Wibhav Kale: Le Nazioni Unite affermano che un attacco di carri armati israeliani ha provocato la morte di un dipendente a Gaza

  • Di Sherrilan Mullan, BBC News e Janhavi Mool, BBC News
  • Bombay

Commenta la foto, Lunedì è stato ucciso il colonnello Waibhav Kale, ex ufficiale dell’esercito indiano

Le Nazioni Unite hanno affermato che la morte di un dipendente indiano questa settimana a Gaza è stata causata dall’attacco di un carro armato israeliano alla sua auto.

Il colonnello Waibhav Kale, ex ufficiale dell’esercito indiano, è morto lunedì dopo che un veicolo delle Nazioni Unite è stato preso di mira vicino alla città di Rafah. Un altro dipendente è rimasto ferito.

La morte del colonnello Cali è la prima di un dipendente internazionale delle Nazioni Unite a Gaza dall’inizio del conflitto.

L’IDF ha detto che l’incidente era in fase di revisione.

Farhan Haq, vice portavoce delle Nazioni Unite, ha detto mercoledì che l’organizzazione “non ha dubbi” sul fatto che i colpi dei carri armati israeliani abbiano colpito il retro dell’auto, che era chiaramente contrassegnata come veicolo delle Nazioni Unite.

Il signor Haq ha detto che l’agenzia voleva conoscere le circostanze in cui è avvenuto l’attacco e stava discutendo con le autorità israeliane.

Ha aggiunto che il Dipartimento di Sicurezza e Protezione delle Nazioni Unite, che impiegava i due dipendenti, aveva formato un comitato d’inchiesta per esaminare l’incidente.

Le Nazioni Unite avevano precedentemente affermato che i lavoratori si stavano recando all’ospedale europeo vicino a Rafah quando la loro auto fu bombardata.

I filmati pubblicati sui social media e verificati dalla BBC mostravano un veicolo con marchio ONU con molteplici buchi fuori dall’ospedale.

Ma le Nazioni Unite hanno affermato che il veicolo era chiaramente contrassegnato e che le autorità israeliane erano state informate in anticipo dei suoi movimenti pianificati.

Fonte immagine, Immagini Getty

Commenta la foto, Un veicolo delle Nazioni Unite nella Striscia di Gaza nell’aprile di quest’anno

Il colonnello Kale, 46 anni, proveniva dallo stato del Maharashtra, nell’India occidentale, ed era entrato a far parte del Dipartimento di Sicurezza e Protezione delle Nazioni Unite a Gaza settimane prima dell’attacco. Questo è stato il suo primo schieramento nella regione.

“Mi ha detto che è entrato a far parte delle Nazioni Unite perché gli sembrava il modo migliore per fare la differenza”, ha detto in una nota Gilles Michaud, sottosegretario generale per la sicurezza.

Ha aggiunto: “Si è impegnato a lavorare per sostenere le persone che hanno un disperato bisogno di aiuto; nel luogo più pericoloso, in un momento di crisi inimmaginabile. Questo la dice lunga sul suo carattere”.

Kale ha trascorso 22 anni nell’esercito indiano prima di optare per il pensionamento anticipato; In seguito ha lavorato in un’azienda privata, ha detto la sua famiglia alla BBC Marathi.

Ma non era contento di un lavoro d’ufficio, quindi ad aprile è entrato a far parte del Dipartimento di Sicurezza e Protezione delle Nazioni Unite.

Suo cugino Chinmayi Kale ha detto ai media locali: “Aibhav Kale, che è indiano, non ha nulla a che fare con Hamas, Israele o questa guerra, ma ha sacrificato la sua vita per la pace. Ora, la pace deve essere ristabilita a Gaza”.

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha dichiarato lunedì di essere “profondamente rattristato” quando ha appreso della morte della lavoratrice e ha inviato le sue condoglianze alla sua famiglia, ha detto Farhan Haq in una nota.

In una dichiarazione separata, Guterres ha affermato che più di 190 membri del personale delle Nazioni Unite sono stati uccisi a Gaza dall’inizio della guerra.

Insieme al colonnello Calley, sei operatori umanitari internazionali e un collega palestinese dell’organizzazione benefica World Central Kitchen dell’Organizzazione mondiale per l’alimentazione sono stati uccisi in un raid israeliano all’inizio di aprile.

La loro morte ha suscitato la condanna internazionale e l’esercito israeliano ha licenziato due alti ufficiali per l’incidente, che ha descritto come un “incidente grave”.

Israele ha lanciato una campagna militare a Gaza con l’obiettivo dichiarato di distruggere Hamas – che controlla Gaza – in risposta all’attacco transfrontaliero del gruppo al sud di Israele il 7 ottobre, durante il quale circa 1.200 persone sono state uccise e altre 252 prese in ostaggio.

Da allora, secondo il Ministero della Sanità nella Striscia, più di 35.090 persone sono state uccise a Gaza.

Reporting aggiuntivo di Malu Corsino a Londra

Leggi altre storie sull’India dalla BBC:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto