SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Pedro Castillo fa un appello per l’unità dopo aver finalmente nominato il prossimo presidente del Perù | Perù

Pedro Castillo, un insegnante di campagna diventato apprendista politico, è diventato il vincitore delle elezioni presidenziali del Perù dopo le elezioni più lunghe del paese in 40 anni.

Nei suoi primi commenti da presidente eletto, ha invocato l’unità nazionale. “Chiedo impegno e sacrificio nella lotta per rendere questo Paese giusto e sovrano”, ha detto.

Castillo, i cui sostenitori includevano i cittadini poveri e rurali del Perù, ha sconfitto il politico di destra Keiko Fujimori con soli 44.000 voti. Le autorità elettorali hanno rilasciato il risultato ufficiale finale lunedì in una cerimonia televisiva, più di un mese dopo il ballottaggio nel paese sudamericano.

Le riprese televisive di lunedì sera hanno mostrato i sostenitori di Castillo scendere in strada cantando “Sì, possiamo”.

Castillo entrerà in carica il 28 luglio per un mandato di cinque anni come leader del secondo paese produttore di rame al mondo.

Castillo, un ex insegnante di 51 anni e figlio di contadini, ha promesso di riscrivere la costituzione e aumentare le tasse sulle compagnie minerarie, ma nelle ultime settimane ha ammorbidito i toni e ha accennato a un approccio più moderato e favorevole al mercato.

Usando una matita delle dimensioni di una canna da zucchero, simbolo del suo partito “Peru Libre”, Castillo ha reso popolare la frase “Non più povertà in un paese ricco”. L’economia del Perù è stata schiacciata dalla pandemia di coronavirus, aumentando il livello di povertà a quasi un terzo della popolazione e cancellando i guadagni realizzati in un decennio.

La mancanza di servizi sanitari pubblici ha contribuito alla crisi pandemica nel paese, portandolo ad avere uno dei più alti tassi di mortalità pro capite al mondo. Castillo ha promesso di utilizzare le entrate del settore minerario per migliorare i servizi pubblici, compresa l’istruzione e la salute, le cui carenze sono state evidenziate dalla pandemia.

I sostenitori di Pedro Castillo hanno celebrato lunedì sera a Lima la sua proclamazione a presidente eletto del Perù. Foto: Paulo Aguilar/EPA

“Coloro che non hanno un’auto dovrebbero avere almeno una bicicletta”, ha detto Castillo, 51 anni, all’Associated Press a metà aprile nella sua casa di Angoya, la terza regione più povera del Perù.

Gli storici dicono che fu il primo contadino a diventare presidente del Perù, dove la popolazione indigena ha sempre ricevuto il peggio dei servizi pubblici imperfetti nonostante la nazione si vantasse di essere la stella economica dell’America Latina nei primi due decenni del secolo.

“Non ci sono casi di persone estranee alle élite professionali, militari o economiche che raggiungono la presidenza”, ha affermato Cecilia Mendes, storica peruviana e professoressa all’Università della California-Santa Barbara.

Centinaia di persone provenienti da diverse regioni si sono accampate per più di un mese davanti al tribunale elettorale della capitale Lima, in attesa dell’annuncio del Castillo. Maruja Inquilla, attivista ambientalista arrivata da una cittadina vicino al Titicaca, ha detto che molti non appartengono al partito di Castillo, ma si fidano di lui perché “non sarà come gli altri politici che non hanno mantenuto le promesse e non si battono per i poveri. ” .

In precedenza, la candidata presidenziale di destra Fujimori ha ammesso di essere destinata alla sconfitta nelle elezioni del mese scorso, ma ha accusato Castillo di aver vinto “illegalmente” e ha promesso di radunare i suoi sostenitori.

Fujimori ha detto lunedì che è obbligato per legge a riconoscere il risultato ufficiale delle elezioni. Prenderò atto dei risultati perché sono la legge e la Costituzione che ho giurato di difendere, a farla rispettare. “La verità verrà fuori comunque”, ha detto.

La candidata alla presidenza peruviana conservatrice Keiko Fujimori è stata respinta dopo le sue richieste di modificare i risultati delle elezioni lunedì.
La candidata alla presidenza peruviana conservatrice Keiko Fujimori è stata respinta dopo le sue richieste di modificare i risultati delle elezioni lunedì. Fotografia: Sebastian Castaneda/Reuters

Il risultato ufficiale è stato ritardato a causa delle richieste di Fujimori di annullare alcune schede elettorali Accuse di frode, nonostante poche prove. L’autorità elettorale peruviana ha respinto i recenti appelli del conservatore Fujimori e della figlia dell’ex presidente in carcere Alberto Fujimori.

“Ci hanno rubato migliaia di voti”, ha affermato Fujimori in una conferenza stampa. L’Organizzazione degli Stati americani, l’Unione europea e la Gran Bretagna hanno affermato che le elezioni sono state eque. Gli Stati Uniti hanno descritto le elezioni come un “modello democratico” per la regione.

Di fronte all’imminente nomina di Castillo a presidente eletto, Fujimori ha invitato i suoi seguaci a protestare pacificamente. “È nostro diritto agire… ma in modo pacifico e nel quadro della legge”, ha detto.

Con Associated Press e Reuters

READ  I dipendenti di Joe Biden rivelano la natura del lavoro con il presidente degli Stati Uniti, incluso il trattamento dei suoi nervi