HomeWorldCinque americani detenuti in Iran sono stati rilasciati e portati fuori dal...

Cinque americani detenuti in Iran sono stati rilasciati e portati fuori dal paese, hanno detto funzionari alla CNN

cinque Americani quello era Incarcerato In Iran Un alto funzionario dell’amministrazione Biden è stato rilasciato e portato fuori dal Paese Qatar Come parte di un accordo più ampio che prevede che gli Stati Uniti rilascino 6 miliardi di dollari (9,3 miliardi di dollari) in fondi iraniani, ha detto alla CNN un funzionario a conoscenza della questione.

Il governo degli Stati Uniti ha classificato tutti e cinque gli americani come detenuti ingiustamente.

Sono volati su un aereo governativo del Qatar per Doha, partito dall’aeroporto di Teheran lunedì pomeriggio (fine lunedì AEST). A bordo dell’aereo c’erano anche due parenti dei detenuti, insieme all’ambasciatore del Qatar a Teheran.

Siamak Namazi, Imad Sharqi e Murad Tahbaz erano tra gli americani ritenuti coinvolti nell’accordo. (fornito)

Il rilascio degli americani pone fine ad un incubo durato anni per i detenuti. Tre di quelli ritenuti parte dell’accordo – Imad Sharqi, Mourad Tahbaz e Siamak Namazi – sono stati imprigionati per più di cinque anni. Namazi è detenuto dal 2015. Non si conosce l’identità degli altri americani.

Anche la madre di Siamak Namazi, Effie Namazi, e Vida Tahbaz, moglie di Morad Tahbaz, che in precedenza non aveva potuto lasciare l’Iran, erano sull’aereo dall’Iran a Doha, ha detto un altro alto funzionario dell’amministrazione Biden.

Il funzionario ha detto che dopo essersi fermati nella capitale del Qatar, si recheranno nell’area di Washington, DC, per ricongiungersi con le loro famiglie.

Il loro rilascio rappresenta un importante risultato diplomatico dopo anni di complessi negoziati indiretti tra Washington e Teheran.

Nel frattempo, Teheran ha continuato a commettere violazioni dei diritti umani contro il suo stesso popolo. Negli ultimi anni È morta Mahsa Amini, 22 anni La detenzione della cosiddetta polizia della moralità iraniana ha scatenato proteste in tutto il paese, che sono state brutalmente represse.
Iran
Mahsa Amini è stata arrestata per aver indossato l’hijab in modo inappropriato ed è morta per mano della polizia. (60 minuti)

L’America impone nuove sanzioni a Teheran

Gli Stati Uniti dovrebbero emettere nuove sanzioni contro l’Iran dopo la pubblicazione di questo rapporto. Alti funzionari dell’amministrazione hanno affermato che questi attacchi avrebbero preso di mira il Ministero dell’Intelligence di Teheran e l’ex presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad.

Si tratta della seconda serie di sanzioni imposte in base a un ordine esecutivo firmato dal presidente Joe Biden che cerca di punire organizzazioni o criminali responsabili di tenere in ostaggio gli americani.

Un alto funzionario dell’amministrazione Biden ha affermato che l’accordo per liberare gli americani dalla detenzione iraniana “non ha cambiato in alcun modo il nostro rapporto con l’Iran”.

“L’Iran è un avversario e uno stato sponsor del terrorismo”, ha detto il secondo alto funzionario.

“Li riterremo responsabili ove possibile”.

Ha aggiunto: “Ci concentriamo quotidianamente su una politica in Medio Oriente che combini deterrenza e diplomazia per ridurre i rischi di aggressione iraniana. Ciò si chiama fermare l’escalation dei conflitti attraverso la diplomazia, ove possibile, e contribuire a costruire un paese più stabile, integrato e prospera regione del Medio Oriente.” Descrizione del funzionario.

Hanno aggiunto: “Ma è evidente che quando abbiamo l’opportunità di riportare a casa i cittadini americani, cerchiamo di coglierla, ed è quello che stiamo facendo qui”.

In base all’accordo concluso tra gli Stati Uniti e l’Iran, 6 miliardi di dollari di fondi iraniani detenuti in conti vincolati in Corea del Sud sono stati trasferiti su conti vincolati presso banche del Qatar. (AP)

In base all’accordo tra gli Stati Uniti e l’Iran, 6 miliardi di dollari (9,3 miliardi di dollari) di fondi iraniani detenuti in conti vincolati in Corea del Sud sono stati trasferiti su conti vincolati presso banche in Qatar. Il Qatar ha informato lunedì i funzionari iraniani e americani che il trasferimento era avvenuto, secondo una fonte che conosce i dettagli della questione.

Fonti hanno riferito alla Galileus Web che il denaro proveniva da vendite di petrolio consentite ed era stato depositato su conti aperti sotto l’amministrazione Trump. Funzionari dell’amministrazione Biden hanno sottolineato che il denaro trasferito sui conti in Qatar potrà essere utilizzato dall’Iran solo per acquisti umanitari e ogni transazione sarà monitorata dal Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti.

L’accordo, che ha già attirato critiche da parte dei repubblicani, prevede il rilascio di cinque iraniani detenuti dagli Stati Uniti.

“Stiamo implementando questo accordo stabilendo quello che chiamiamo Canale Umanitario in Qatar”, che mira a proteggere dal riciclaggio di denaro e dall’uso improprio dei fondi, ha affermato il secondo alto funzionario dell’amministrazione.

Le linee generali di protesta contro la liberazione hanno cominciato a delinearsi a Doha circa sette mesi fa dopo anni di trattative indirette. I primi passi pubblici concreti nell’ambito dell’accordo sono avvenuti circa cinque settimane fa, quando quattro americani sono stati trasferiti agli arresti domiciliari. Il quinto americano era già agli arresti domiciliari.

24. Doha, Qatar
Le linee generali di protesta contro la liberazione hanno cominciato a delinearsi a Doha circa sette mesi fa dopo anni di trattative indirette. (Getty Images/iStockPhoto)

È stato il Qatar a svolgere il ruolo di intermediario chiave per l’accordo finale, con i negoziatori iraniani e americani che si incontravano in hotel separati – uno di fronte all’altro – a Doha mentre i diplomatici del Qatar andavano avanti e indietro per elaborare i dettagli.

Nelle settimane successive al suo trasferimento agli arresti domiciliari, i funzionari statunitensi hanno confermato che le discussioni finali erano in corso e delicate.

Namazi ha la doppia cittadinanza iraniano-americana. Suo padre, Baqer Namazi, è stato rilasciato per cure mediche nell’ottobre 2022, dopo più di sei anni di detenzione in Iran.

Sharqi, l’uomo d’affari, e Tahbaz, l’attivista ambientalista, sono stati arrestati per la prima volta nel 2018. Anche loro sono cittadini iraniano-americani.

A marzo, in un’intervista senza precedenti con la CNN dall’interno della prigione di Evin, Namazi ha rivolto un appello emotivo a Biden affinché mettesse “la libertà degli americani innocenti al di sopra della politica” e intensificasse gli sforzi per garantire il suo rilascio.

La famiglia Namazi, così come le famiglie Sharqi e Tahbaz, avevano lanciato appelli urgenti all’amministrazione Biden affinché intensificasse gli sforzi per riportare a casa i propri cari.

Italo D'Amore
Italo D'Amore
"Pioniere televisivo a misura di hipster. Risolutore di problemi. Introverso umile e irritante. Lettore. Studente. Esperto di pancetta sottilmente affascinante."
Must Read
Related News