SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Turchia: la città cipriota di Varosha riapre tra l’opposizione greca |انية Notizie sull’Europa

La decisione di riaprire due uffici ha suscitato la condanna internazionale, con il segretario di Stato americano Anthony Blinken che l’ha definita provocatoria e inaccettabile.

Le autorità dell’autoproclamata Repubblica turca di Cipro del Nord hanno annunciato martedì la riapertura parziale di una città abbandonata per un possibile reinsediamento, suscitando un forte rimprovero da parte dei greco-ciprioti e dei leader internazionali, compresi gli Stati Uniti.

Varosha, uno spaventoso gruppo di hotel abbandonati e grattacieli, è deserto dalla guerra del 1974 che divise l’isola, una zona militare a cui nessuno è permesso di entrare.

Le autorità di Cipro del Nord hanno aperto una piccola area per le visite quotidiane nel novembre 2020 e hanno dichiarato martedì che parte di essa sarebbe stata convertita ad uso civile con un meccanismo in atto per consentire alle persone di recuperare le proprie proprietà.

“Inizierà una nuova era a Maras che andrà a beneficio di tutti”, ha affermato il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, in visita martedì a Cipro settentrionale. Maras è il nome turco di Varosha.

“Non abbiamo altri 50 anni da perdere”, ha detto Erdogan alla folla durante una processione per celebrare il 47esimo anniversario dell’invasione del suo paese che ha diviso l’isola del Mediterraneo.

Si riferiva a decenni di tentativi falliti dell’ONU per riunificare Cipro.

“Non è possibile fare progressi nei negoziati senza accettare l’esistenza di due popoli e due stati uguali nella situazione”, ha detto.

I leader greco-ciprioti temono che il cambiamento di status della regione dimostri la chiara intenzione della Turchia di impadronirsene. Il presidente greco-cipriota Nicos Anastasiades ha definito la mossa “inaccettabile”.

READ  Migliaia di soldati afgani fuggono in Tagikistan dopo gli scontri con i talebani

“Cambia o è un tentativo di cambiare lo status quo”, ha detto.

Il ministero degli Esteri greco ha dichiarato di aver condannato la mossa “con la massima fermezza”.

In una dichiarazione, il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha anche affermato che la decisione “contra chiaramente le risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite” che “richiedono esplicitamente l’amministrazione di Varosha da parte delle Nazioni Unite”.

“Gli Stati Uniti considerano le azioni dei turco-ciprioti a Varosha, con il sostegno della Turchia, provocatorie, inaccettabili e incompatibili con i loro precedenti impegni di impegnarsi in modo costruttivo in colloqui di risoluzione”, ha affermato.

“Esortiamo i turco-ciprioti e la Turchia a revocare la loro decisione annunciata oggi e tutte le misure adottate dall’ottobre 2020”.

“Pericoli che aumentano le tensioni”

Anche il capo della politica estera dell’Unione europea, Josep Borrell, ha espresso preoccupazione.

“[The] Una decisione unilaterale annunciata oggi dal presidente Erdogan e [Northern Cyprus leader Ersin] “I tartari rischiano di aumentare le tensioni sull’isola e di compromettere il ritorno ai colloqui su una soluzione globale della questione di Cipro”, ha affermato su Twitter.

Il ministro degli Esteri britannico Dominic Raab ha affermato che l’annuncio della Turchia “contraddice alle risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite” e minaccia di “minare il processo di risoluzione di Cipro”.

READ  Trump afferma la sua autorità sui repubblicani mentre Liz Cheney affronta la cacciata | Repubblicani

Le risoluzioni delle Nazioni Unite chiedono che Varosha sia consegnato all’amministrazione delle Nazioni Unite e che permetta alle persone di tornare a casa.

Anastasiades ha affermato che se “il vero interesse della Turchia è restituire la proprietà ai suoi legittimi proprietari… avrebbero dovuto adottare risoluzioni delle Nazioni Unite e consegnare la città alle Nazioni Unite, consentendo loro di tornare in condizioni di sicurezza”.

Gli sforzi di pace hanno ripetutamente vacillato e una nuova leadership turco-cipriota, sostenuta dalla Turchia, afferma che un accordo di pace tra due stati sovrani è l’unica opzione praticabile.

Il governo della Repubblica di Cipro, appoggiato dall’Unione Europea, boccia l’accordo dei due Stati per l’isola, che concede lo status di sovrano allo stato settentrionale di Cipro, riconosciuto solo da Ankara.

Varosha è stata a lungo vista come una merce di scambio per Ankara in qualsiasi futuro accordo di pace e una delle aree ampiamente previste per essere restituite all’amministrazione greco-cipriota in un accordo.

La mossa turco-cipriota ha reso questa ipotesi ancora più ambigua.