SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Analisi – La rivoluzione silenziosa nei mercati obbligazionari italiani di Reuters

2/2
© Reuters. FOTO FILE: I media aspettano fuori dall’ufficio del primo ministro a Palazzo Chigi a Roma, Italia, 13 gennaio 2021. REUTERS/Remo Caselli/File Photo

2/2

Scritto da Dara Ranasinghe e Stefano Ribaudo

LONDRA (Reuters) – Il raffreddamento dei titoli di Stato italiani, solitamente tra i più volatili della zona euro, segna un cambiamento fondamentale nel modo in cui gli investitori stranieri vedono il mercato da 2,3 trilioni di euro (2,7 trilioni di dollari), il più grande del blocco .

La volatilità, la tendenza di un asset a mostrare fluttuazioni di prezzo imprevedibili, è generalmente considerata negativa per i rendimenti obbligazionari nel tempo. Quindi il messaggio di uno degli indicatori di volatilità sui Btp, come sono conosciuti i titoli di Stato italiani, sarà accolto favorevolmente dagli investitori.

L’indice è un indicatore della volatilità delle opzioni implicite a 30 giorni sui BTP, che è scesa a circa 50 punti base, circa la metà del suo livello di un anno fa e si avvicina ai livelli visti per i titoli di stato francesi e tedeschi di prim’ordine.

Anche l’indice di volatilità dei BTP, basato su un documento di lavoro dell’European Stability Mechanism, è al livello più basso da oltre tre anni, quando le opzioni sui contratti futures BTP hanno iniziato a essere negoziate.

Grafico: La volatilità cala nel mercato obbligazionario italiano: https://graphics.reuters.com/EUROZONE-BONDS/xlbpgqwbypq/chart.png

“Quello che stiamo vedendo nelle obbligazioni italiane è un po’ di un commercio di riconvergenza che abbiamo visto in passato, quando i mercati obbligazionari dell’eurozona hanno iniziato a negoziare su questa idea che nel tempo ogni paese membro può emettere (debito) allo stesso livello”, ha affermato David Arno, senior Fund manager di Canada Life Asset Management.

READ  Donohue avverte che le tasse sulle società potrebbero essere ridotte di un quinto delle mosse dell'OCSE

Si riferiva al periodo prima della crisi del 2011-2012, quando paesi più deboli come l’Italia e la Grecia godevano di oneri finanziari marginalmente superiori a quelli di Germania o Paesi Bassi finanziariamente forti.

Il divario di rendimento si è ampliato durante la crisi e poi durante le vendite cicliche dei mercati, compreso lo scorso anno, ma da allora è stato interrotto. Questo è stato seguito da un forte calo della volatilità e alcuni credono che questa volta potrebbe durare più a lungo di prima.

Banca centrale europea, Unione europea, Dragon

Diversi fattori stanno guidando il cambiamento nella percezione dell’Italia da parte degli investitori. Il primo è il programma di acquisto di obbligazioni della Banca centrale europea, che ha fissato i costi di finanziamento in tutta la zona euro.

Il secondo è il Fondo Ue per la ripresa dalla diffusione dell’epidemia del valore di 800 miliardi di euro, di cui l’Italia è uno dei maggiori beneficiari, e riceverà nei prossimi anni circa 200 miliardi di euro in sovvenzioni e prestiti. Da allora, i partiti italiani anti-euro, inclusa la Lega di estrema destra, sono diventati meno espliciti nella loro opposizione all’UE.

Infine, la nomina dell’ex capo della Banca centrale europea Mario Draghi a primo ministro a febbraio ha sollevato le speranze che l’Italia possa utilizzare i fondi per la ripresa in modo più efficace per stimolare la crescita economica.

Tutto ciò ha abbassato i rendimenti italiani, anche se si prevede che la crisi COVID-19 invierà il rapporto debito/PIL dell’Italia, il secondo più alto in Europa, a circa il 180%.

“Riteniamo che il mercato abbia sottovalutato l’impatto del piano di risanamento, in particolare in Italia, e che Draghi non abbia mantenuto le sue promesse e supererà le consegne”, ha affermato Jacob Neil. Morgan Stanley (NYSE): Capo del Dipartimento di Economia Europea.

READ  All'orizzonte accordo Unione Europea sul successore di Alitalia - Commissione Unione Europea

Il governo italiano la scorsa settimana ha approvato gli emendamenti a una legge di riforma del sistema di giustizia penale, un elemento chiave di riforma incluso nel Piano di recupero e resilienza.

PASSO BLOCCATO

Non sono solo le metriche di volatilità a mostrare la convergenza delle obbligazioni italiane con le loro controparti con rating più elevato. I rendimenti italiani e tedeschi si sono mossi costantemente negli ultimi mesi, suggerendo che gli investitori considerano l’Italia meno rischiosa di prima, almeno per il momento.

Questo nonostante il rating di credito italiano Baa3 di Moody’s (NYSE:) e il rating BBB- con Fitch – nove tacche al di sotto del triplo tedesco.

Gli analisti di Unicredit (MI 🙂 stimano che la correlazione a 75 giorni tra i titoli italiani e tedeschi sia salita a 0,8 da circa 0,4 poco prima della nomina di Draghi. Nel 2018, dopo che le elezioni in Italia hanno rafforzato i partiti anti-euro, la correlazione era di -0,4, hanno affermato.

Le relazioni tra debito spagnolo e tedesco sono sostanzialmente stabili quest’anno.

“L’aumento della correlazione tra i rendimenti dei BTP e dei Bund suggerisce che il mercato sta trattando il debito italiano come un asset guidato più da fondamentali macro generali piuttosto che da fattori specifici del paese”, ha affermato Luca Casolani, co-responsabile della ricerca strategica di UniCredit. .

La correlazione è attesa agli alti livelli attuali per un “periodo esteso”.

Gli investitori chiedono ancora un premio di 100 punti base sui titoli tedeschi per detenere il debito italiano per 10 anni, riflettendo i rischi di un precoce inasprimento della politica della BCE o di cambiamenti nello scenario politico a Roma.

READ  Il numero crescente di escursionisti e ciclisti dà impulso all'economia svizzera

“Questi due fattori (un governo guidato da Draghi e una posizione pessimistica della Bce) devono continuare a giocare. Se ci sarà una svolta da falco da parte della Bce, sarà una sfida per il debito italiano”, ha aggiunto Casolani.

Grafico: Correlazione delle obbligazioni francesi, spagnole e italiane contro la Germania: https://fingfx.thomsonreuters.com/gfx/mkt/yxmvjzjrzvr/BTP0607.PNG

(1 dollaro = 0,8444 euro)