SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Un nuovo studio fa luce sulle profonde origini evolutive del sorriso umano

Vista orale e laterale di un ipotetico modello di mascella odontoiatrica che mostra le file dentali e la ricostruzione del dente protesico.
Martin Rocklin, Centro per la biodiversità naturale

Sezione virtuale attraverso la mascella sciatica che mostra le linee di crescita e l’aggiunta di denti utilizzati per ricostruire i denti sostitutivi.
Martin Rocklin, Centro per la biodiversità naturale

Le origini del bel sorriso sono state a lungo ricercate nelle mascelle spaventose degli squali vivi che sono stati considerati fossili vivi che riflettono lo stato ancestrale dell’evoluzione dei denti vertebrati e l’inferenza della loro evoluzione. Tuttavia, questa visione ignora i veri fossili che riflettono più accuratamente la natura degli antichi antenati.

È stata pubblicata una nuova ricerca condotta dall’Università di Bristol e dal Naturalis Center for Biodiversity Ecologia ed evoluzione della natura Rivela che i denti dei parenti viventi degli squali non sono completamente rappresentativi dell’ultimo antenato comune dei vertebrati mascellari.

Lo studio rivela che mentre i denti si sono evoluti una volta, i denti complessi sono stati acquisiti e persi più volte nella storia evolutiva e la sostituzione dei denti negli squali vivi non è il miglior modello nella ricerca di soluzioni curative per le malattie dentali umane.

L’autore principale Martin Rocklin del Naturalis Biodiversity Center nei Paesi Bassi ha dichiarato: “Abbiamo utilizzato i raggi X ad alta energia nella linea di raggi TOMCAT della sorgente di luce svizzera presso l’Istituto Paul Scherrer in Svizzera, per studiare la struttura del dente, la mascella e l’evoluzione tra gli antenati degli squali. Di più file consecutive di denti, che sono molto diverse dai cuscinetti dentali che si trovano davanti alla mascella nell’acantoide e attraverso le mascelle della corona cartilaginea.

READ  Sotto una città rurale, alla ricerca delle fondamenta dell'universo

Coautore Professor Philip Donoggio Dall’Università di Bristol Facoltà di Scienze della Terra Ha detto: “I denti vertebrati sono caratterizzati da una disposizione ordinata per consentire l’occlusione e l’alimentazione efficace per tutta la vita dell’animale. Si ritiene che questa organizzazione e la rottura dei denti abbiano avuto origine in un meccanismo di sviluppo globale, la lamina dentale, che appare negli squali. La condizione che vediamo nelle file successive di denti non può essere spiegata da questo meccanismo. “”.

Il coautore Benedict King del Naturalis Center for Biodiversity ha dichiarato: “Utilizzando metodi all’avanguardia per la stima dello stato ancestrale probabilistico, stiamo costruendo su questa scoperta per dimostrare che i denti erano presenti nella corona progenitrice degli gnatostomi, mentre complessi denti, briciole dentali lamellari e sostituzione coordinata, si sono evoluti. Tutti indipendentemente e molte volte persi nel primo sviluppo dei vertebrati mascellari “.

Questo lavoro è stato sostenuto dal Dutch Research Council NWO (Borsa di studio Vidi), dal Natural Environment Research Council, dall’Istituto Paul Scherrer, dall’UE Horizon2020 e dal Naturalis Center for Biodiversity.

carta

“L’evoluzione dei denti spinali e l’origine dello gnatostomo” di Martin Rocklin, Benedict King e John A. Cunningham, Zerina Johansson, Federica Marron e Philip CJ Donogo in Nature Ecology & Evolution.

/ Rilascio generale. Questo materiale proviene dall’organizzazione originale e può essere di natura cronologica ed è modificato per chiarezza, stile e lunghezza. Spettacolo completo Qui.