HomeWorldAnnunciato La Niña Watch: ecco cosa potrebbe significare per il clima australiano...

Annunciato La Niña Watch: ecco cosa potrebbe significare per il clima australiano nel 2024

Il Bureau of Meteorology (BOM) è passato ufficialmente a un “La Niña Watch”, riflettendo una maggiore possibilità che il principale fattore climatico, che ha contribuito a portare inondazioni nell’Australia orientale nel 2021 e nel 2022, ritorni entro la fine dell’anno.

La Niña è la fase fredda del fenomeno El Niño Southern Oscillation (ENSO) e in passato ha contribuito a portare piogge e inondazioni significative in Australia.

Tuttavia, il BOM ha rilevato che le temperature globali della superficie del mare hanno raggiunto un livello record nell’ultimo anno, con implicazioni per le loro previsioni.

Le previsioni di fattori climatici come La Niña ed El Niño vengono solitamente calcolate utilizzando documenti storici. La BOM rileva che la natura senza precedenti del riscaldamento degli oceani dello scorso anno significa che le previsioni basate su eventi passati “potrebbero non essere affidabili”.

La Niña esercita una delle influenze più forti sulla variabilità climatica in Australia di anno in anno, con l’entità degli effetti che dipendono dalla sua durata, intensità e interazione con altri fattori climatici. Naturalmente anche la variabilità naturale del tempo gioca un ruolo importante.

Sydney ha registrato l’anno più piovoso mai registrato nel 2022, durante il periodo della Niña.(AAP: Bianca De Marchi)

L’annuncio dell’orologio non è un annuncio dell’arrivo del palco, ma piuttosto un’indicazione che c’è una probabilità del 50% che si sviluppi questo inverno o primavera.

Si tratta di quasi il doppio delle probabilità normali, secondo il professore associato della Monash University Shane MacGregor.

“In un dato anno, le probabilità di entrare in una La Niña sono solitamente circa il 25%, quindi accade circa una volta ogni quattro anni”, ha detto.

“Quindi puoi pensarlo come se le probabilità siano quasi raddoppiate in questo momento.”

La principale agenzia meteorologica statunitense, la National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA), stima che la probabilità che si sviluppi tra giugno e agosto sia leggermente superiore, al 69%. Tuttavia, gli scienziati climatici australiani avvertono che c’è ancora molta incertezza il tempo dell’anno.

READ  Nuovi limiti al valore delle merci passeggeri

Quali sono i segnali che indicano la formazione del fenomeno La Niña?

Ci sono segnali che l’oceano sta già cambiando.

I meteorologi stanno monitorando una grande massa di acqua anormalmente fredda che si trova a 50-150 metri sotto la superficie dell’Oceano Pacifico tropicale.

Con la probabilità che nelle prossime settimane e nei prossimi mesi si verifichi una maggiore quantità di acqua fredda, il calo delle temperature della superficie del mare potrebbe rapidamente spingere l’Oceano Pacifico in condizioni di piena La Niña entro la metà dell’inverno.

Tuttavia, per quanto riguarda il tempo, nulla è certo e l’atmosfera è molto sensibile ai cambiamenti, il che significa che qualcosa come un’improvvisa folata di vento, o un altro uragano, potrebbe fermare lo sviluppo di La Niña sul suo cammino.

Vento e forti piogge hanno colpito le palme di Newell Beach, nell'estremo nord del Queensland

Vento e forti piogge hanno colpito le palme di Newell Beach, nell’estremo nord del Queensland(Fornitore: Weather Obsessed/Judy Marie Mannix)

Un altro fattore che aggiunge peso alle previsioni su La Niña nel 2024 è che i dati storici mostrano che El Niño è spesso, ma non sempre, immediatamente seguito da La Niña, soprattutto se El Niño è forte.

Se il fenomeno La Niña si concretizzerà, sarà il quarto in cinque anni, una ripetizione che si è vista solo due volte dal 1900.

Come funziona La Niña e quali sono i suoi effetti in Australia?

La Niña – che in spagnolo significa “bambina” in riferimento alla sua scoperta da parte dei pescatori peruviani – fa parte dell’oscillazione meridionale di El Niño, che presenta anche la sua fase sorella: El Niño.

L’evento si svolge nella regione tropicale dell’Oceano Pacifico, dove l’oceano e l’atmosfera si combinano in un modo che influenza i modelli meteorologici in tutto il mondo per un lungo periodo che va dai sei mesi agli anni.

READ  Riapertura della bolla di viaggio neozelandese al New South Wales; Identificato l'uomo del barbecue di Sydney Covid; Christine Holgate inizia un nuovo lavoro con Toll Global Express, il suo concorrente dell'Australia Post

I suoi effetti variano in tutto il mondo.

Le precipitazioni invernali e primaverili riducono il tipico fenomeno della Niña

In media, La Niña porta in Australia un clima più umido del normale durante l’inverno e la primavera, soprattutto nell’est e nel nord.(Fornitore: Autorità Meteorologica)

In Australia, il risultato di un evento tipico, basato sulla media degli eventi La Niña passati, è un inverno e una primavera piovosi più del normale nel paese, soprattutto nella parte orientale e settentrionale.

Secondo il BOM, i sei inverni e primavere più piovosi mai registrati nell’Australia orientale si sono verificati durante gli anni della Niña.

A differenza degli anni di El Niño, gli effetti di La Niña spesso persistono anche nei mesi più caldi, con precipitazioni a dicembre e marzo nell’Australia orientale anche in media superiori alla norma.

Gli effetti del “triple dip” di La Niña dal 2020 al 2022 sono una testimonianza di alcuni degli impatti più gravi che il motore climatico può contribuire a ottenere, soprattutto quando peggiorano anno dopo anno.

Questo evento ha contribuito a perdite per miliardi di dollari a causa di inondazioni e forti piogge in gran parte dell’Australia orientale.

Altri eventi alluvionali significativi associati a La Niña includono le inondazioni del 1955, 1988, 1998 e 2010.

Hotel dell'ufficio portuale

L’alluvione del gennaio 1974 a Brisbane inondò il CBD di Brisbane.(Società storica reale del Queensland)

Ma il dottor MacGregor ha affermato che se La Niña si verifica quest’anno, ciò non significa necessariamente che siamo diretti verso una ripetizione delle recenti inondazioni.

“I risultati meteorologici non sono mai garantiti, è uno dei tanti fattori che influenzano le precipitazioni in Australia”, ha affermato.

“In media, riceviamo più precipitazioni del normale durante gli anni della Niña, ma le precipitazioni effettive che riceviamo possono essere piuttosto variabili di anno in anno e di mese in mese.

Una strada invasa da barche, mezzi di soccorso e persone

La Niña aumenta il rischio di inondazioni, ma non le garantisce.(Lettere di notizie)

Gli eventi passati che non sono stati più umidi del normale, in generale, includono l’evento del 2008-2009, quando il clima estremamente caldo e secco da gennaio a febbraio in tutta l’Australia meridionale ha contribuito agli incendi boschivi del Sabato Nero.

Ecco perché l’Ufficio raccomanda di utilizzare le sue proiezioni a lungo termine per le previsioni per le stagioni future, piuttosto che concentrarsi solo sugli effetti tipici di un fattore climatico.

Queste proiezioni sono in grado di tenere conto dello stato dell’atmosfera e degli oceani e delle loro potenziali interazioni tra loro, in un modo più completo rispetto al semplice esame di un clima più secco.

L’imprevedibilità dell’autunno fa sì che la ragazza sia tutt’altro che ingannata

Nonostante i primi segnali dello sviluppo di La Niña, gli scienziati del clima affermano che è importante notare che il suo arrivo è lungi dall’essere scolpito nella pietra in questo momento.

Uno dei motivi è la cosiddetta “barriera della prevedibilità autunnale”.

Andrea Tacchetto, climatologo presso l’Università del Nuovo Galles del Sud, ha affermato che l’atmosfera durante l’autunno è più sensibile ai piccoli cambiamenti.

“Il tempo di caduta è in realtà un periodo di transizione”, ha detto il dottor Tachito.

“Quindi le previsioni su El Niño e La Niñas indicano un periodo dell’anno davvero nebbioso, e l’atmosfera in particolare è un po’ più rumorosa, e stanno succedendo molte cose.”

Un’analogia comune utilizzata per prevedere se El Niño oscilla in questo periodo dell’anno e se oscilla o meno verso La Niña, El Niño o neutrale, è quella di una palla seduta in cima a un’alta collina.

È sufficiente una piccolissima spinta per mandare la palla giù da un lato o dall’altro della collina. Il lotto potrebbe essere così piccolo da non poterlo misurare con precisione.

Ma una volta che la palla inizia a rotolare, aumenta la fiducia nella direzione in cui andrà.

Il dottor Tachito ha affermato che è improbabile che questa maggiore fiducia nel prevedere lo sviluppo di La Niña avvenga prima dell’inverno.

Italo D'Amore
Italo D'Amore
"Pioniere televisivo a misura di hipster. Risolutore di problemi. Introverso umile e irritante. Lettore. Studente. Esperto di pancetta sottilmente affascinante."
Must Read
Related News