Prorogare la chiusura nazionale fino a venerdì

“La bolla era chiusa al momento di questo”, ha detto il primo ministro neozelandese, riferendosi al ritorno dell’uomo infetto il 7 agosto.

Per colpa di focolaio nel Nuovo Galles del SudLa Nuova Zelanda ha chiuso la sua bolla di viaggio Trans-Tasman con l’Australia il 23 luglio. Ha già sospeso i viaggi con New South Wales, Victoria e South Australia.

“E questo mostra quanto sia difficile Delta… Dimostra solo che alla fine è ancora un virus molto duro.”

Ardern ha detto di aver rispettato “tutte le decisioni nel tempo in cui le abbiamo prese”.

“Hanno reso le migliori informazioni possibili.”

“Ma dal momento che questo virus è cambiato, abbiamo dovuto farlo”.

La decisione è arrivata dopo che lunedì sono stati annunciati 35 nuovi casi di COVID-19 nella comunità neozelandese, portando la scala dell’epidemia della variabile delta a 107.

La decisione è arrivata dopo che lunedì sono stati annunciati 35 nuovi casi di COVID-19 nella comunità neozelandese, portando la scala dell’epidemia della variabile delta a 107.

Dei 107 casi, 72 sono già collegati ad altri casi comunitari identificati nell’epidemia. Il Dipartimento della Salute ha dichiarato che ci sono stati 33 nuovi casi ad Auckland e due a Wellington.

Sono in corso indagini per determinare se i restanti 35 casi siano collegati all’epidemia, ma la maggior parte ha una ragionevole rilevanza per la valutazione iniziale.

Il numero totale di casi comunitari ad Auckland è ora 99 e il numero di casi comunitari a Wellington è salito a otto.

“Non è inaspettato vedere un aumento del numero di casi giornalieri in questa fase”, ha affermato il ministero della Salute in una nota.

READ  L’ECP afferma che 6.449 candidati hanno diritto ai seggi in NA

Eliminazione “sicuramente”


Ardern ha difeso la strategia di eliminazione della Nuova Zelanda, ma sembra aver lasciato la porta aperta per futuri cambiamenti nei prossimi anni, se il consiglio dovesse cambiare.

“In questo momento, sicuramente, l’eliminazione è la strategia, specialmente quando stiamo vaccinando la nostra gente durante l’anno”.

Lo stato continuerà a ricevere i consigli dei nostri funzionari della sanità pubblica, dei nostri consulenti esterni ed esperti come abbiamo sempre fatto, e dirà: “Ecco la nostra esperienza durante questa epidemia. Cambierà il nostro approccio in futuro? E mi aspetto che continueremo a farlo nei prossimi mesi”.

Ha descritto l’approccio della Nuova Zelanda come “costantemente in apprendimento, in costante adattamento”.

Domenica, la Nuova Zelanda ha segnalato 21 nuovi casi nella comunità, portando il totale nazionale a 72. L’epidemia si è spostata da Auckland, dove è iniziata, a Wellington.

Il gruppo originale è geneticamente correlato a un ritorno da Sydney che è entrato in isolamento gestito il 7 agosto ed è stato ricoverato in ospedale il 16 agosto.

Il New Zealand National Research Institute ESR sta eseguendo il sequenziamento del genoma sui casi.

Domenica sono stati ordinati 29 campioni e “è stato confermato che tutti sono collegati all’epidemia di Auckland”.

Ci sono stati anche tre nuovi casi di recenti rimpatriati in strutture di isolamento gestite che sono risultati positivi.

Dei tre, l’origine di un caso in quarantena a Christchurch rimane “sconosciuta”.

con le cose

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto