SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Una madre peruviana è stata insignita del Premio Nobel Verde per il suo lavoro di creazione di un nuovo parco nazionale nella foresta pluviale amazzonica

Da adolescente madre e attivista, Liz Chikaji ha viaggiato in barca ea piedi attraverso la foresta pluviale amazzonica peruviana con la sua giovane figlia che ha condotto una campagna per proteggere le terre ancestrali degli indigeni Pura dal disboscamento illegale e dall’estrazione mineraria.

Per preservare la foresta da cui dipendono la bora e altre popolazioni indigene per la caccia e la pesca nella regione nordorientale di Loreto in Perù, la signora Chikaji ha guidato la creazione di un parco nazionale di 809.370 ettari.

L’attivismo e la leadership della signora Chikage le sono valse il prestigioso Goldman Environmental Award – noto come “Green Nobel” – che onora l’attivismo di base, insieme ad altri cinque vincitori.

“Dobbiamo tutti continuare a fare progressi nella protezione dell’ambiente e nella riforestazione”.

La signora Chikaji e altri leader indigeni hanno lavorato con funzionari governativi, ambientalisti e scienziati, utilizzando immagini satellitari per mappare le aree da porre sotto protezione.

Ha convinto altre comunità indigene ad approvare il parco e nel gennaio 2018 il governo peruviano ha annunciato la creazione del Parco nazionale di Yaguas.

Con i tassi di deforestazione in aumento in alcune parti dell’Amazzonia peruviana, il parco nazionale è considerato dagli ecologi come vitale per proteggere gli ecosistemi, le torbiere e le foreste pluviali che immagazzinano carbonio.

Ripresa aerea di un fiume circondato da foreste pluviali.
Il governo del Perù ha annunciato la creazione del Parco Nazionale Yaguas nel 2018. (

In dotazione: Goldman Environmental Award

)

Il Goldman Environmental Prize è stato annunciato a San Francisco, in California, durante una cerimonia online, dove il Goldman Environmental Prize fornisce a ciascuno dei sei vincitori un sostegno finanziario per amplificare il loro attivismo ambientale e continuare le campagne locali.

Altri vincitori del premio quest’anno includono Gloria Majija Kamoto, un’attivista malese contro la plastica. L’esperto ambientale Maeda Bilal dalla Bosnia ed Erzegovina. L’americana Sharon Lavigne, attivista contro i rifiuti tossici e l’inquinamento.

Includono anche Tai Van Nguyen, un attivista vietnamita per la conservazione della fauna selvatica, e l’ecologa giapponese Kimiko Hirata.

“Non l’hanno visto come un problema”.

Il lavoro della signora Hirata si è concentrato sull’eliminazione delle vecchie e inefficienti centrali elettriche a carbone in Giappone, uno dei principali responsabili delle emissioni di carbonio e di altre emissioni che alimentano il riscaldamento globale.

Dopo che la centrale nucleare giapponese di Fukushima Daiichi è stata gravemente danneggiata dal terremoto e dallo tsunami del 2011, il governo ha chiuso molte delle centrali nucleari del paese e ha potenziato l’energia a carbone, ha affermato Hirata, membro fondatore della rete Kiko, un’organizzazione no-profit locale per il cambiamento climatico. .

“Dovevamo ricominciare da zero”, ha detto. “La gente non sapeva davvero nulla del carbone… non lo vedeva come un problema”.

Una donna in piedi su una strada cittadina.
Kimiko Hirata ha condotto per anni una campagna contro le centrali elettriche a carbone in Giappone. (

Fornito: Kimiko Hirata

)

Come parte di una campagna nazionale anti-carbone iniziata da Hirata nel 2011, è stato creato un sito web per tracciare le nuove centrali a carbone proposte, insieme a una rete di attivisti che vivono nelle aree in cui sono previste nuove centrali a carbone.

Lavorando con scienziati, accademici, avvocati, giornalisti e leader della comunità, la signora Hirata ha cercato di sensibilizzare in occasione di incontri pubblici e udienze sull’impatto negativo dell’energia da carbone sull’ambiente e sui livelli di inquinamento in Giappone.

La campagna ha dato i suoi frutti.

Entro il 2019, il governo giapponese aveva cancellato 13 centrali a carbone pianificate in tutto il paese, evitando di emettere circa 42 milioni di tonnellate di anidride carbonica all’anno, ha affermato il Goldman Prize Committee.

La gente tiene un cartello che dice giapponese.
Kimiko Hirata crede di aver contribuito a influenzare le mosse del Giappone lontano dall’energia a carbone. (

In dotazione: Goldman Environmental Award

)

La signora Hirata sta facendo pressioni sul Giappone per eliminare completamente l’energia dal carbone e attenersi solo a fonti di energia rinnovabile, come l’eolico e il solare, entro il 2050.

La signora Hirata ha osservato che raggiungere questo obiettivo sarà più difficile in un paese in cui il carbone è visto come una parte importante del mix energetico e dove l’assistenza sanitaria e le questioni economiche spesso hanno la priorità sull’azione per il clima.

La politica energetica del Giappone mira a far sì che le energie rinnovabili contribuiscano dal 22% al 24% dell’energia totale entro il 2030.

Attualmente, il paese ottiene circa il 18% della sua elettricità da fonti energetiche rinnovabili.

Non possiamo semplicemente gridare: ‘Non costruire più centrali a carbone! “Dobbiamo mostrare una soluzione alle persone che lavorano nel carbone”, ha detto la signora Hirata.

Reuters

READ  Cosa potrebbe accadere al KRI Nanggala nei suoi ultimi momenti?