SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

La proprietaria del salone Khemia pubblica “prove” a sostegno del suo divieto di vaccinare gli australiani contro il coronavirus

Una parrucchiera della Gold Coast si è trovata in acqua calda ieri dopo aver annunciato che gli australiani immunizzati non erano più i benvenuti nel suo salone, e oggi ha pubblicato “prove” a sostegno del divieto.

Yazmina Adler è la proprietaria del Khemia HI Vibe Frequency Salon a Palm Beach e la persona dietro il divieto.

La signora Adler ha fatto un tour mediatico questa mattina, spiegando che sta vivendo ciò che è e proteggendo “i suoi dipendenti e clienti”.

Relazionato: Perché gli esperti dicono che l’Australia deve affrontare l’ennesima ondata mortale di COVID-19

Relazionato: Spero che gli australiani vogliano una vacanza all’estero

Ieri l’azienda ha chiesto a chiunque fosse vaccinato contro il coronavirus di avvisarlo prima di effettuare una prenotazione.

“Gli sconosciuti effetti sulla salute del vaccino mRNA non sono coperti dalla nostra assicurazione di responsabilità civile”, ha scritto Adler sui social media.

Ha detto che ha preso in considerazione le “migliaia di effetti collaterali segnalati che questo scatto ha mostrato finora”.

“Siamo profondamente dispiaciuti per qualsiasi inconveniente causato a te”, ha detto. “Tuttavia, la sicurezza dei nostri dipendenti e clienti esistenti è la nostra priorità”.

La società ha detto che rivaluterà la politica nel 2023 “quando i test clinici di un’iniezione sperimentale saranno completati”.

Nella sua storia su Instagram questa mattina, la signora Adler ha detto di aver ignorato le critiche e incoraggiato i suoi critici a fermare l’odio.

“Alla fine della giornata, spetta a me fare solo ciò che ritengo sia giusto per il mio lavoro e la mia comunità, tutto qui”, ha detto.

“Non deve essere nient’altro. Non deve essere qualcosa di antiestremista, o sto cercando di distinguere, torna letteralmente a prendere una decisione di libero arbitrio e ad applicarla al mio lavoro.

READ  Gli astronomi stanno scoprendo quella che potrebbe essere una delle stelle più antiche dell'universo conosciuto

“Per quelli di voi che hanno difficoltà a capirlo, va bene, ma non ho bisogno dell’odio, non ho bisogno di tutta la negatività e il contraccolpo … Se non hai niente di carino da dire, non dico tutto. “

La signora Adler ha anche sostenuto il suo divieto del vaccino con chiare “prove” inviate dai suoi seguaci.

“Chiediamo a voi donne di condividere la vostra esperienza di prima mano con qualsiasi segno o sintomo di un ciclo mestruale anormale da quando siete stati in contatto con qualcuno che ha avuto questo colpo”, ha detto la signora Adler.

“Vogliamo le tue storie e i tuoi fatti.”

La maggior parte delle storie erano incentrate su donne che sostenevano che i loro periodi fossero stati interrotti dopo essere entrati in contatto con qualcuno che era stato vaccinato contro il Coronavirus.

Una donna ha affermato che il suo ciclo è arrivato con 4 giorni di anticipo ed era “molto pesante”.

Relazionato: Una nuova teoria sui vaccini preoccupa le autorità mediche

Non è un motivo per non farsi vaccinare

Ci sono state prove aneddotiche che alcune donne hanno notato cambiamenti nei loro cicli mestruali dopo aver ricevuto il vaccino. Ulteriori studi potrebbero rivelare che si tratta di un effetto collaterale minore, come dolore muscolare o febbre.

“I rapporti aneddotici di alcuni disturbi mestruali non sono un motivo per evitare di farsi vaccinare”, ha detto sul sito web Michael Wise del Dipartimento di Ginecologia dell’Università di Auckland. Conversazione.

“L’infezione da COVID-19 può interferire con la tua salute, inclusa la salute mestruale”.

Un’altra donna – che era stata su un aereo per 11 ore e ha detto che “probabilmente si trattava di una tonnellata di persone che hanno avuto iniezioni” – ha affermato che anche il suo ciclo mestruale era stato interrotto.

READ  "Smart Skin" resistente al sudore prende bio-elementi su cui si può fare affidamento, anche durante gli allenamenti e i pasti caldi

Infine, un’assistente di volo, “che lavora con molte persone che sono state curate”, ha detto di aver avuto nove giorni dopo essere volata a Uluru per tre giorni.

“Ho saputo durante il volo che il capitano aveva un Pfizer”, ha aggiunto.

Studi clinici su assistenti di volo e donne sui voli a lungo raggio hanno dimostrato che sia il lavoro che il volo possono influenzare la regolarità dei periodi a causa dell’interruzione dei livelli ormonali e della mancanza di sonno.

“Anche lievi cambiamenti nel tuo schema quotidiano – svegliarsi molto presto e dormire tardi il giorno successivo – possono avere un effetto trascurabile sui livelli di melatonina”, la dott.ssa Anita Mitra, MD, ginecologa del NHS nel Regno Unito, Raccontare QZ Nel 2018.

“Quindi è meno un viaggio e, soprattutto, il viaggio ti ha portato in un’altra destinazione e in un altro fuso orario.

“C’è una base evolutiva per cui questo tipo di stress influisce sui nostri cicli.

Se sei in modalità “combatti o fuggi”, il tuo corpo non sa se ha l’energia da sprecare con il ciclo.

“Non comprendiamo appieno la relazione tra il cervello e l’utero, ma sappiamo che il cervello è il primo anello della catena ormonale che produce il ciclo mestruale”.