SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Rapporto esclusivo: le 10 cose migliori da sapere sulla fotografia in Grecia

Si prevede che la Grecia ospiterà più di 20 progetti nel 2021 e ha già in programma circa 16 progetti, tra cui: il sequel di Knives Out del mistero dell’omicidio con Daniel Craig di Netflix; Amazon e Tom Clancy Jack Ryan stagione 3 di Amazon e Paramount; Nuovo film di fantascienza di David Cronenberg; Il mio grande matrimonio greco 3; E Disney + Greek Freak ha spostato la vita del giocatore di basket Milwauke Bucks Giannis Antetokounmpo.

Qui stiamo parlando con Venia Vergou, manager Hellenic Film Commission (HFC), su ciò in cui sono coinvolti questi progetti e sulle 10 principali cose che i produttori internazionali e i gestori di siti devono sapere sulle riprese nel paese.

Partecipa all’intervista completa qui …

1 / Luoghi fantastici

Dai siti archeologici e le isole alle giungle e alle montagne innevate, la Grecia offre ogni tipo di sito, che può raddoppiare ovunque nel mondo.

“Tutti sanno che la Grecia ha siti meravigliosi, che non sono solo isole meravigliose, ma anche sulla terraferma con una grande varietà di siti archeologici e storici che si estendono attraverso migliaia di anni diversi, dall’Acropoli alle città medievali e ai porti di Venezia , “La Vergine eccita.

Tuttavia, non ci sono dubbi sull’attrattiva delle isole. L’anno scorso, Robin Ostlund ha girato la sua commedia dark Triangle of Sadness, con Woody Harrelson, sull’isola di Eubea, che combina montagne, foreste e fiumi con splendide spiagge che offrono uno splendido sfondo simile a una giungla.

Mentre Spetses, con i suoi palazzi veneziani, ha ospitato la prima regia di Maggie Gyllenhaal, The Lost Daughter, con Olivia Coleman e Dakota Johnson, nell’autunno dello scorso anno. “Erano davvero felici di essere al sicuro su un’isola protetta e priva di Covid”, entusiasta Vergou. L’isola dovrebbe ora ospitare un film di follow-up, Knives Out, quest’estate.

La bellissima isola ionica di Corfù è stata utilizzata anche per The Durrells di ITV per la sua architettura e il suo sapore italiano e veneziano.

The Durrells di ITV interpretato a Corfù tramite la Hellenic Film Commission

“Puoi persino girare all’interno di un cratere sull’altra isola mondana di Nisyros”, dice Virgo, “come ha fatto Miguel Angel Jimenez nella sua coproduzione ispano-greca, Window to the Sea.”

Anche la Grecia è grande come debolezza per altri luoghi. La serie televisiva israeliana Teheran, ad esempio, è riuscita a ritrarre Atena per l’Iran. “Mentre usavo la serie della BBC Little Drummer Girl, Elvisina per rappresentare il Libano, ho raddoppiato Nikaya ad Atene per la Palestina”, dice Virgo.

La giornalista della BBC The Little Drummer Girl raddoppia la Grecia per Libano e Palestina tramite la Hellenic Film Commission

2 / Luce e clima

Ogni anno in Grecia ci sono 250 giorni di sole splendente. “Abbiamo il miglior clima in Europa e lunghe ore di luce diurna per scattare, cosa che le nostre troupe e i nostri fotografi apprezzano molto”, afferma Vergou.

3 / Incentivi

A parte le location sorprendenti, l’altra grande attrazione delle produzioni internazionali è l’impressionante combinazione del paese di uno sconto di cassa fino al 40% e un credito d’imposta del 30%.

“La Grecia è stata sotto i riflettori grazie a questi incentivi, che sono gestiti e gestiti da EKOME (il Centro nazionale per i media e la comunicazione audiovisivi), di cui hanno già beneficiato molti prodotti”, afferma Virgo. “La spesa minima per lo sconto in contanti è molto bassa, ad esempio è di 100.000 euro solo per i lungometraggi”.

Le richieste di sconti in contanti sono consentite durante tutto l’anno e devi solo farlo almeno 10 giorni prima dell’inizio delle riprese. I prodotti internazionali devono superare un test culturale ed essere presentati attraverso un gruppo di produzione locale.

“Dopo che le riprese sono terminate e il processo di verifica è terminato, si riprende l’avversario entro sei mesi, quindi è una procedura semplice”, insiste Vergou.

Il credito d’imposta può essere combinato con lo sconto di cassa, ma devi presentare una domanda separata e non funzionano l’una sull’altra. “Non è il 40% più il 30%, quindi il 70% di sconto”, spiega Vergou. “Lo sconto che si ottiene dopo la fine della produzione, mentre l’esenzione fiscale significa detrarre il 30% dei costi ammissibili per la produzione dal reddito imponibile dell’investitore.”

Ulteriori informazioni possono essere trovate su //www.everydayhealth.com/drugs/ Aecom E il Hellenic Film Commission Siti.

4 / Più sostegno economico / finanziario?

Anche la Hellenic Film Commission presenta un nuovo fascicolo Programma di supporto all’esplorazione del sito Disponibile per progetti cinematografici e televisivi internazionali che conducono l’esplorazione iniziale nel paese. Dovranno fare una fotocopia di almeno 15 giorni (7 giorni per i documenti) e spendere un minimo di 50.000 EUR in Grecia. Il vantaggio massimo è di 10.000 euro, a cui si deve accedere tramite una società greca.

“Vogliamo attirare le produzioni il prima possibile e guidarle attraverso il paesaggio e l’ambiente delle riprese in Grecia”, afferma Virgo.

Il Greek Film Center offre anche diversi spettacoli Programmi di finanziamento Supportare e sviluppare produzioni cinematografiche e televisive, inclusi progetti internazionali.

5 / accordi di coproduzione

Il Centro del cinema greco (GFC) è il rappresentante ufficiale della Grecia a Eurimages “con molte coproduzioni di successo attraverso di essa”, dice Vergou. Abbiamo una rappresentanza presso Creative Europe Media.

La Grecia ha anche firmato l’accordo europeo sulla coproduzione e vanta trattati con paesi come Canada, Israele e Cina. “Quindi, produttori e produttori di questi paesi stanno beneficiando di questi prodotti, incluso il nuovo progetto di David Cronenberg”, afferma Fergo.

6 / Supporto per l’ufficio cinematografico

Il Hellenic Film Commission Dovrebbe essere il primo sbocco della produzione internazionale. Non solo spiegano gli incentivi e il programma di esplorazione, ma possono anche fornire alle produzioni che avevano in programma di girare in Grecia una lettera per facilitare le riprese, che si è rivelata utile per loro quando hanno chiesto alle autorità locali i permessi di ripresa.

Una volta che i progetti sono nel paese, HFC può anche coordinare i numeri di produzione e le autorità locali e fornire comunicazioni con il personale locale, come i gestori del sito.

A parte Hellenic Film Commission E il Centro del cinema greco, C’è anche l’Athens Film Office, che è operativo da un anno ormai e ha aiutato molte produzioni, così come gli uffici regionali in Macedonia centrale, Epiro, Isole Ionie e Grecia occidentale.

“Ci sono molte altre società che stanno emergendo perché EKOME e noi stiamo lavorando con altre regioni per aiutarle a creare uffici cinematografici e ad attrarre produzioni, indirizzandole attraverso le loro autorità territoriali e le località”, dice Vergou.

7 / Trattare con Covid e Protocolli

“Uno dei motivi per cui abbiamo un numero così elevato di prodotti in arrivo in Grecia è che abbiamo gestito bene l’epidemia e abbiamo Protocolli Sul posto emesso dal ministero della Cultura “, insiste Fergo.

Quando la Grecia è entrata nel suo secondo blocco a novembre, c’erano solo una manciata di produzioni ancora in lancio nel paese, tra cui Grief Triangle di Ostlund. “Mancavano solo cinque giorni alle riprese, quindi siamo stati in grado di convincere i funzionari del governo dell’importanza di continuare le riprese con protocolli e procedure aggiuntivi”, ha aggiunto Fergo.

Il triangolo della tristezza è stato girato in Grecia dalla Hellenic Film Commission

Il HFC La produzione è ora supportata Scout delle troupe cinematografiche Possono continuare a operare secondo protocolli rigorosi una volta che hanno un test Covid PCR negativo.

8 / Equipaggio di qualità

La Grecia ha uno staff di grande esperienza che parla inglese. La maggior parte dell’equipaggio ha sede ad Atene ma può operare in tutto il paese.

L’aumento del numero di produzioni internazionali girate nel paese e l’utilizzo di troupe locali negli ultimi anni ha indubbiamente aiutato.

“Inoltre, abbiamo incoraggiato le produzioni a trarre vantaggio dal nostro numero crescente di scuole di cinema e studenti, in modo che la prossima generazione sarà pienamente in grado di lavorare su progetti di tutte le dimensioni”, afferma Fergo.

Alcuni dei principali studi televisivi ed emittenti che stanno arrivando per girare in Grecia stanno anche aiutando a formare la troupe locale per soddisfare i loro standard.

9 / Un paese sicuro nel bacino del Mediterraneo

“La Grecia è in realtà uno dei luoghi più sicuri e accoglienti in cui fotografare”, afferma Virgo.

Sebbene siano restrizioni allo spostamento tra aree per il pubblico in generale, questo non si applica alle troupe cinematografiche che possono lavorare ovunque purché seguano determinate procedure come l’ottenimento Permesso specifico Dal Segretariato Generale della Protezione Civile in Grecia.

10 / Qualità della vita

Abbiamo tempo di qualità, cibo, hotel di tutto. Tutti hanno un grande sorriso sulle labbra quando vengono fotografati qui. Robin ÖStlund ha detto che le riprese in Grecia gli hanno ricordato le ragioni del suo amore per la sua professione “, dice Virgo.

READ  Fine della censura - cinema italiano libero - disegni