SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Xi Jinping fa una visita a sorpresa in Tibet, la prima di un leader cinese in più di 30 anni

Il presidente cinese Xi Jinping ha effettuato una visita a sorpresa nella regione politicamente sensibile del Tibet, la prima di un leader cinese in oltre 30 anni.

La visita di due giorni è stata rivelata solo venerdì a causa dei rischi per la sicurezza del viaggio.

Xi si è recato a Nyingchi mercoledì e ha preso un treno per la capitale tibetana di Lhasa il giorno successivo lungo una sezione della ferrovia ad alta quota in costruzione per collegare l’area di confine montuosa con la provincia di Sichuan.

Giovedì, mentre si trovava a Lhasa, Xi ha cercato “di conoscere il lavoro sugli affari etnici e religiosi, la conservazione dell’antica città, nonché il patrimonio e la protezione della cultura tibetana”, ha detto Xinhua.

Ha visitato un monastero e il cortile del Palazzo Potala, la casa tradizionale del leader spirituale del buddismo tibetano, il Dalai Lama, che è in esilio e che Pechino ha descritto come un pericoloso separatista.

La rete televisiva di stato CCTV ha mostrato una donna tibetana che si asciugava le lacrime mentre si univa a una folla di persone in abiti tradizionali e applaudiva con entusiasmo per dare il benvenuto al signor Xi.

Soldati di pattuglia a Lhasa
Il Palazzo del Potala a Lhasa era la casa tradizionale del Dalai Lama prima che fuggisse in esilio nel 1959.(

Reuters/Kyodo, foto d’archivio

)

Xi ha incaricato i funzionari regionali locali di lavorare per far sì che le persone in Tibet si identifichino maggiormente con “la grande patria, il popolo cinese, la cultura cinese, il Partito comunista cinese e il socialismo con caratteristiche cinesi”, secondo Xinhua.

Ha anche detto che solo quando le persone “seguono il partito” si può ottenere il “ringiovanimento della nazione cinese”.

Pechino ha inviato truppe in Tibet nel 1950, in quella che ufficialmente descrive come una liberazione pacifica, e mantiene una forte presenza di sicurezza nella regione, che è stata soggetta a disordini.

L’ultimo leader cinese a visitare ufficialmente la regione è stato Jiang Zemin nel 1990.

Un violento scontro nel 2008 tra la polizia cinese e i monaci tibetani nell’anniversario della 14a uscita del Dalai Lama dal Tibet ha lasciato le autorità locali nell’incertezza per molti anni se il leader cinese in visita lo avrebbe accolto o sarebbe stato al sicuro, ha affermato Yang Zhaohui, professore di politica all’Università di Pechino, ha detto.

Ha detto che l’alta quota del Tibet, che può influenzare negativamente i leader che non hanno familiarità con il clima, è un’altra ragione per cui i migliori leader cinesi visitano raramente il Tibet.

Xi è stato l’ultima volta in Tibet nel 2011, quando era vicepresidente.

Il Dalai Lama segnala durante un incontro pubblico.
Il Dalai Lama vive in esilio in India dal 1959. (

Adel Halim: Reuters

)

Negli ultimi anni, la Cina ha rafforzato il suo controllo sui monasteri buddisti e ha ampliato l’istruzione in cinese anziché in tibetano.

I critici di tali politiche sono regolarmente detenuti e potrebbero ricevere lunghe pene detentive, soprattutto se condannati per associazione con l’86enne Dalai Lama, che ha vissuto in esilio in India da quando è fuggito dal Tibet durante una fallita rivolta contro il dominio cinese nel 1959.

La Cina non riconosce l’autoproclamato governo tibetano in esilio con sede nella cittadina collinare di Dharmsala e accusa il Dalai Lama di voler separare il Tibet dalla Cina.

Nel frattempo, il turismo domestico si è notevolmente ampliato nella regione durante i nove anni di presidenza di Xi e sono stati istituiti nuovi aeroporti, ferrovie e autostrade.

La visita di Xi ha coinciso con il 70° anniversario dell’Accordo in 17 punti, che ha stabilito saldamente il controllo cinese sul Tibet, che molti tibetani dicono sia stato de facto indipendente per la maggior parte della sua storia.

Il Dalai Lama afferma di essere stato costretto a firmare il documento e da allora lo ha rifiutato.

Viene anche nel deterioramento delle relazioni tra Cina e India, che condividono un confine lungo ma conteso con il Tibet.

Gli scontri mortali dello scorso anno tra le forze indiane e cinesi lungo il loro conteso confine ad alta quota hanno radicalmente alterato la relazione già tesa tra i due vicini dotati di armi nucleari.

Questo sembra aver spinto il primo ministro indiano Narendra Modi a congratularsi con il Dalai Lama per il suo compleanno questo mese su Twitter. Ha detto di aver parlato anche con lui al telefono.

Era la prima volta che Modi confermava pubblicamente il suo discorso con il Dalai Lama da quando era diventato primo ministro nel 2014.

Scarica

In una dichiarazione, la Campagna internazionale per il Tibet in difesa della Cina ha descritto la visita del signor Xi come “un’indicazione di quanto sia alto il Tibet nelle considerazioni politiche cinesi”.

Il modo in cui è stata organizzata la visita e “la completa assenza di qualsiasi copertura mediatica immediata del governo della visita indicano che il Tibet rimane una questione delicata e che le autorità cinesi non si fidano della sua legittimità tra il popolo tibetano”, il Washington, DC- gruppo basato ha detto.

AFP/Reuters

READ  Il procuratore generale di New York ha detto che l'indagine dell'organizzazione Trump è ora "con capacità criminale".