la miriade di edifici vuoti e incompiuti dimostra quanto possa essere disastrosa la crisi immobiliare cinese.

Lo spettacolare crollo del gruppo China Evergrande ha dominato i titoli dei giornali per settimane ormai – e ora, innumerevoli sviluppi torreggianti vuoti a Evergrande stanno rivelando la vera portata del disastro.

Evergrande ora ha il dubbio onore di essere la società immobiliare più indebitata al mondo, dopo aver accumulato un incredibile debito di 408 miliardi di dollari.

Il potenziale collasso dell’azienda sarebbe così massiccio che c’erano timori diffusi che potesse finire per essere il “momento Lehman” della Cina – un riferimento ai timori che potrebbe portare a una crisi finanziaria globale.

Ma a differenza del GFC 2007-2008, nel fiasco dell’Evergrande, c’è una chiara evidenza fisica di quanto sia realmente il problema.

Edifici vuoti

Parte del modello di business di Evergrande prevedeva la prevendita di appartamenti agli acquirenti in anticipo, con il denaro utilizzato per favorire l’espansione dell’azienda, mentre gli acquirenti aspettavano che le loro case fossero completate.

Secondo la società di ricerca Capital Economics, sono già state vendute più di 1 milione di unità e promesse di costruire Evergrande, lasciando gli acquirenti in una posizione potenziale.

La società ha affermato il mese scorso che “gli obblighi verso famiglie e fornitori di consegnare proprietà precedentemente vendute rappresentano ora la maggior parte delle passività della società”.

“Stimiamo che Evergrande avesse 1,3 trilioni di yuan in impegni di prevendita alla fine di giugno, equivalenti a 1,4 milioni di singole proprietà impegnate per il completamento”.

In una nuova analisi di Il Il giornale di Wall Street, Gli autori sostengono che mentre “gli investitori globali sono preoccupati che la repressione possa portare a difficoltà nei mercati finanziari o a una prolungata recessione immobiliare”, le persone comuni che acquistano appartamenti in blocchi incompiuti “si chiedono semplicemente dove siano finiti i loro soldi”.

READ  Perché i prezzi delle case australiane sono ancora in aumento nonostante il Covid?

Il post ha parlato con un agricoltore, identificato solo come Jiang, che ha affermato di aver recentemente pagato 890.000 yuan (AU $ 183.313) per un appartamento incompiuto nel complesso residenziale di Jed Luan.

Ma il lavoro sul progetto è fermo da mesi, lasciando gli investitori in preda alla frenesia.

Abbiamo speso tutti i nostri risparmi di famiglia in questo appartamento”, ha detto Jiang. Il Il giornale di Wall Street.

“Davvero non sappiamo cosa fare”.

La pubblicazione ha riferito che le città più piccole come Lu’an sono state le più colpite dalla possibile scomparsa di Evergrande, poiché “file di torri di appartamenti, alte circa 26 piani, sono incomplete in questa città di provincia”.

È una storia simile in altre città, il centro della scena di Evergrande, con il destino di innumerevoli sviluppi vuoti – e il destino dei loro proprietari – ora in bilico.

Sembra anche che Evergrande sia solo la punta dell’iceberg, ha recentemente affermato il direttore del Rhodium Group Logan Wright. Il Financial Times La Cina ora ha abbastanza immobili vuoti per ospitare più di 90 milioni di persone.

Trading interrotto

Nel frattempo, Evergrande ha inviato onde d’urto sui mercati ieri dopo aver sospeso le negoziazioni delle sue azioni a Hong Kong, in attesa dell’annuncio di un “grande accordo”.

La notizia è arrivata tra le notizie sui piani della società immobiliare Hopson Development Holdings con sede a Hong Kong di acquistare una quota del 51% nella controllata di servizi immobiliari di Evergrande.

Vendere un asset significa che stanno ancora cercando di raccogliere fondi per pagare le bollette, ha detto a Reuters l’analista di OCBC Eisen Hoo.

READ  Il sindacato dice che i tagli di posti di lavoro del Monte dei Paschi saranno tutti volontari

“L’unità di gestione della proprietà sembra essere la più facile da eliminare nel grande schema delle cose.”

Ma nonostante la potenziale vendita, gli addetti ai lavori rimangono preoccupati che Evergrande perderà i pagamenti degli impegni obbligazionari e l’inadempienza.

L’interruzione del commercio di Evergrande è stata seguita dalla notizia che dozzine di altre società cinesi avevano smesso di commerciare a Hong Kong, che gli esperti hanno visto come un segnale preoccupante delle cose a venire.

Ieri le azioni di Hong Kong sono scese di oltre il 2%.

Leggi argomenti correlati:Cina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto