Tria afferma che l’Italia raggiungerà il suo obiettivo di deficit, senza che sia necessaria alcuna correzione

FOTO DI FILE: Il Ministro dell’Economia italiano Giovanni Tria partecipa alla votazione finale sulla legge di bilancio italiana per il 2019 nella Camera bassa del parlamento a Roma, Italia, il 29 dicembre 2018. REUTERS/Remo Caselli/

DAVOS, Svizzera (Reuters) – L’Italia raggiungerà quest’anno il suo obiettivo di deficit di bilancio e non c’è bisogno di alcuna misura correttiva per evitare che venga superato, ha detto mercoledì il ministro dell’Economia Giovanni Tria.

Roma punta a un deficit del 2,04% del Pil, ma con il rallentamento della crescita economica, molti analisti si aspettano un numero più alto a meno che non vengano adottate nuove misure di contenimento.

“Non c’è bisogno di alcun pacchetto correttivo”, ha detto Tria a Reuters in un’intervista. Ha aggiunto: “Le misure correttive in un momento di grave rallentamento economico, che aggraverebbero il rallentamento, vanno contro ogni logica”.

Il governo del Movimento 5 Stelle e la Lega di destra hanno abbassato l’obiettivo dopo una lunga battaglia con la Commissione Europea, che ha rifiutato il suo obiettivo originale del 2,4%.

La Banca d’Italia ha dichiarato la settimana scorsa che il prodotto interno lordo potrebbe essersi contratto alla fine dello scorso anno per il secondo trimestre consecutivo, portando la terza economia della zona euro in quella che gli economisti conoscono come recessione tecnica.

La banca centrale prevede una crescita dello 0,6% quest’anno, circa la metà dell’obiettivo del governo dell’1%, che ridurrà le entrate e renderà più difficile il raggiungimento degli obiettivi di finanza pubblica.

La pressione del mercato sull’Italia si è ampiamente allentata dopo l’accordo sul bilancio con la Commissione, ma i segnali di un notevole slittamento fiscale potrebbero ancora una volta smorzare l’appetito degli investitori per il debito italiano.

READ  5 cose da tenere d'occhio sull'ASX 200 martedì 10 ottobre 2023

(Segnalazione di Silvia Aloisi, scrittura di Gavin Jones, montaggio di Steve Shearer e Toby Chopra)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto