SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Troppo presto per ridurre gli acquisti di obbligazioni epidemiche “di emergenza”: Visco . della BCE

Nonostante la graduale ripresa delle economie e la riapertura del turismo estivo in molte parti della zona euro, non è ancora il momento di porre fine alle misure di stimolo di emergenza, ha detto domenica il governatore della Banca centrale d’Italia Ignazio Visco alla CNBC al G20.

“Questo è un programma di emergenza relativo agli effetti della pandemia”, ha detto Visco, che è anche membro del consiglio di amministrazione della Banca centrale europea, ad Annette Weisbach della CNBC a Venezia, in Italia.

Visco si riferiva in particolare agli acquisti di obbligazioni di emergenza pandemica, o PEPP, che sono stati schierati nella primavera del 2020 per sostenere l’economia mentre la crisi economica causata dalla pandemia ha travolto l’Europa e la maggior parte del mondo.

Alla domanda se ritenesse che le richieste di alcuni funzionari europei di ridurre gli acquisti di obbligazioni fossero premature, Visco ha risposto: “Non ne abbiamo discusso”. Ma ha aggiunto: “Gli effetti della pandemia non si limitano alla volatilità del mercato, ma anche alla capacità di tornare all’obiettivo del 2%”, riferendosi all’obiettivo di inflazione della zona euro.

“Quindi, per non muoverci in qualche modo verso questo obiettivo, penso che dobbiamo preservare tutti i nostri strumenti e ne discuteremo nei nostri incontri”, ha detto Visco, sottolineando la dipendenza della Bce dai dati economici in arrivo.

Il morale del capo della banca centrale era in linea con La decisione di giugno della Banca centrale europea di sostenere il ritmo dell’aumento dell’acquisto di obbligazioni Nel terzo trimestre, nonostante le aspettative di rimbalzo.

“Ovviamente questa è una cosa basata sui dati e non dipende dal percorso, è basata sui casi, quindi è quello che dobbiamo fare davvero: osservare, capire e poi prendere una decisione”, ha aggiunto Visco.

READ  Sarà indagato un attacco informatico alle società statunitensi tramite il software Kaseya collegato alla Russia

L’obiettivo di inflazione non è più un “tetto” ma un “obiettivo”

L’inflazione nell’Eurozona rimane una preoccupazione, poiché lo stimolo monetario e fiscale combinato con una ripresa stimolata dalle campagne di vaccini fa aumentare l’attività economica ei prezzi. Ma Visco ha detto che pensa che i costi più elevati saranno transitori.

“Ci sono alcune voci i cui prezzi sono aumentati, a causa dell’abolizione dei tagli dell’IVA (imposta sulle vendite) in Germania, a causa dell’aumento dei prezzi dell’energia… Quindi sì, avremo un’inflazione più alta quest’anno ma non penso che lo sarà sempre».

Il La Banca centrale europea ha deciso giovedì di adeguare il suo obiettivo di inflazione al 2%, pur consentendo eccessi. “Non è più un tetto… è un obiettivo… un obiettivo… c’è stato un certo ritiro dalle aspettative di inflazione”, ha aggiunto.

Il precedente obiettivo della Bce era “sotto il 2% ma vicino”.

“C’è ancora una forte stagnazione nell’economia europea; questa stagnazione non è equamente distribuita tra i paesi”, ha detto Visco, sottolineando che il consiglio direttivo della Bce dovrebbe tenere conto del tasso di inflazione completo nella zona euro, non dei tassi di inflazione dei singoli paesi .

“Ci aspettiamo ancora che l’inflazione ora sia compresa tra l’1,4% e l’1,5% nel medio termine. Quindi dovrebbe essere del 2% nel medio termine e quando sarà del 2% nel medio termine saremo felici di averlo risultato.”

“Buon ritmo di ripresa”

L’Unione europea ha dovuto affrontare perdite economiche sconcertanti nel corso della pandemia, così come gran parte del mondo. Ma Visco ha detto che gli ultimi dati mostrano un recupero.

“Abbiamo visto un calo della produzione del 9% l’anno scorso”, ha detto, descrivendo il primo trimestre di quest’anno come “essenzialmente piatto” seguito da un significativo miglioramento nel secondo trimestre.

“Siamo a un buon ritmo di recupero per la seconda metà e posso dire che più della metà di ciò che abbiamo perso l’anno scorso è stata recuperata quest’anno. Ciò significa che la produzione sta andando bene”, ha affermato, aggiungendo che il servizio anche il settore è in ripresa.

Una veduta del Ponte dei Sospiri durante la riunione dei ministri delle finanze e dei governatori delle banche centrali del G20 a Venezia, il 10 luglio 2021.

Andreas Solaro | AFP | Getty Images

Ma ci sono ancora molte aree di preoccupazione, in particolare viaggi, turismo e tempo libero, che soffrono delle continue restrizioni ai viaggi in tutto il mondo. La variante delta del coronavirus in rapida diffusione sta preoccupando anche funzionari sanitari ed economisti.

Tuttavia, Visco ha affermato di ritenere che la campagna di vaccinazione prometta una ripresa continua.

“C’è un grande successo nella campagna di vaccinazione, che ha migliorato la fiducia”, ha detto. Indicando Venezia, “in questa città ora c’è molto turismo, pendolarismo, e potrebbe essere accompagnato da qualcosa che ancora non ci accorgiamo: la nuova ondata”, ha detto.

“Quindi questo è il pericolo principale che dobbiamo affrontare”, ha detto. “Le misure che il governo ha preso per contenere la mobilità, la distanza, ecc., hanno avuto successo, dico, e il bilancio delle vittime è ora notevolmente ridotto. Quindi questo è un paese dove i risultati sono stati davvero positivi; dobbiamo lavorare per mantenerlo».