Un’azienda italiana prevede di spendere $ 70.000 per il metano questo mese in costi che si moltiplicheranno di cinque volte

L’aumento dei prezzi del metano in Italia sta mettendo nel mirino le aziende che soffiano il vetro a causa delle perdite finanziarie, riporta l’Associated Press.

Il prezzo del metano che alimenta i forni per la soffiatura del vetro è quintuplicato sul mercato mondiale. I soffiatori di vetro di Murano, che hanno dozzine di forni a Lake Island, devono usare il metano per bruciare 24 ore su 24, altrimenti il ​​costoso crogiolo all’interno dei forni si romperà.

In passato, Murano è passata alla creazione di pezzi splendidamente realizzati per rivaleggiare con prodotti a basso prezzo provenienti dall’Asia.

Simon Sendez, che possiede un’azienda di soffiatura del vetro di medie dimensioni, consuma 12.000 metri cubi (420.000 piedi cubi) di metano al mese per mantenere i suoi sette forni in funzione per 24 ore. L’attività di Cenedeses è chiusa solo una volta all’anno per manutenzione annuale nel mese di agosto.

“La gente è disperata”, ha detto Gianni de Cicci, presidente dell’Associazione artigiani Convertiginato di Venezia. “Se le cose continuano così, e non troviamo soluzioni a prezzi del gas improvvisi e insoliti, l’intero settore del vetro di Murano sarà in grave pericolo”.

Sendes prevede che i costi del metano aumenteranno dalla sua normale bolletta di circa 11.000 euro a 13.000 euro al mese a 60.000 euro (70.000 dollari) in ottobre.

Per ulteriori rapporti dall’Associated Press, vedere di seguito.

I soffiatori di vetro di Murano sono preoccupati per come le loro aziende sopravviveranno all’impennata dei prezzi del metano. Sopra, un vetraio dà il tocco finale a una creazione in una fabbrica sull’isola di Murano, Venezia, il 7 ottobre 2021.
Antonio Calani / AP Photo

Cendez, come gli altri sull’isola, sta valutando di chiudere una delle sue fornaci per far fronte alla crisi. Il crogiolo rotto costerà 2000 euro. Inoltre, rallenterà la produzione e metterà a rischio gli ordini in sospeso.

READ  Dodge Charger EV 2025 anticipato: è questo il modello di produzione?

I suoi cinque soffiatori di vetro si muovono con precisione inaspettata per evadere un ordine di 1.800 ornamenti natalizi ricoperti di lamine d’oro diretti in Svizzera.

Si inizia il processo con un punto rosso fuso all’estremità di un bastoncino che si fa rotolare su una foglia d’oro, applicandolo uniformemente prima di consegnare la forma al maestro, che la riscalda in un forno prima di soffiare delicatamente nello stecco. Per creare il globo perfetto. Brilla ancora di rosso quando lo taglia con una bacchetta, e un altro soffiatore di vetro lo afferra con i rebbi per aggiungere il tocco finale, una punta appuntita creata da uno spruzzo di vetro fuso posto da un apprendista.

Mentre quella danza progredisce, ne inizia un’altra, che si intreccia e ondeggia negli spazi vuoti. Insieme, possono realizzare 300 ornamenti al giorno, dalle 6:00 alle 14:00.

“Nessuna macchina può fare quello che facciamo noi”, ha detto il maestro David Cimarosti, 56 anni, soffiatore di parabrezza da 42 anni.

Decenni fa, i soffiatori di vetro di Murano sono passati dai forni a legna, con risultati non uniformi, al metano, che brucia a temperature abbastanza elevate da creare la limpidezza microcristallina che rende le loro creazioni così preziose. È l’unico gas che i soffiatori di vetro possono utilizzare per legge. Sono stati catturati in Catch-22 Global Commodity.

Per ora gli artigiani sperano che il mercato internazionale si calmi entro la fine dell’anno, anche se alcuni analisti ritengono che le oscillazioni possano continuare fino alla primavera. Se così fosse, i danni all’economia dell’isola e alle singole imprese potrebbero essere profondi.

READ  Il Gruppo Enapter riceve finanziamenti per la ricerca del valore di 1,3 milioni di euro dal Ministero dell'Economia italiano

Il governo di Roma ha prestato soccorso alle famiglie italiane che devono far fronte all’aumento dei prezzi dell’energia, ma finora non c’è stato nulla di sostanziale per i soffiatori di Murano, le cui piccole dimensioni e densità energetica li rendono particolarmente vulnerabili. La lobby artigiana si incontrerà con i membri del parlamento la prossima settimana per cercare di ottenere aiuti diretti dal governo, che secondo de Chicchi sono possibili in base alle nuove regole dell’UE messe in atto dopo la pandemia.

Oltre alle perdite economiche, gli isolani temono di perdere una tradizione di rendere la loro isola sinonimo di eccellenza artistica.

Il settore è già passato da un’industria di migliaia di lavoratori negli anni ’60 e ’70 a una rete di imprese artigiane per lo più piccole e medie che impiegano un totale di circa 300 soffiatori di vetro. La storia del vetro soffiato a Venezia risale a 1200 anni e si tramanda a Murano di padre in figlio da generazioni. Ma anche nelle sue piccole dimensioni e nonostante le sue ricompense creative, fa fatica ad attirare i giovani a lavorare nei suoi laboratori dove le temperature estive possono raggiungere i 60 ° C (140 ° F).

“Il valore di questa tradizione, di questa storia e di questa cultura non ha prezzo, va oltre il valore economico della vetreria di Murano”, ha affermato Luciano Gambaro, co-titolare di Gambaro & Tagliapietra. “Più di 1.000 anni di cultura non possono fermarsi al problema del gas”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto