SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Monte Everest: la pandemia di coronavirus, il cambiamento climatico e gli scalatori disperati provocano il caos durante le escursioni

La pandemia di coronavirus, i cambiamenti climatici e un enorme aumento di hobbisti ottimisti potrebbero aver finalmente spazzato via una volta per tutte il viaggio più divertente del mondo.

Sono stati alcuni anni rocciosi sul Monte Everest grazie ai cambiamenti climatici, al coronavirus e agli scalatori disperati.

Scalare il punto più alto della Terra è stato l’ultimo sogno di molti escursionisti, da quando Tenzing Norgay e Sir Edmund Hillary raggiunsero la vetta del Monte Everest nel 1953.

Ma stanno crescendo le richieste per una robusta riconsiderazione del modo in cui il Monte Everest viene conquistato e controllato.

Più di 700 scalatori stranieri si sono precipitati sulle montagne del Nepal nella stagione primaverile del paese, con 408 passaggi record rilasciati per il Monte Everest.

Il governo ha anche battuto il record per i suoi permessi nel 2019, quando ne ha emessi 381.

L’aumento dei pass è dovuto alla cancellazione della stagione 2020 all’Everest a causa della pandemia di coronavirus.

Ma la famosa stagione dell’arrampicata ha coinciso con una nuova ondata di Infezione da Covid-19, con diverse segnalazioni di malattie nei campi himalayani all’inizio di quest’anno.

Anche diversi scalatori sono morti quest’anno mentre cercavano di scalare l’Everest.

Il 17 maggio due alpinisti hanno perso la vita sull’Everest, le prime vittime della stagione 2021.

Lo scalatore svizzero Abdel Wareesh, 40 anni, è morto vicino alla vetta dopo aver raggiunto la vetta ed è caduto esausto.

“Abbiamo inviato altri due sherpa con ossigeno e cibo, e sfortunatamente gli sherpa non sono riusciti a salvarlo”, ha detto all’epoca Chang Dawa Sherpa, di Seven Summit Treks.

READ  "È in gioco il progresso": l'ex ambasciatore afghano mette in guardia sul destino delle donne sotto il dominio dei talebani | Afghanistan

L’americano Boy Liu, 55 anni, è arrivato a Hilary Stipe, ma è stato aiutato a ritirarsi dopo aver sofferto di cecità da neve ed esaurimento. Chang Dawa Sherpa ha detto di essere arrivato al Campo 4, “prima di morire improvvisamente”.

In media, circa cinque scalatori muoiono ogni anno sulla vetta più alta del mondo.

Ma nelle ultime stagioni, l’Everest ha visto un’impennata di scalatori, con conseguente sovraffollamento che è stato accusato di molte morti.

Undici persone sono morte scalando la vetta più alta del mondo nel 2019 e quattro sono state causate dal sovraffollamento.

Un giorno, 354 persone si sono messe in fila per raggiungere la vetta dal versante meridionale del Nepal e dall’approccio settentrionale del Tibet.

Per alleviare la congestione, il ministero del turismo nepalese ha annunciato regole che limitano il numero di persone che possono scalare la montagna per finestra con condizioni meteorologiche adeguate.

Agli organizzatori della spedizione è stato anche chiesto di inviare squadre in vetta rigorosamente in base al numero di autorizzazioni o di limitare il numero di scalatori che salgono contemporaneamente.

Le regole della quarantena quest’anno sono state allentate per attirare più scalatori, anche se è difficile curarli se contraggono il virus.

Il Nepal ospita otto delle 14 vette più alte del mondo e gli scalatori stranieri che affollano le sue montagne sono una delle principali fonti di reddito nazionale.

Una tendopoli che ospita più di 1.000 persone – scalatori stranieri e personale di supporto – è stata costruita ai piedi del monte Everest a maggio e gli hotel lungo il trekking sono tornati in attività.

READ  Un uomo muore in uno strano incidente prima del matrimonio

Tuttavia, il clima più caldo che annuncia condizioni più sicure per scalare le pericolose vette innevate del Nepal ha coinciso anche con una seconda ondata mortale di infezioni da Covid-19.

Durante la stagione primaverile sull’Everest, più di 30 alpinisti malati sono stati evacuati dal campo base, anche se è stato confermato che solo tre hanno contratto il coronavirus.

Anche quest’anno le consuete feste comunitarie erano assenti ai campi base dopo che ai gruppi di spedizione è stato chiesto di preservarsi ed evitare di mescolarsi con gli altri.

La respirazione è già difficile ad alta quota, quindi qualsiasi epidemia di coronavirus tra i gruppi di arrampicata potrebbe comportare gravi rischi per la salute.

L’inquinamento è ancora un grosso problema per l’Everest.

Il Nepal ha sempre lottato con l’enorme quantità di rifiuti generati da ogni stagione di arrampicata e le migliaia di persone coinvolte.

Nell’aprile di quest’anno, un team di ricercatori ha fatto un’altra scoperta inquietante quando ha trovato sostanze chimiche altamente tossiche dal PFAS vicino al vertice.

“L’Everest è considerato un monumento unico al mondo”, ha affermato Rainer Lohmann, ricercatore PFAS dell’Università del Rhode Island. Il giornale di Wall Street.

“È triste vedere concentrazioni così alte in alcuni punti della montagna. Diciamo: ‘Non fare altro che foto, non lasciare altro che impronte’, ma lasciamo sostanze chimiche”.