SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Mario Draghi prende in giro la Gran Bretagna sulla vita fuori dall’UE: “Corsa al ribasso secondo gli standard” | Politica | Notizia

Il Regno Unito ha lasciato il blocco commerciale europeo lo scorso anno, riducendo il numero di Stati membri a 27. Draghi ha prestato giuramento come nuovo primo ministro italiano nel febbraio di quest’anno, poiché il Regno Unito stava ancora lottando con la vita al di fuori dell’Unione europea. Nei primi giorni della sua presidenza, l’ex capo della Banca centrale europea (Bce) ha promesso una serie di riforme per il suo Paese. Si è impegnato a fare ogni sforzo per affrontare la crisi COVID-19 che ha devastato l’Italia all’inizio del 2020.

Draghi ha anche detto ai legislatori che sostenere la sua amministrazione significa sostenere l’idea di una “Unione Europea sempre più integrata”.

Il sostegno del primo ministro all’UE può essere fatto risalire al suo mandato di otto anni a capo della Banca centrale europea, il blocco monetario di 19 nazioni.

Tuttavia, i commenti che sono recentemente riemersi dal mandato di Draghi come presidente della BCE mostrano come ha usato la sua fiducia nell’Unione Europea per criticare la Brexit.

In un discorso del 2019 all’Università di Bologna, Draghi ha osservato che gli Stati membri dell’UE che lasciano il blocco stanno rinunciando alla loro sovranità.

APPENA IN: Il deputato laburista fa cambiare rotta a Joe Biden dopo averlo nominato per il Premio Nobel per la pace

Ha affermato che l’obiettivo dell’UE è “assicurare che la globalizzazione non sia una corsa al ribasso in termini di standard”.

Ha detto: “L’Unione europea … consente ai paesi di raggiungere obiettivi che non possono raggiungere da soli. L’Unione europea è a sua volta in grado di esportare alcuni dei suoi standard a livello globale.

READ  Supermercato Covid: cambia QR code per fare check-in al NSW Woolies, Coles

“La cooperazione a livello dell’UE aumenta la loro capacità di farlo”.

Oltre al Regno Unito, i commenti di Draghi sono probabilmente rivolti alla coalizione italiana anti-UE composta dal Movimento Cinque Stelle e dalla Lega.

I partiti politici sono saliti al potere nel 2018 e sono stati il ​​blocco più grande del Parlamento italiano.

“Il rischio principale sotto tutti i punti di vista, e soprattutto anche dal punto di vista della stabilità finanziaria, è una flessione dell’economia… sia essa globale o dell’eurozona”.

Da quando è salito al potere, il primo ministro ha fatto eco alla retorica post-Brexit nei confronti della Gran Bretagna espressa dai colleghi leader dell’UE, tra cui il presidente francese Emmanuel Macron.

Al vertice del G7 di questa estate in Cornovaglia, Draghi era immerso nelle faide in corso tra la Gran Bretagna e l’Unione Europea.

Il blocco ha accusato la Gran Bretagna di non aderire agli accordi, compreso il protocollo dell’Irlanda del Nord.

La Gran Bretagna si è lamentata del fatto che Bruxelles stia cercando di far rispettare il protocollo, che disciplina il suo commercio post-Brexit con l’Irlanda del Nord, troppo severo.

In un tono simile a Macron, Draghi ha affermato in una conferenza stampa del G7 che “gli accordi sono accordi e devono essere rispettati”.

Ha aggiunto: “Non si ha l’impressione di una grande cooperazione, ma è molto difficile anche per il Regno Unito, come si suol dire, ha a che fare con l’integrità del Regno Unito”.