HomeWorldL'olimpionico bielorusso dice che la "punizione" la aspetta a casa | ...

L’olimpionico bielorusso dice che la “punizione” la aspetta a casa | Notizie sui Giochi Olimpici

L’atleta olimpica bielorussa Kristina Tsimanoskaya afferma che i funzionari del suo paese hanno “messo in chiaro” che dovrà affrontare una penalità quando tornerà a casa dai Giochi di Tokyo dopo aver criticato la gestione della sua squadra.

La 24enne si è rifiutata di tornare a casa da Tokyo domenica, sostenendo che la sua squadra l’ha portata all’aeroporto Haneda della capitale giapponese e stava cercando di costringerla a imbarcarsi su un volo per Minsk via Istanbul contro la sua volontà.

“Hanno chiarito che quando tornerò a casa dovrò sicuramente affrontare una qualche forma di punizione”, ha detto martedì all’Associated Press. “C’erano anche indizi un po’ convincenti che altro mi stava aspettando.”

Tsimanoskaya ha cercato protezione dalla polizia giapponese dopo aver rifiutato di tornare a casa e lunedì si è recata all’ambasciata polacca nella capitale giapponese.

La Polonia le ha concesso un visto umanitario e ha intenzione di recarsi a Varsavia più tardi nella settimana, dove si aspetta di ricongiungersi con suo marito.

L’ambasciata polacca a Tokyo, il governo giapponese e il Comitato olimpico internazionale hanno affermato che Tsimanoskaya nel frattempo era “al sicuro”. Martedì, il Comitato Olimpico Internazionale ha annunciato un’indagine ufficiale sull’incidente e ha affermato di aspettarsi un rapporto nel corso della giornata dalla squadra bielorussa sul caso Tsimanoskaya.

Tsimanousskaya chiede un’indagine

La situazione di stallo è iniziata dopo che le critiche di Tsimanskaya al modo in cui i funzionari gestiscono la sua squadra hanno scatenato un enorme contraccolpo nei media statali bielorussi.

La runner ha detto sul suo Instagram di essersi piazzata nella staffetta 4x400m anche se non aveva mai corso nell’evento. Poi le è stato vietato di gareggiare nella corsa dei 200 metri.

READ  La corte giordana incarcera ex funzionari per 15 anni per presunto complotto reale | Giordania

Tsimanousskaya ha combattuto – e ha perso – una battaglia legale per correre in questa gara. La Corte Arbitrale dello Sport ha dichiarato in una dichiarazione di aver respinto la richiesta di Tsimanoskaya di una sentenza provvisoria che le avrebbe permesso di correre allo Stadio Olimpico di Tokyo lunedì.

Le qualificazioni si sono svolte al mattino e le semifinali alla sera.

Martedì, Tsimanoskaya ha chiesto un’indagine approfondita sul suo ritiro dalle Olimpiadi di Tokyo e “la possibilità che vengano imposte sanzioni all’allenatore che mi ha contattato e che mi ha negato il diritto di competere”.

Ha detto che voleva che le autorità sportive internazionali indagassero sulla situazione e considerassero “chi ha dato l’ordine, [and] che ha già deciso che non posso più gareggiare”.

Tsimanoskaya ha smesso di chiedere un’azione contro la squadra olimpica bielorussa, ma ha affermato che gli atleti “non sono colpevoli di nulla e … dovrebbero continuare a competere”.

“Non credo che ci dovrebbero essere sanzioni contro gli atleti”, ha detto.

Il Comitato olimpico bielorusso ha affermato in precedenza che gli allenatori hanno deciso di ritirare Tsimanoskaya dalle partite su consiglio dei medici riguardo al suo “affetto, [and] Stato psicologico”.

“repressione transfrontaliera”

Tsimanskaya ha affermato di ritenere che sarebbe stata espulsa dalla nazionale a causa degli eventi degli ultimi giorni, ma ha aggiunto che sperava di poter continuare a correre in futuro.

“Per ora, voglio solo arrivare sano e salvo in Europa… incontro le persone che mi hanno aiutato e decido cosa fare dopo”, ha detto Tsimanskaya.

“[But] Mi piacerebbe molto continuare la mia carriera sportiva perché ho solo 24 anni e ho progetti per almeno due Olimpiadi”.

READ  Almeno 69 persone sono morte in Canada durante l'ondata di caldo di 47,9°C

Il caso Tsimanoskaya ha focalizzato una rinnovata attenzione sulla polemica politica in Bielorussia, che è stata a lungo gestita dal presidente Alexander Lukashenko.

L’epopea è arrivata quando la polizia ucraina ha affermato che un attivista bielorusso scomparso è stato trovato impiccato in un parco della capitale, Kiev, ed è stata aperta un’indagine per omicidio.

Le autorità bielorusse hanno represso incessantemente il dissenso a seguito di un’ondata di proteste scatenate dalle elezioni dell’agosto 2020 che sono state denunciate dall’opposizione politica del paese e dai paesi occidentali come fraudolente.

Lukashenko, che ricopre la carica dal 1994, nega le accuse.

I critici del suo governo, compresi gli Stati Uniti, hanno condannato le azioni delle autorità su Tsimanskaya.

Martedì il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha accusato la Bielorussia di aver commesso un “atto repressivo transfrontaliero” per le accuse di aver tentato di forzarla a casa sua.

“Atti come questo violano lo spirito olimpico, sono un insulto ai diritti fondamentali e non possono essere tollerati”, ha scritto su Twitter.

Nel frattempo, la Polonia, strenuo oppositore dell’amministrazione Lukashenko e patria di un numero crescente di avversari bielorussi, ha denunciato quello che ha definito un “tentativo criminale” di rapire l’atleta.

Italo D'Amore
Italo D'Amore
"Pioniere televisivo a misura di hipster. Risolutore di problemi. Introverso umile e irritante. Lettore. Studente. Esperto di pancetta sottilmente affascinante."
Must Read
Related News