HomeEconomySi prevede che la debole economia italiana subirà un duro colpo a...

Si prevede che la debole economia italiana subirà un duro colpo a causa dell’epidemia di virus

Si dice che l’economia già debole dell’Italia abbia subito un duro colpo dall’epidemia di coronavirus del paese – la più grande in Europa – con gli stranieri che annullano le visite e rifiutano i prodotti realizzati in Italia.

Intere città del nord, il cuore delle industrie manifatturiere e finanziarie italiane, sono state isolate e le compagnie aeree hanno ridotto i loro voli verso il Paese, il che significa che si prevede che viaggeranno meno persone.

Il risultato sono perdite miliardarie tra hotel, ristoranti, siti turistici famosi e molti altri.

Si prevede che le turbolenze riporteranno l’Italia in recessione e influenzeranno l’economia europea nel suo complesso, con paesi focalizzati sul commercio come Germania, Francia e Gran Bretagna alle prese con l’interruzione globale delle catene di approvvigionamento e dei viaggi.

Venditore del mercato

Un venditore attende i clienti al mercato di Campo dei Fiori a Roma (Andrew Medichini/AP)

Stefania Stia possiede due hotel a Venezia, dove la recente cancellazione dell’annuale Carnevale ha svuotato la città in un solo pomeriggio e ha fatto scendere il tasso di occupazione a un 1-2% senza precedenti.

La signora Stia, vicepresidente dell’Associazione Albergatori di Venezia, conta da 7.000 a 10.000 euro (da 6.000 a 8.500 sterline) di cancellazioni al giorno per le sue 39 camere, tutte attualmente vuote.

“Ricevo cancellazioni fino a giugno”, ha detto. Le uniche prenotazioni che ricevo sono per Natale o Capodanno, quando le persone sperano di raggiungere un accordo.

Si prevede che l’economia italiana subirà una contrazione in questo trimestre, con l’economista dell’Università Bocconi Francesco Davieri che prevede una contrazione dello 0,3%. Ciò corrisponderebbe all’improvvisa contrazione dell’ultimo trimestre del 2019 e porterebbe il Paese in una recessione tecnica.

READ  Emissioni di gas serra nell'economia Ue: -3% nel primo trimestre 2023 - Prodotti Eurostat News

Il Paese ha già perso il 4% del Pil nelle recessioni successive durante i primi due decenni di questo secolo, e la ripresa si è arrestata negli ultimi due anni.

Le banche stanno ancora cercando di bruciare un mucchio di crediti inesigibili lasciati dalla crisi finanziaria di dieci anni fa, e il peso del debito pubblico del governo – il più alto in Europa dopo la Grecia – limita la capacità del paese di aumentare significativamente la spesa per aiutare l’economia, se necessario. . .

RomaRoma

Tavoli vuoti affollano le strade solitamente trafficate di Roma (Andrew Medichini/AP

Il turismo e le industrie del lusso sono state le prime, ma non le ultime, a lanciare l’allarme.

I funzionari del turismo si aspettano un calo di 32 milioni di visitatori stranieri e una perdita di 7,4 miliardi di euro (6,3 miliardi di sterline) solo nel secondo trimestre, prima che arrivi la cruciale stagione dei viaggi estivi.

Anche prima che il virus raggiungesse l’Italia, i funzionari della moda di lusso si aspettavano una contrazione del 2% nel primo semestre. Ciò si basava esclusivamente sulla debole spesa dei consumatori cinesi, che sono i maggiori acquirenti mondiali di beni di lusso e rappresentano il 35% delle vendite globali.

Ora, il virus, iniziato in Cina, sta scoraggiando i ricchi turisti dello shopping nel quartiere di Monte Napoleone a Milano e nella zona di Via Condotti a Roma, mentre si sta diffondendo negli Stati Uniti e nei paesi europei limitrofi, i principali mercati di esportazione.

Ciò che rende le cose più complicate è la mancanza di conoscenza sui reali rischi del virus e sulla sua diffusione, ad esempio, attraverso le merci esportate.

READ  L'Unione Europea potrebbe risentire della crisi della "Covid economica protratta" che colpisce Italia e Grecia | Il mondo | notizia
Negozio MilanoNegozio Milano

I negozianti aspettano i clienti sulla via dello shopping Monte Napoleone a Milano (Antonio Calani/AP)

Gruppi industriali e politici hanno segnalato episodi di importatori di beni italiani in altri paesi dell’UE che cercavano ulteriori certificazioni che attestassero che i prodotti sono esenti da virus.

Questa settimana il ministro degli Esteri Luigi Di Maio ha protestato contro quelle che ha definito restrizioni arbitrarie alle esportazioni italiane.

Ha detto: “È inaccettabile bloccare le merci italiane o richiedere un certificato di garanzia che va oltre quanto previsto dagli accordi commerciali”.

“Le merci non hanno nulla a che fare con il virus.”

Orsina Fiorentini
Orsina Fiorentini
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News