HomeentertainmentUn'elegante raccolta di film bulgari presentati al Festival del Cinema di Roma

Un’elegante raccolta di film bulgari presentati al Festival del Cinema di Roma

Lezioni di Plaga di Stefan Komandarev

Foto: Istituto Bulgaro di Cultura di Roma

Da oggi fino al 23 giugno il cinema bulgaro occuperà Roma. Per il 17° anno consecutivo, uno dei luoghi famosi della capitale italiana, la Casa del Cinema di Villa Borghese, ospita il “Festival del cinema bulgaro”. Organizzato dall’Istituto Bulgaro di Cultura a Roma e accompagnatore del cammino della Bulgaria nell’Unione Europea, il Forum sarà presentato quest’anno “An Elegant Bouquet” è uno dei migliori lungometraggi e documentari film È stato prodotto l’anno scorso, come racconta l’autrice del festival, l’attrice Zhanna Yakovleva.

Dyada

La serata inizierà con la proiezione del film “Diada” della regista Yana Titova, che incontrerà personalmente il pubblico e risponderà alle loro domande. Nei giorni successivi verranno proiettati i film “Plaga Lessons” di Stefan Komandarev, la proposta bulgara per l’Oscar di quest’anno nella categoria Film Straniero, “Mother” di Zornitsa Sofia Bobjancheva, e il documentario “Weimar Express” – il primo film della scrittrice e scrittrice della sceneggiatrice Milena, Vochidzhieva, oltre ai film “Christo Forever” e “Chapa incontra Fellini” del giornalista Georgi Toshev.

Weimar espresso

“Christo Forever” è dedicato all’attore Christo Zhivkov, scomparso un anno fa all’età di 48 anni, ma che ha lasciato ruoli in produzioni internazionali come “La Passione di Cristo” di Mel Gibson e “La Professione delle Armi”. ” Del regista italiano Ermanno Olmi. Il secondo cortometraggio racconta la storia dell’incontro e dell’amicizia tra il famoso scultore bulgaro Georgi Shapkanov Csaba e il regista italiano Federico Fellini. Chapa è l’autore dell’unico busto del famoso regista, che ha benedetto l’esposizione pubblica della statua.

Tutti i film che abbiamo selezionato quest’anno sono film pluripremiati. Film che hanno portato riconoscimento alla Bulgaria non solo nel paese, ma anche all’estero. Quest’anno abbiamo deciso di essere più eleganti nelle cose che scegliamo. Ci sono tanti film e tante occasioni per mostrare e parlare del cinema bulgaro. Ma quest’anno accade con gli incontri con i colleghi e con i film di Georgy Toshev su Christo Zhivkov, che è conosciuto qui, come in tutto il mondo, ma purtroppo non è più tra noi. Ma Hristo resta qui, conservando il ricordo dei ruoli che ha ricoperto e delle amicizie che ha concesso. Da non dimenticare il film su Csaba, che racconterà l’incontro tra un grande bulgaro e un grande italiano.

READ  Robert Irwin annuncia una nuova tragedia familiare con la morte del suo pollo Nacho: “Notizia molto triste”

Zhanna Yakovleva

Tutti i film, come nelle precedenti edizioni della Festa del Cinema di Roma, saranno tradotti in italiano, dice Zana, aggiungendo con un sorriso:

“Abbiamo insegnato allo spettatore italiano a leggere i sottotitoli, visto che tutti i film stranieri che arrivano in Italia sono doppiati, gli italiani conoscono solo le voci dei loro artisti, non l’audio originale. Qualcosa che è grandioso ho scoperto il cinema documentario bulgaro con grande interesse e ammirazione, e il mio timore era che al pubblico non interessasse molto questo genere, ma si è rivelato il contrario per i nostri film d’animazione poiché erano ben presentati, ci sono cose umanitarie generali che interessano tutti e i titoli che abbiamo scelto quest’anno sono film incentrati su problemi umani generali.

Nonostante i suoi 17 anni di storia e gli ottimi rapporti con le istituzioni statali bulgare, Per la prima volta, l’edizione di quest’anno del Cinema Forum sarà aperta ufficialmente dalla Vice Presidente della Bulgaria, Ileana IOotova. A Villa Borghese saranno presenti anche il ministro della Cultura Naiden Todorov e l’ambasciatore bulgaro in Italia Todor Stoyanov.

Iliana Iotova, Naiden Todorov e Todor Stoyanov

“Non posso nascondere che è un grande onore e un grande impegno continuare in questo modo, per essere veri ambasciatori e aiutare la cultura bulgara a raggiungere ogni angolo dell’Italia e del mondo. Perché la Bulgaria è un Paese piccolo, si muove con dignità lungo il territorio modo.” Un percorso che lo rende importante in tante cose, ma secondo me la più importante tra queste cose è la cultura”.

Zhanna Yakovleva lo sa bene da Nel corso degli anni ha costruito il ponte tra Bulgaria e Italia attraverso numerosi progetti. I suoi sforzi non sono passati inosservati e pochi giorni fa le è stato conferito la Medaglia d’Oro al Valore del Dipartimento di Stato per il suo contributo alla cultura. L’ex direttore dell’Istituto Bulgaro di Cultura a Roma ha ricevuto il suo personale apprezzamento dall’ambasciatore della Bulgaria a Roma, Todor Stoyanov, che ha sottolineato la sua politica attiva a lungo termine per stabilire l’immagine positiva del Paese all’estero.

READ  Il festival italiano onora il film di Eddie Garcia

“Credo che questo premio non sia importante solo per me, ma sia importante per tutto quello che è successo in questi anni in Italia. Perché ognuno di noi ha fatto tutto quello che poteva, non per se stesso, ma per la Bulgaria”.

Leggi anche:

Pubblicazione in inglese: Al. Markov

Foto: Istituto Bulgaro di Cultura di Roma, Centro Nazionale del Cinema, Centro Culturale “Magnora”, FB/IstitutoBulgaroDiCultura, BGNES, President.bg, Ambasciata di Bulgaria in Italia

Seguici su Galleria di Google NewsPer imparare le cose più importanti della giornata!

Graziella Fazio
Graziella Fazio
"Pioniere televisivo a misura di hipster. Risolutore di problemi. Introverso umile e irritante. Lettore. Studente. Esperto di pancetta sottilmente affascinante."
Must Read
Related News