HomescienceMetalli tossici di dimensioni nanometriche sono presenti nei liquidi delle sigarette elettroniche...

Metalli tossici di dimensioni nanometriche sono presenti nei liquidi delle sigarette elettroniche anche prima del primo utilizzo

Le sigarette elettroniche sono spesso pubblicizzate come un modo “più sicuro” di consumare nicotina o cannabis, quando legale. Ma questi dispositivi presentano una serie di rischi che vengono lentamente rivelati man mano che vengono sottoposti a ulteriori ricerche e normative. Ora, i ricercatori hanno scoperto che particelle metalliche tossiche di dimensioni nanometriche possono essere presenti nei liquidi da svapare a base di cannabis anche prima che il dispositivo di svapo venga riscaldato, e l’effetto è peggiore nei prodotti non controllati.

I ricercatori presenteranno i loro risultati oggi alla riunione primaverile dell'American Chemical Society (ACS). ACS Spring 2024 è un incontro ibrido che si terrà virtualmente e di persona dal 17 al 21 marzo; Presenta quasi 12.000 presentazioni su una vasta gamma di argomenti scientifici.

Mentre la regolamentazione e la legalizzazione della cannabis sono ancora in crescita negli Stati Uniti, in Canada sono diventate legali a livello federale grazie al Cannabis Act nel 2018, afferma Andrew Way, che presenterà il lavoro all’incontro. “Questa è per noi un'opportunità per esaminare alcune delle domande riguardanti i rischi e le incognite associati al fumo di cannabis.” Way dirige il programma di ricerca presso l'Ufficio di scienza e sorveglianza della cannabis di Health Canada.

A differenza del fumo, lo svapo non comporta una reazione di combustione che produce sottoprodotti nocivi. Invece, un dispositivo di svapo riscalda il liquido finché non evapora in un vapore inalabile. Di conseguenza, è spesso visto come un modo più sicuro di consumare cannabis o nicotina. Ma la ricerca sulle sigarette elettroniche alla nicotina ha dimostrato che i componenti metallici che riscaldano il liquido delle sigarette elettroniche possono rilasciare metalli elementari dannosi, tra cui nichel, cromo e piombo, che possono quindi essere trasportati nell'aerosol e depositati nel corpo dell'utente.

READ  La HCF Research Foundation sta sostenendo un importante studio di colonscopia poiché l'età di screening scende a 45 anni

Il team di Y ha voluto verificare se questo vale anche per le sigarette elettroniche alla cannabis. Per fare ciò, il gruppo ha collaborato con Zuzana Gajdšová, una scienziata del Centro di ricerca sugli standard del Consiglio nazionale delle ricerche del Canada, che da diversi anni si occupa di test e standardizzazione della cannabis.

Il team ha raccolto 41 campioni di liquidi di cannabis -; 20 campioni legali e regolamentati provenienti da un negozio di cannabis dell'Ontario e 21 campioni dal mercato illecito forniti dalla Polizia provinciale dell'Ontario. I liquidi sono stati analizzati mediante spettrometria di massa per ricercare la presenza di 12 metalli. I prodotti a base di cannabis regolamentati vengono regolarmente testati per alcuni metalli analizzati e altri contaminanti.

Per verificare i risultati del team, Gajdošičová ha collaborato con esperti di imaging e ha utilizzato tecniche come la microscopia elettronica a scansione per fornire una conferma visiva delle particelle minerali. Mentre alcuni metalli, come l’arsenico, il mercurio e il cadmio, rientravano nei limiti di tolleranza generalmente accettati per i prodotti a base di cannabis, altri metalli sono stati rilevati in concentrazioni considerate molto elevate. L’esempio più evidente è stato il piombo: alcuni campioni non controllati contenevano 100 volte più piombo rispetto ai campioni controllati, superando di gran lunga il limite di tolleranza generalmente accettato.

Ancora più importante, questa contaminazione metallica è stata trovata nel liquido delle sigarette elettroniche che non erano mai state utilizzate e avevano meno di sei mesi. “Le prove suggeriscono fortemente che la contaminazione da metalli potrebbe provenire dal dispositivo al momento della sua produzione, piuttosto che dal riscaldamento delle bobine”, spiega Gajdošičová. “Ma a seconda della qualità del dispositivo, la contaminazione potrebbe aumentare a causa del riscaldamento.”

READ  I "tetrakaidecaedri" nanofabbricati possono superare il Kevlar

Inoltre, il team ha scoperto che le sigarette elettroniche appartenenti allo stesso lotto di produzione possono contenere diversi livelli di contaminazione metallica, dimostrando un elevato livello di variabilità tra i campioni. Ciò può avere implicazioni per le procedure di analisi, poiché le normative canadesi richiedono che i campioni siano rappresentativi dell'intero lotto o batch e che l'analisi venga eseguita durante o dopo la fase finale in cui potrebbe verificarsi la contaminazione. “Se si verifica una contaminazione durante l'assemblaggio del dispositivo, è necessario eseguire i test in quel momento e non prima”, afferma Way.

Successivamente, il team ha voluto studiare la dimensione delle particelle metalliche per comprenderne i potenziali rischi per la salute. Utilizzando la spettrometria di massa al plasma accoppiato induttivamente a singola particella, i ricercatori hanno trovato molte particelle di dimensioni nanometriche.

“Alcune nanoparticelle metalliche sono altamente reattive e potenzialmente dannose.”


Zuzana Gajdšová, scienziata, Centro di ricerca metrologica del Consiglio nazionale delle ricerche del Canada

Andando avanti, il team vuole determinare quante di queste molecole si trasferiscono nell'atomizzatore di vaporizzazione quando viene utilizzato il dispositivo. Questo è il momento in cui i metalli possono raggiungere i polmoni degli utenti, il che sarà importante per determinare le implicazioni sulla salute pubblica di questi risultati. L'effetto è stato dimostrato nelle sigarette elettroniche contenenti nicotina e i ricercatori si aspettano che anche le sigarette elettroniche mostrino lo stesso.

“Diversi tipi di prodotti a base di cannabis presentano rischi diversi. La nostra ricerca non risponde se lo svapo sia più pericoloso del fumo, ma conferma solo che i rischi possono essere diversi. I rischi precedentemente sconosciuti legati allo svapo di cannabis sono ancora in fase di identificazione”, conclude Way. Quindi, anche se non esiste necessariamente un modo per consumare questi prodotti “in sicurezza”, questa ricerca mostra che la regolamentazione può aiutare a creare prodotti a base di cannabis complessivamente più sicuri.

READ  Visita il kraken a casa

Questa ricerca è stata finanziata da Health Canada.

Orsina Fiorentini
Orsina Fiorentini
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News