SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Non ci sono dubbi su questo, i dunnart strisciano prima che cresca uno scheletro

Non ci sono dubbi su questo, i dunnart strisciano prima che cresca uno scheletro

Dunnart dalla coda grassa per adulti e schema che confronta lo sviluppo di dunnart dalla coda grassa e cuccioli di topo il giorno della nascita. Credito: Alan Henderson – Minibeast Wildlife / Fornito

L’Australia ospita alcuni dei mammiferi più famosi del mondo. La maggior parte delle persone riconosce facilmente un canguro, un koala o forse anche un quokka sorridente.


Tuttavia, è improbabile che tu abbia intravisto una delle 19 specie di marsupiali più sfuggenti d’Australia che sfrecciano nell’erba di notte.

I Dunnart sono marsupiali notturni – mammiferi che portano i piccoli in un marsupio – spesso indicati come “marsupiale Topi.” Sembrano topi in effetti, sono in temperature fredde, è noto che i dunnart si riscaldano condividendo i loro nidi con il comune topo domestico.

Tuttavia, è qui che finisce la loro vicinanza, poiché condividevano un altro antenato comune quasi 160 milioni di anni fa.

Una specie, dunnart (Sminthopsis crassicaudata) è stata descritta per la prima volta in letteratura nel 1844 dall’ornitologo inglese John Gould e dalla metà del XX secolo è stata di grande interesse per gli scienziati grazie alla sua capacità di sopravvivere in condizioni estreme aride e semi-aride. ambienti.

Il dunnart dalla coda grassa appartiene alla famiglia Dasyuridae, che comprende anche diavoli e quoll della Tasmania. ha una testa e lunghezza del corpo Tra 60-90 mm, la coda è lunga 45-70 cm e pesa solo 10-20 grammi.

È uno dei marsupiali carnivori più piccoli, esce di notte per mangiare insetti, ragni, anfibi e persino piccoli mammiferi e rettili. La sua lunga coda a forma di carota (circa la stessa lunghezza del suo corpo) immagazzina riserve di grasso quando il cibo scarseggia.

Possono vivere in aree che vanno dalle foreste aperte agli arbusti aridi e subire l’ibernazione o ibernazione quotidiana, riducendo la temperatura corporea e il tasso metabolico per ridurre il dispendio energetico in risposta alle condizioni ambientali.

Più recentemente, il dunnart dalla coda grassa è emerso come un’importante specie modello per ampliare la nostra comprensione dell’evoluzione del cervello dei mammiferi, dell’evoluzione della retina nelle specie notturne e come strumento per la conservazione follicolare.

Sebbene il dunnart dalla coda grassa non sia di per sé in pericolo, altre specie di dunnart tra cui il dunnart di Kangaroo Island e il dunnart di Sandhill sono le stesse.

È anche un marsupiale dasroide e appartiene allo stesso ordine del diavolo della Tasmania in via di estinzione, nambat, e dell’estinta tigre della Tasmania (tigre della Tasmania).

Pertanto, poiché le risorse per i modelli di marsupiale da laboratorio sono molto limitate (rispetto ai modelli tradizionali di mammiferi come il topo da laboratorio), il dunnart dalla coda grassa rappresenta un’eccellente opportunità per sviluppare un modello di marsupiale da laboratorio, che ci consente di conoscere meglio l’unico australiano biologia. animali e lo sviluppo di nuovi strumenti di conservazione biologica.

Per affrontare l’enorme divario nella nostra comprensione della biologia marsupiale, il nostro team di ricerca ha sviluppato una risorsa completa, come riferimento per altri progetti di ricerca, incentrata sullo sviluppo del donatore dalla coda grassa dalla nascita all’età adulta.

La cosa sorprendente di dunnart è che quasi tutto il suo sviluppo avviene dopo la nascita nel marsupio, il che significa che possiamo monitorare i bambini in tempo reale senza la necessità di procedure chirurgiche invasive.

Non ci sono dubbi su questo, i dunnart strisciano prima che cresca uno scheletro

I dunnart dalla coda grassa hanno bisogno di una bocca e un naso ben sviluppati per attaccarsi al capezzolo, succhiare e respirare contemporaneamente. Le immagini mostrano le articolazioni mascellari secondarie su scansioni di tomografia computerizzata (TC) di una cisti di Donnert dalla coda piccola. (a) Vista dell’articolazione mascellare secondaria con riquadro bianco interno che mostra l’intero cranio. (b) Primo piano dell’articolazione mandibolare secondaria; Abbreviazioni ossee: c = condilo (arancione), et = anello ectotimpanico (viola), gf = fossa glenoidea (verde chiaro), in = incudine (giallo), ml = martello (blu) e sq = squamosa (verde scuro). Barra della scala = 1 mm. Credito: Università di Melbourne

I Donart dalla coda grassa hanno una delle gravidanze più brevi di qualsiasi mammifero – solo 13,5 giorni. Quando nasce Joy, è più piccola di un chicco di riso e il suo cuore, i polmoni e la vescica possono essere visti attraverso la sua pelle trasparente.

Lo sviluppo di organi, ossa e cervello nei topi di laboratorio si verifica in gran parte durante la gravidanza.

La nostra recente ricerca si è concentrata sull’evoluzione delle ossa del cranio e degli arti anteriori.

Eravamo più interessati a queste strutture perché i marsupiali hanno questo estremo cambiamento nei tempi di emergenza degli arti anteriori e dell’area della bocca rispetto ai mammiferi placentati come topi e umani.

I Joey hanno bisogno di arti anteriori altamente sviluppati per strisciare nella sacca e di una bocca e un naso ben sviluppati per l’attaccamento dei capezzoli, l’alimentazione e la respirazione simultanee.

Il nostro team di ricerca ha allevato una colonia di dunnart e raccolto aria dalla nascita allo svezzamento. I giovani sono stati esaminati utilizzando microCT, uno strumento di imaging non invasivo che fornisce immagini tridimensionali (3D) delle strutture interne ad altissima risoluzione.

Abbiamo usato questa tecnica per scoprire quando compaiono per la prima volta ossa e tessuti molli.

Sorprendentemente, abbiamo scoperto che il giorno della nascita, nonostante strisciando nella borsa e attaccandosi al capezzolo della madre, il pube non si è metallizzato. osso Tessuto (ossificazione) in qualsiasi parte del corpo.

Gli arti anteriori, la bocca e le cavità nasali erano molto sviluppati, ma una tomografia computerizzata ha rivelato la completa assenza di osso ossificato.

Ciò è stato alquanto sorprendente perché sappiamo che altre specie marsupiali come il canguro e il wallaby tamar hanno accelerato lo sviluppo delle ossa degli arti anteriori e della bocca con queste ossa presenti prima o alla nascita.

Circa 24 ore dopo la nascita, le prime ossa erano visibili negli arti anteriori e nella mascella di Dunnart Joey.

La serie CT ci ha permesso di determinare quando ogni osso in Dinart è apparso per la prima volta e sarà una risorsa incredibilmente utile per studiare lo sviluppo della mascella e degli arti anteriori.

Le informazioni sulla storia della vita dei marsupiali affrontano le lacune chiave nella nostra comprensione di questi mammiferi unici. Sfortunatamente, un terzo dei marsupiali australiani è attualmente in via di estinzione.

Questa ricerca migliora l’utilità del modello dunnart e può aiutare con strategie di conservazione in un ambiente in rapida evoluzione.

Questi dati e le serie di stadiazione dettagliate sono pubblicamente disponibile.


Torbor: un elegante trucco di sopravvivenza che un tempo si pensava fosse raro nella fauna australiana è in realtà molto diffuso


Introduzione di
Università di Melbourne

la citazione: niente ossa a riguardo, i dunnarts strisciano prima che cresca uno scheletro (2021, 6 settembre) Estratto il 6 settembre 2021 da https://phys.org/news/2021-09-bones-dunnarts-skeleton.html

Questo documento è soggetto a copyright. Nonostante qualsiasi trattamento leale a scopo di studio o ricerca privato, nessuna parte può essere riprodotta senza autorizzazione scritta. Il contenuto è fornito solo a scopo informativo.

READ  La donna di Sydney rivela la sua battaglia per la salute mentre il governo sviluppa le linee guida del medico di famiglia