Piano nazionale per espandere i diritti del lavoro per gli studenti internazionali, se eletto

Gli studenti internazionali riceveranno maggiori diritti lavorativi e potranno anche pagare per accelerare il processo di elaborazione dei visti se il Partito Nazionale verrà eletto il mese prossimo, ha annunciato il partito.

Il partito ha annunciato questa mattina il suo piano per “rilanciare” il numero degli studenti internazionali.

La portavoce nazionale dell’istruzione superiore, Penny Simmonds, ha affermato che il settore studentesco internazionale sta lottando per riprendersi dalla pandemia.

“Prima della pandemia, l’istruzione internazionale era la quinta maggiore fonte di esportazioni della Nuova Zelanda, contribuendo con 3,7 miliardi di dollari all’economia e sostenendo almeno 6.000 posti di lavoro”, ha affermato.

“Ma il settore sta faticando a riprendersi, con il suo contributo all’economia neozelandese che diminuirà significativamente nel 2022, fornendo solo 800 milioni di dollari”.

“La Nuova Zelanda è in recessione, il costo della vita continua a crescere più velocemente dei salari e i mutui sono inaccessibili.

“Dobbiamo rimettere in piedi al più presto possibile i settori che possono fornire le entrate dalle esportazioni tanto necessarie, come l’istruzione internazionale.

“Il rilancio dell’istruzione internazionale è vitale anche per i nostri istituti di istruzione superiore.

“I ricavi generati dalle tasse internazionali più elevate consentono alle nostre università, ai politecnici e ad altri istituti di istruzione superiore di fornire istruzione e servizi di migliore qualità mantenendo bassi i costi per gli studenti locali”.

Il deputato nazionale Penny Symonds.

La politica di National include diverse modifiche proposte, inclusa una serie di emendamenti per espandere l’orario di lavoro e i diritti del lavoro per gli studenti internazionali:

Parte dell’espansione dei diritti del lavoro includerà la possibilità di consentire agli studenti partner internazionali, che studiano una qualifica di livello 7 o superiore, di avere diritti di lavoro aperti durante i loro studi.

National ha affermato di voler anche “garantire” che gli studenti internazionali che hanno studiato ad Aotearoa in aree con carenze di competenze “abbiano un percorso verso la residenza”.

Il partito ha affermato che “garantirà che gli studenti internazionali che studiano corsi minori in questi campi ammissibili a carenza di competenze ricevano diritti minimi di impiego dopo aver studiato per 12 mesi e consentano ai loro partner di lavorare durante i loro studi”.

National vuole anche spingere Education New Zealand – l’agenzia incaricata di promuovere lo studio universitario nazionale per gli stranieri – a diversificare i suoi sforzi di reclutamento oltre i paesi asiatici su cui si concentrava tipicamente prima della pandemia, ha detto Symonds.

La portavoce del partito per l’immigrazione, Erica Stanford, ha aggiunto: “Mentre altri paesi hanno adattato le loro impostazioni per attirare studenti internazionali, il Labour non è riuscito a intraprendere alcuna azione per incoraggiare gli studenti a scegliere la Nuova Zelanda come luogo preferito per studiare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto