SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Smettila di fingere che i fascisti italiani siano vittime innocenti

Penso di poter essere orgoglioso di qualsiasi record per il gran numero di “recensioni” prima che il mio libro diventasse effettivamente disponibile: c’erano almeno quattro persone con documenti di destra che offrono il downgrade del mio libro solo in base al titolo! Poiché gli insulti contro di me erano già al culmine, ho letto un commento su una pagina di social media neofobica che diceva: “Non preoccuparti, abbiamo già vinto la guerra a Phoebe”. Il Memorial Day del 10 febbraio, infatti, non è stato contestato da nessun partito politico: sono tutti d’accordo con sfumature diverse. Tutti accettavano una prospettiva nazionalista, che, volenti o nolenti, significava un rifiuto del fascismo.

C’è la stessa tensione tra il mondo politico e quello mediatico che rievocano questi eventi in parti diverse e in modi sbagliati – e (sempre raro) storici onesti e coraggiosi cercano di sfidare la storia che gira. Oggi è facile raccontare storie false e mettere da parte alcune voci che non appartengono al coro.

Ma questo è un grave errore politico, perché la nostra democrazia è in pericolo qui. Basta mettere fuori legge gli storici che dicono la verità, ma è pericoloso incolpare l’opposizione e presentare i fascisti come eroi e martiri. Questo è qualcosa che l’intera classe politica fa ogni anno, rendendo omaggio ai “martiri della fobia” – molti dei quali combattenti fascisti – da parte di funzionari statali, non solo sindacati privati ​​di mentalità fascista.

Con questo utile accordo politico sul Memorial Day del 10 febbraio, semmai, il 25 aprile – l’anno della liberazione dall’occupazione tedesca e dal dominio fascista – è il vero oggetto di controversia politica. È spesso definito come diviso dagli stessi politici, che sono soggetti al falso riconsiderazione di Phoebe e si rifiutano di riconoscere i valori antifascisti.

READ  Domenica 11 morti per COVID-19 e 5.735 nuovi casi sono stati segnalati in Italia

Questo è perfettamente coerente: la storia che raccontano su Phoebe è in un’ovvia contraddizione che celebra l’opposizione. Perché è il risultato di una pagina di memoria, la parte fascista, tuttavia, ha conquistato una posizione dominante nelle politiche della memoria pubblica del nostro paese. In breve, se tutti i politici concordano sul fatto che l’anti-crimine (jugoslavo) e il fascismo sono completamente innocenti, allora condanna esplicitamente il 10 aprile come data per la celebrazione “unilaterale” dell’antifascismo (equivalente al comunismo) con quei nostalgici.

Tutto ciò dimostra il tentativo di rimuovere i valori fondamentali della nostra costituzione del dopoguerra: i valori di libertà, democrazia, antifascismo. Nessun partito politico sembra avere un genuino interesse a proteggerli.