SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Chi era: Ritrattista: Eva Lanska | arti

Eva Lanska, di origine russa, ha indossato molti cappelli artistici nel suo viaggio per diventare una regista pluripremiata. La multi-trattino ha un background nel giornalismo, ha scritto cinque romanzi e ha anche avuto una breve carriera come cantante e ha pubblicato il suo album. Ma ora sta finalmente facendo ciò che ama di più, vincendo premi alla regia ai festival cinematografici di tutto il mondo. Harvard Crimson ha incontrato Lanska al Festival di Cannes 2021 per discutere del suo percorso verso la regia, consigliare i giovani registi e cosa serve per avere successo come donna in un settore notoriamente difficile.

The Harvard Crimson: Hai un background artistico diversificato nella scrittura, nella musica e nel cinema. Cosa ti ha fatto atterrare nel film?

Eva Lanska: Ho sempre voluto essere un regista. È la mia personalità, la mia seconda pelle. Non riesco nemmeno a immaginare la vita senza di essa. Quando avevo cinque anni, mia madre ricorda bene che facevo bambole e animali. Ho già iniziato a immaginare il mio scenario.

THC: Pensi che il tuo background di scrittore ti renda un regista migliore?

EL: Scrivere è ciò che mi ha davvero fatto, ciò che ha definito il mio stile. Questo sfondo è molto utile.

THC: Hai avuto dei mentori nel settore quando ti sei trasformato in regista?

EL: Non proprio. Non copio nessuno. È difficile trovare te stesso ed essere te stesso, ma questo è ciò che significa per me essere un artista. Cerco di separare il mio pensiero e i miei pensieri da tutto il resto. Penso che sia importante per gli artisti avere questo filtro.

Certo, ho alcuni registi che apprezzo. Amo i film italiani; Michelangelo Antonioni è uno dei miei registi preferiti. A volte, prima di girare, vado a guardare alcune scene di un suo film che memorizzo a memoria.

THC: Quando eri un bambino, pensavi di poter essere un regista? O suonava troppo difficile o inverosimile?

EL: Onestamente, niente è troppo difficile. Sono sempre stato sicuro al cento per cento di tutto quello che faccio. Quando hai un sogno, trattalo come un biglietto di sola andata – non comprare un biglietto di ritorno.

THC: Hai qualche consiglio per i registi più giovani?

EL: Molte persone, quando iniziano a dire – non sono abbastanza bravo, commettono errori. Questo è un lavoro senza garanzie dure e tangibili. Ma devi comunque seguire il tuo istinto.

Devi anche lavorare sodo. Quando ero una bambina, mi allenavo – anche se volevo uscire o uscire con i miei amici, preferivo invece lavorare. A volte, devi scegliere tra il divertimento e la tua carriera. Fare film non è facile. Tutti si conoscono, e per essere accettati in questo circolo, devi davvero lavorare sodo.

Il mio consiglio più grande è, quando possibile, non accettare la porta chiusa. Se la porta non è aperta, bussa più e più volte finché non puoi sederti con quella persona e avere un colloquio o una conversazione.

Un’altra cosa molto importante per me è lasciare che i fan prendano le proprie decisioni. Do le informazioni, mostro le possibilità e do al pubblico la possibilità di sedersi. Ma non do decisioni definitive e concrete alle persone. Il nostro compito è aiutare le persone a prendere le proprie decisioni e farle riflettere.

THC: Qual è la sfida più grande che hai dovuto affrontare come regista?

EL: Conosci la bassa percentuale di donne che dirigono film. È un problema molto serio. Se ti chiedo quante registe conosci in Russia, mi darai un nome o due. E la quantità di registi che ricevono grandi budget è quasi nulla.

Come donne, dobbiamo unire le nostre forze. Non possiamo continuare a competere tra di noi. non aiuterà. E avremo anche bisogno di un sostegno esterno, forse anche del governo, per sostenere i progetti delle donne. Ci fidiamo già degli uomini; Dobbiamo dare alle donne la stessa fiducia.

THC: Cosa pensi che serva per avere successo in questo settore come donna?

EL: Prima di tutto, disciplina. Secondo, sii flessibile. E francamente, essendo un professionista. Tieni i tuoi sentimenti per te. Soprattutto, non sacrificare mai la tua anima o il tuo corpo.

READ  L'Italia lancia la piattaforma di cinema e cultura digitale