SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Un cucciolo di castoro è nato a Exmoor per la prima volta in 400 anni | Ambiente

Un cucciolo di castoro è nato a Exmoor per la prima volta in 400 anni dopo che il National Trust ha reintrodotto con successo due adulti nel gennaio 2020.

Le riprese della telecamera mostrano il gruppo di sei settimane che nuota verso la casa di famiglia con la madre in un grande recinto a Holnicote Estate nel Somerset, dove due castori eurasiatici sono stati rilasciati per la prima volta nei 125 anni di storia del fondo.

Le autorità del parco avevano l’idea che la coppia si fosse accoppiata con successo perché il maschio iniziò a tirare più legna e piante intorno alla loro tana nella tarda primavera. “La femmina ha anche cambiato le sue solite abitudini, rimanendo nascosta e lasciando che il maschio corresse da solo”, ha detto Jack Siviter, un ranger di Holnicote Estate.

“Ci sono volute diverse settimane prima che la trovassimo di nuovo, ed è stato allora che i nostri sospetti che stesse partorendo sono stati confermati, perché aveva capezzoli molto chiari”.

La prima madre si chiamava Grylls, in onore dell’avventuriero televisivo Bear Grylls, perché ha un forte istinto di sopravvivenza. I ranger hanno affermato di essere particolarmente felici di vedere che la femmina ha un kit di attrezzi perché è rimasta orfana in giovane età. I giovani castori rimangono con i genitori per circa due anni prima di partire per costruire la propria terra.

Roditori semi-acquatici “ingegneri dell’ecosistema” e Sono stati rilasciati nella tenuta Per mitigare le inondazioni e aumentare la biodiversità. Dal loro arrivo hanno trasformato le foreste non gestite nei loro 2,7 ettari circostanti in una zona umida più aperta. Ciò ha creato diversi habitat a beneficio di una vasta gamma di animali selvatici, tra cui sparvieri, galli forcelli, aironi, pesci d’acqua dolce e pesci.

READ  Feste religiose, cremazioni ed epidemie

Fatte di alberi, fango, pietre e piante, le tane dei castori rallentano il flusso dell’acqua, creando un mosaico di dighe, stagni e canali. Abbattendo gli alberi, producono più luce, attirando piante delicate come calendule e amaranto di palude, oltre a valore del legno morto L’habitat di pipistrelli, gufi, picchi e invertebrati. Le lontre sono state viste più regolarmente nel sito dall’arrivo dei castori.

“La trasformazione dell’habitat è stata sorprendente”, ha affermato Ben Erdley, project manager del National Trust a Holnicote. “Il passaggio da foreste secche e non gestite a un complesso di zone umide più aperto in così poco tempo non ha solo migliorato la diversità della fauna selvatica che vediamo nella fattoria, ma anche i numeri.

“Questo è davvero importante perché i castori fanno molto di ciò che vogliamo vedere in termini di conservazione e gestione del territorio. Lasciano luce e acqua in situ, aiutano i processi naturali e offrono opportunità per una vasta gamma di altri animali selvatici”.

I castori furono cacciati fino all’estinzione in Gran Bretagna nel XVI secolo per la loro carne, pelliccia e ghiandole odorifere, ma furono cacciati. reintrodotto In diverse località dai primi anni 2000. Il progetto fa parte del National Trust’s Riverlands Programma, che mira ad aumentare la biodiversità nei fiumi del Regno Unito e ad affrontare gli effetti del cambiamento climatico.

Il nuovo arrivato non ha ancora un nome. Fondo nazionale Nei prossimi giorni verrà lanciato un invito a presentare proposte sui social media.