HomeentertainmentUna collaborazione israelo-iraniana sarà proiettata al Festival del cinema di Venezia

Una collaborazione israelo-iraniana sarà proiettata al Festival del cinema di Venezia

Il regista israeliano Guy Nativ continua ad affermarsi nel mondo del cinema internazionale. Dopo aver vinto un Academy Award per il suo cortometraggio “Skin” ed essere apparso al Festival del cinema di Berlino, ora si sta preparando per la prossima 80esima Mostra del cinema di Venezia, in programma il 30 agosto.

Presentato martedì durante una conferenza stampa a Roma, è stato annunciato che il suo ultimo lavoro, “Tatami”, un progetto di collaborazione con l’attrice dissidente iraniana Zar Amir Ebrahimi (“Il sacro ragno”), competerà per il riconoscimento nella stimata categoria Orizzonti – un aspetto importante del festival.

3 Visualizzazione Galleria

da "stuoia"

Quando judo e politica si incontrano, tatami

(Foto: Judah Khatia-Psutoori)

Tatami è il film inaugurale prodotto in collaborazione tra un regista israeliano e uno iraniano. Senza dubbio, questa straordinaria partnership creerà scalpore all’interno della città italiana di altezza artistica. Il Festival del Cinema di Venezia occupa il secondo posto nella gerarchia del panorama cinematografico mondiale, solo il Festival di Cannes occupa una posizione più alta.

“Tatami” racconta la storia della judoka iraniana Leila e della sua allenatrice Maryam, che viaggiano ai Campionati mondiali di judo, con l’obiettivo di vincere la prima medaglia d’oro dell’Iran. Nel bel mezzo della competizione, ricevono un ultimatum dalla Repubblica Islamica, che ordina a Layla di fingere un infortunio e perdere. Con la libertà sua e della sua famiglia in gioco, Laila si trova di fronte a una scelta impossibile: fingere di fare del male e obbedire al regime iraniano come Mariam la implora di fare, oppure sfidarlo e continuare a lottare per l’oro.

Ebrahimi, che interpreta anche Maryam, ha detto: “La storia che raccontiamo in questo film è la storia di molti atleti iraniani che hanno perso le loro possibilità di vita e sono stati talvolta costretti a lasciare il loro paese e i loro cari a causa del conflitto tra regimi e governi. ” “…Spero che questa collaborazione artistica e cinematografica con Jay sia un omaggio a loro, lontano dalla follia dell’odio cieco e della distruzione reciproca.”

3 Visualizzazione Galleria

da "punti di luce"da "punti di luce"

“Macchie di luce” di Adam Wingrod

(Foto: Festival del Cinema di Venezia)

“È un vero onore collaborare con le vere forze creative della natura – Zaar, Arien ed Elham – per dare vita a questa importante storia”, ha affermato il regista Guy Nattiff. “Per noi è più di un semplice film. È una dichiarazione creativa al mondo mentre migliaia di iraniani innocenti pagano con la vita per la libertà”.

Jamie Ray Newman, moglie e coproduttrice di Native, interpreta Stacy Travis nel film.

In un ulteriore angolo israeliano del festival, il regista Adam Wingrod proietterà un documentario in realtà virtuale chiamato Spots of Light, che sarà presentato in anteprima mondiale al festival. Il film racconta la storia di Dan Liani, che perse la vista mentre prestava servizio nella prima guerra del Libano. Dopo 25 anni di cecità, assistette ad un recupero quasi miracoloso della vista. Assistendo per la prima volta alla moglie e ai quattro figli, questa storia prende una svolta inaspettata.

“Questa è la mia prima esperienza con la tecnologia della realtà virtuale”, ha detto Wingrod in un’intervista a Ynet. “È stato un processo lungo e non così semplice e, a dire il vero, non mi aspettavo molto da questo progetto, quindi essere accettato a Venezia è molto emozionante!

“Ma quello che davvero mi emoziona e mi appassiona è conoscere e lavorare con Dan Liani, il protagonista della storia, per il quale ho realizzato anche un cortometraggio che è stato recentemente proiettato al Jerusalem Film Festival. Abbiamo deciso di presentare la nuova esperienza in ‘English in Venice’, in modo che la storia di Dan sia accessibile a persone di tutto il mondo. Dan è una fonte d’ispirazione e sono felice che la sua storia abbia una tale visibilità. Non ho dubbi che fornirà forza e responsabilizzazione a molte persone. “

Spots of Light gareggerà nella parte immersiva del Festival del Cinema di Venezia, presentando diversi progetti di realtà virtuale.

Il produttore israeliano Ehud Bleiberg, noto per film come “The Iceman”, “The Band’s Visit” e “Adam Resurrected”, fa parte della troupe di produzione di “In the Land of Saints and Sinners” con Liam Neeson, anch’esso in programmazione. al festival. La storia è incentrata su un remoto villaggio irlandese, dove un assassino appena in pensione si ritrova coinvolto in un gioco mortale del gatto e del topo con un trio di terroristi vendicativi.

L’edizione di quest’anno del Festival del Cinema di Venezia doveva essere un evento giubilante e gioioso, che celebrava il suo 80° anniversario. Tuttavia, l’intensità dei festeggiamenti e il potere delle star sul tappeto rosso diminuiranno, a causa dei continui scioperi di sceneggiatori e attori di Hollywood, che influenzeranno tutti gli eventi correlati.

3 Visualizzazione Galleria

Più associazione con la nevePiù associazione con la neve

Emozionante storia di sopravvivenza, “The Snow Society”

(Foto: Festival del Cinema di Venezia)

Uno dei membri attesi della giuria è Saleh Bakri, un attore cinematografico e teatrale palestinese, noto per le sue critiche esplicite alla politica israeliana in Cisgiordania e che era tra gli arrestati a luglio per aver partecipato a una protesta ad Haifa. Contro le incursioni dell’esercito israeliano nel campo profughi di Jenin.

Il film atteso per chiudere il festival si intitola “The Snow Society”, un thriller sul viaggio di una squadra di rugby che si schianta su un ghiacciaio delle Ande, e i pochi passeggeri sopravvissuti all’incidente si ritrovano in uno dei viaggi più difficili del mondo. mondo. ambienti per la sopravvivenza.

READ  Ram Charan, Upasana e Chiranjeevi esplorano l'Italia prima del matrimonio di Varun Lavanya
Graziella Fazio
Graziella Fazio
"Pioniere televisivo a misura di hipster. Risolutore di problemi. Introverso umile e irritante. Lettore. Studente. Esperto di pancetta sottilmente affascinante."
Must Read
Related News