Può Giorgia Meloni rilanciare Italia SpA?

Ascolta questa storia.
Goditi più file audio e podcast su Dipartimento di controllo interno O Androide.

Il tuo browser non supporta l'elemento

SIn bella mostra Nella libreria dell'Aeroporto di Linate a Milano c'è la copertina del libro Quando eravamo padroni del mondoo (Quando eravamo padroni del mondo). Il libro, che parla dell'Impero Romano, è in cima alla classifica dei più venduti sin dalla sua pubblicazione a settembre. In un certo senso riflette la nostalgia degli italiani per la loro vecchia gloria. Possono trarre conforto dal fatto che molti marchi italiani sono ancora padroni del mondo: pensa alle auto veloci (Ferrari, Maserati, Lamborghini), alle motociclette eleganti (Ducati, Vespa), ai bellissimi vestiti (Gucci, Prada, Zegna) e agli accessori coordinati. Con loro (Fendi, Bottega Veneta).

Solo che pochi dei marchi e delle etichette più ricercati in Italia oggigiorno – compresi tutti quelli sopra menzionati – sono interamente italiani. Molti sono registrati all'estero, elencati altrove o posseduti da stranieri. Collettivamente, sono in ritardo rispetto alle loro controparti negli altri principali paesi europei in termini di valore. Secondo la società di ricerca Kantar, i 30 migliori marchi italiani valgono complessivamente un terzo dei primi 30 tedeschi e un quarto di quelli francesi.

Uffa!

Allo stesso modo, le aziende italiane in generale non sono all’altezza dell’ostentazione tipica del Paese. L’intero mercato azionario italiano vale meno di 800 miliardi di euro (860 miliardi di dollari), appena il doppio della sua capitalizzazione di mercato. LVMH, il proprietario francese di diversi marchi di lusso italiani (tra cui Fendi). La Borsa di Milano è più piccola delle Borse di Parigi e Francoforte rispetto alle Borse di ciascun paese prodotto interno lordo (Vedi grafico 1). Negli ultimi 10 anni ha anche sottoperformato (vedi grafico 2). Solo cinque delle 500 aziende più grandi al mondo per fatturato provengono dall'Italia, rispetto alle 13 del 1997; 136 americani, 30 tedeschi e 23 francesi. Anche la Spagna, la cui economia è un terzo più piccola di quella italiana, ha 11 aziende nella lista. “Gli italiani sono campioni a livello mondiale nel creare imprese, ma non sono bravi a gestirle e farle crescere”, afferma Stefano Caselli, preside della Bocconi School of Management di Milano.

Immagine: L'Economist

Ciò sconvolge il Primo Ministro italiano. Georgia Meloni. Il suo governo di destra vuole ricreare i campioni italiani nei settori dell’auto, dell’energia, dell’alimentazione e della moda. Il 6 febbraio ha fatto approvare alla Camera bassa del Parlamento il progetto di legge sui mercati dei capitali. Ha lo scopo di attirare più quotazioni alla Borsa di Milano, prevenire acquisizioni ostili e impedire alle grandi società di fondersi in luoghi come i Paesi Bassi (sede della Ferrari, il cui maggiore azionista, Exor, possiede anche una parte delle sue azioni). L'economistaazienda principale).

I sostenitori del disegno di legge affermano che esso eliminerebbe uno dei principali ostacoli alla creazione di società giganti: i superficiali mercati dei capitali italiani. I critici avvertono che potrebbe avere l’effetto opposto. Dario Trevisan, avvocato che rappresenta gli investitori istituzionali, afferma che il 95% degli azionisti delle società quotate italiane sono stranieri. Gli stranieri temono che il disegno di legge favorisca gli italiani, consentendo alle società pubbliche di dare agli azionisti di lungo termine, che tendono ad essere locali, azioni con diritti di voto significativi e, se la loro partecipazione è superiore al 9%, la possibilità di porre il veto su determinate nomine nei consigli di amministrazione dei direttori. . .

Immagine: L'Economist

Le aziende italiane possono certamente farlo con un bacino di capitale più ampio. In loro assenza, molte aziende non hanno altra scelta che fare affidamento sui prestiti bancari per finanziare la propria crescita. Ciò vale anche per altri paesi europei, compresa la Germania. La particolarità dell’Italia è che molti dei suoi capi preferiscono prendere in prestito dai finanziatori piuttosto che condividere il potere con altri azionisti, afferma Andrea Alemanno di Ipsos, una società di ricerca di Milano. Come nel caso di Giulio Cesare, dice poeticamente il signor Alemanno, preferirebbero essere primi in un villaggio barbaro piuttosto che secondi a Roma. Spesso il risultato è che le aziende si indebitano troppo e falliscono o vengono sequestrate dal governo.

L’alternativa è restare piccoli. In Italia ci sono 4,3 milioni di imprese con meno di 250 dipendenti. Si tratta di un terzo in più rispetto alla Germania, la cui economia è due volte più grande della famosa economia mondiale Classe media Dalle piccole e medie imprese. Tali imprese sono responsabili dell’80% dell’occupazione e del 70% del valore aggiunto in Italia, rispetto a circa il 56% e il 43% rispettivamente in Germania. Circa il 95% di loro ha meno di dieci dipendenti. Queste piccole imprese, che tendono ad essere molto meno produttive delle aziende più grandi, impiegano circa un lavoratore italiano su due.

“Abbiamo una classe forte di aziende con 100-500 dipendenti, ma poi la classe diventa molto debole”, ammette Corrado Passera, ex ministro dell’Economia che gestisce la Banca Elemiti, specializzata in prestiti alle piccole e medie imprese italiane. Tuttavia, lui e la sua famiglia credono fermamente in lui Il Bel Paese E lo spirito di iniziativa in esso. Sua moglie ha costruito una rete di cliniche veterinarie e suo figlio ha fondato una compagnia alberghiera.

Bascera insiste sul fatto che avviare un'azienda in Italia è divertente e facile, soprattutto se sei un imprenditore tecnologico. Nel 2012, il governo da lui servito ha approvato lo Startup Act, ricco di incentivi volti a promuovere aziende tecnologiche innovative. Le società idonee sono esenti dalle spese di costituzione online, nonché da alcune commissioni e tasse, e possono beneficiare di un trattamento accelerato dei visti per i loro dipendenti internazionali e di incentivi fiscali per i loro investitori.

Nonostante l'ottimismo di Passera, l'Italia non ha ancora raggiunto un accordo Silicon Valley Per rivaleggiare con i suoi omologhi nel resto d'Europa, per non parlare della sua origine americana. L'Italia è la decima economia più grande del mondo, ma si colloca fuori dalla top 20 anche tra i paesi europei in termini di investimenti in startup, secondo Sifted, una pubblicazione online che tiene traccia di queste cose. Ha prodotto solo due società tecnologiche non quotate per un valore pari o superiore a 1 miliardo di dollari (entrambe nel settore fintech). Con un po' di fortuna, presto potrebbe nascerne un altro. Secondo PitchBook, un fornitore di dati, Bending Spoons, che aiuta i clienti a progettare app, ha raccolto finora più di 500 milioni di dollari. Ma anche così lascerebbe indietro la Spagna, che vanta quattro di queste società. La Germania ne ha 33 e la Francia 24.

Altre promettenti startup italiane, come molti amati marchi italiani, stanno cercando fortuna all’estero. Nucleo, fondata da tre italiani, sta sviluppando nuovi reattori nucleari raffreddati al piombo. Finora ha raccolto 400 milioni di euro (430 milioni di dollari). Il suo centro di ricerca e sviluppo si trova a Torino. Ma la sua sede è a Londra. Questo perché dopo il referendum del 1987, l’Italia ha gradualmente abbandonato l’energia nucleare, il che significa che non c’era domanda per i suoi prodotti nel mercato interno. La Meloni potrebbe provare a ripristinarla gradualmente come parte del suo passaggio all’energia pulita. Ma ancora una volta potrebbe non essere così, poiché la risolutezza non è uno dei punti di forza dei governi italiani.

Il pesante onere normativo e l’incertezza legislativa rappresentano un problema non solo per le startup dell’energia atomica. Tutte le aziende italiane soffrono le stesse sfide, afferma Andrea Bonomi, presidente di Invest Industrial, una società di private equity con sede a Londra che si concentra sulle aziende italiane. Se la Meloni vuole che Italia SpA prosperi, deve concentrare la sua attenzione su questo.

Per rimanere aggiornato sulle più importanti novità nel mondo degli affari e della tecnologia, iscriviti a Bottom Line, la nostra newsletter settimanale riservata agli abbonati.

READ  PricewaterhouseCoopers è stata accusata di aver ingannato il Senato riguardo a un piano per vendere un'attività di consulenza, criticando pubblicamente l'idea in un'indagine di audit nel 2019.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto