Revisione sistematica degli studi di laboratorio che valutano l’efficacia del collutorio su SARS-CoV-2

La malattia da coronavirus 2019 (COVID-19) è causata dalla sindrome respiratoria acuta grave coronavirus-2 (SARS-CoV-2). SARS-CoV-2, che appartiene alla famiglia Coronaviridae Del genere Betacoronavirus, è stato segnalato per la prima volta a Wuhan, in Cina, nel dicembre 2019.

SARS-CoV-2 è altamente contagioso e si trasmette attraverso goccioline umane infette durante la tosse, gli starnuti o anche mentre si parla. Al 20 agosto 2021, SARS-CoV-2 ha infettato oltre 211 milioni in tutto il mondo e ha causato oltre 4,4 milioni di morti.

Soggiorno: Studi in vitro che valutano l’efficacia del collutorio su Sars-Cov-2: una revisione sistematica. Credito di immagine: suma2020/Shutterstock.com

sfondo

È stato riportato che le cellule epiteliali della mucosa orale hanno un’alta espressione del recettore dell’enzima di conversione dell’angiotensina 2 (ACE2). La proteina SARS-CoV-2 specifica per SARS (S) si lega ad ACE2 per infettare la cellula ospite.

Gli scienziati hanno recentemente scoperto che la saliva dei pazienti infetti dal virus COVID-19 ha un’elevata carica virale nella prima settimana dopo la comparsa dei sintomi. Anche nei pazienti asintomatici è stata osservata anche un’elevata carica virale nell’orofaringe.

Pertanto, questi studi suggeriscono un ruolo del cavo orale nella diffusione di SARS-CoV-2. Per questi motivi, i professionisti del settore odontoiatrico sono altamente vulnerabili all’infezione da COVID-19 a causa del metodo di trattamento che richiede loro di essere vicini ai pazienti.

Molti prodotti per il collutorio hanno proprietà antivirali. Diverse organizzazioni, come il Centro statunitense per il controllo e la prevenzione delle malattie, hanno suggerito di utilizzare il collutorio prima di una procedura dentale per ridurre la diffusione di SARS-CoV-2.

sullo studio

Un nuovo studio è stato pubblicato in Journal of Infection and Public Health Ha lo scopo di valutare il testo attuale della pubblicazione in laboratorio Ricerca sull’efficacia del collutorio nella prevenzione della trasmissione di SARS-CoV-2.

READ  Una strana galassia osservata dalla NASA potrebbe riscrivere la teoria dei buchi neri

A tal fine, i ricercatori hanno estratto un totale di 162 titoli, tredici dei quali con revisione full text. Tuttavia, solo otto sono stati inclusi in questo studio.

Questa revisione sistematica ha rivelato l’efficacia delle particelle in diversi collutori su SARS-COV-2. Tra i collutori testati, il collutorio allo iodio povidone (PVP-I) contenente il collutorio è stato segnalato come il più efficace contro SARS-CoV-2.

Credito di immagine: Nuova Africa/Shutterstock.com

Ingredienti efficaci per il collutorio e COVID-19

PVP-I

Il PVP-I è un agente battericida e antivirale efficace contro diversi membri del betacoronavirus come SARS-CoV e coronavirus della sindrome respiratoria mediorientale (MERS-CoV). Il PVP-I colpisce le strutture dell’acido nucleico di questi virus e distrugge le proteine ​​di superficie per prevenire eventualmente il legame virale alle cellule.

Gli studi considerati in questa recensione hanno fornito una forte evidenza che il PVP-I può inattivare SARS-CoV-2, anche dopo un breve contatto di 15 secondi e a basse concentrazioni. Questa revisione ha anche evidenziato gli effetti citotossici associati al PVP-I. A tal fine, il PVP-I sembra essere tossico per le mucose orali e nasali a concentrazioni superiori rispettivamente al 2,5% e al 5%.

Sebbene i collutori disponibili in commercio contenenti PVP-I non raggiungano le concentrazioni sopra elencate, questo è uno dei criteri più importanti da valutare durante lo sviluppo di nuove formulazioni. Ancora più importante, il collutorio PVP-I dovrebbe essere evitato dalle donne in gravidanza e dagli individui sensibili allo iodio. Inoltre, gli individui con malattia tiroidea primaria o quelli che ricevono una terapia con iodio radioattivo dovrebbero astenersi dal risciacquare la bocca con PVP-I.

etanolo

L’attuale studio ha anche scoperto che SARS-CoV-2 è molto sensibile a un’alta concentrazione di etanolo (60% -70%), comunemente usato per disinfettare le superfici. Questa concentrazione di etanolo è comunemente usata per la sua capacità di interferire con l’involucro lipidico, inattivando successivamente il virus.

READ  Uno scorcio incredibile della superficie di Marte che assomiglia proprio al tuo cervello rugoso: ScienceAlert

Alcuni collutori disponibili in commercio contengono una concentrazione molto bassa di etanolo. Diversi studi hanno dimostrato che la combinazione di basse concentrazioni di etanolo e oli essenziali è efficace contro i virus avvolti.

composti di ammonio

Altri ingredienti bioattivi utilizzati nel collutorio sono composti di ammonio quaternario come diqualinio cloruro e benzalconio cloruro. Questi principi attivi sono stati anche valutati per determinarne l’efficacia nel ridurre la carica virale di SARS-CoV-2 nella cavità orale. Tuttavia, il meccanismo alla base della loro attività antivirale non è stato documentato.

perossido di idrogeno

Diversi ricercatori hanno anche studiato l’efficacia del perossido di idrogeno (H.).2NS2) per ridurre la carica virale. È stato scoperto che questo componente inattiva efficacemente i virus, come i virus dell’influenza A e B, gli adenovirus e i rinovirus.

NS2NS2 Danneggia il DNA del virus e aumenta la permeabilità della membrana cellulare. Tuttavia, studi precedenti hanno rivelato che H.2NS2 Significativamente non è riuscito a ridurre i titoli virali. Un altro motivo per cui H2NS2 Non è un componente ideale del collutorio perché è più citotossico del PVP-I, anche dopo diluito.

clorexidina

Un altro ingrediente attivo comune nel collutorio è la clorexidina (CHX), che possiede proprietà battericide e antibatteriche. Questo ingrediente attivo è efficace contro i virus avvolti, come l’herpes virus 1, l’influenza A e il citomegalovirus.

conclusione

Un limite dello studio attuale è che molti aspetti metodologici e gruppi di confronto differivano tra gli studi. Tuttavia, gli autori hanno notato che tutte le prove da in laboratorio Gli studi dimostrano che il PVP-I ha una maggiore attività antivirale rispetto ad altre molecole comunemente usate.

I ricercatori hanno sottolineato che dovrebbero essere condotti ulteriori studi clinici per verificare l’efficacia dei principi attivi nei collutori discussi in questa recensione.

READ  Firme biologiche globali: il cambiamento climatico porta un nuovo colore all’oceano terrestre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto