Un aggiornamento importante mentre i passeggeri bloccati della Norwegian Dawn inseguono una nave da crociera verso il Senegal

Tutti gli otto passeggeri della Norwegian Dawn, rimasti bloccati mercoledì scorso sull'isola africana di Sao Tomé a causa di ritardi nel ritorno alla nave, si sono uniti alla nave in Senegal, secondo il quotidiano britannico “Daily Mail”. Rapporti multipli.

I passeggeri, tra cui gli australiani Doug e Violeta Sanders, hanno trascorso circa sei giorni cercando di raggiungere la nave dopo che gli era stato rifiutato l'imbarco quando erano tornati tardi da un tour privato.

Il gruppo – che comprendeva una persona paraplegica su sedia a rotelle, una donna incinta e un uomo con problemi cardiaci – ha tentato di ricongiungersi alla nave in Gambia a Pasqua, ma la marea era troppo bassa perché la nave potesse attraccare. .

Newsletter: Ultime notizie in tempo reale. Iscriviti ora

Un portavoce della Norwegian Cruise Line avrebbe confermato che i passeggeri erano tornati sulla nave a Dakar, in Senegal, a più di 3.000 chilometri da dove era stato inizialmente negato loro l'imbarco.

7NEWS ha contattato Norwegian Cruise Lines per confermare i rapporti.

Secondo diversi rapporti, tutti gli otto passeggeri, inclusi gli australiani Doug e Violeta Sanders, sono tornati a bordo della nave in Senegal.
Secondo diversi rapporti, tutti gli otto passeggeri, inclusi gli australiani Doug e Violeta Sanders, sono tornati a bordo della nave in Senegal. credito: Sette

Mercoledì, gli australiani Doug e Violetta hanno parlato con Sunrise, spiegando che erano rimasti senza elementi essenziali, e Violetta era emozionata mentre raccontava agli spettatori la situazione da incubo.

“È stata la peggiore esperienza della nostra vita essere abbandonati in questo modo in un paese straniero”, ha detto Violeta. “Non posso parlare portoghese o una lingua africana”.

“Non abbiamo soldi e le nostre carte di credito non sono accettate.”

Il gruppo stava correndo attraverso sei paesi africani, cercando di ricongiungersi con la Norwegian Dawn.

READ  Da nazione a continente – no grazie

Alcuni membri del gruppo a un certo punto dubitavano che sarebbero saliti sulla nave, con Jill e Jay Campbell, della Carolina del Sud, che hanno detto ai media statunitensi che credevano che l'operatore avesse mancato al suo dovere di diligenza.

“Pensiamo che dimenticassero un dovere fondamentale di diligenza: anche se c'erano una serie di regole, le seguivano molto rigorosamente”, ha detto Jill ai media statunitensi.

Norwegian Cruise Line in precedenza aveva affermato che stava cercando di riportare indietro i passeggeri rimasti bloccati sulla nave, ma aveva sottolineato che il ritorno alla nave in orario era responsabilità degli ospiti.

“Gli ospiti sono responsabili di garantire il ritorno alla nave all'orario annunciato, che viene ampiamente comunicato tramite il sistema di interfono della nave, nelle comunicazioni quotidiane e pubblicato appena prima di scendere dalla nave”, ha affermato.

A Sunrise, James Diamond, un avvocato della TWC, ha messo in dubbio qualsiasi potenziale rivendicazione legale da parte dei passeggeri, affermando che le navi hanno il diritto di partire se i passeggeri sono in ritardo.

“È una regola ferrea. Stanno pagando un sacco di soldi per le tasse di attracco e per affittare lo spazio”, ha detto Diamond.

“Hanno dei momenti in cui devono andarsene. Quei tempi vengono pubblicati. Sfortunatamente so che è moralmente scorretto, ma hanno il diritto di andarsene.”

Diamond ha affermato che i passeggeri non avevano diritto a un risarcimento.

“Se hanno un'assicurazione senza colpa, questa è probabilmente la loro migliore assicurazione affinché cose del genere accadano”, ha aggiunto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto