L’italiano Drake, con una lucrosa pensione governativa, perde lo stipendio da primo ministro

Mario Draghi, che attira almeno due generose pensioni governative, possiede o possiede circa 10 case e ha detto che non riceverà alcuno stipendio per essere stato primo ministro italiano.

I politici italiani sono costretti a pubblicare le loro tasse e Draghi ha dichiarato di avere diritto a uno stipendio totale di 110.000 euro come presidente del Consiglio.

Non ha fornito alcun motivo per la decisione.

Le entrate fiscali di Tracy per il 2020, rilasciate mercoledì alla fine, hanno registrato entrate totali di 3 583.470 nel 2019.

Di questi, 8 498.144 provenivano da una pensione governativa ricevuta dal suo precedente lavoro di direttore generale del Tesoro e governatore di una banca in Italia, ha detto il suo portavoce.

Massimiliano Banarari, esperto di comunicazione politica presso l’Università dell’Unimicodorum, ha detto che la decisione di Draci di rinunciare al suo stipendio potrebbe mostrare solidarietà agli italiani duramente colpiti dalla recessione.

“Tuttavia, può anche essere considerato un gesto populista, quindi Tracy avrebbe fatto meglio a spiegarlo in modo più completo”, ha detto.

Il movimento a 5 stelle co-governante è spesso descritto popolarmente dagli oppositori come i loro parlamentari che rinunciano a gran parte dei loro stipendi.

“Immagino che Draghi l’abbia fatto perché vede il suo ruolo come un servizio al Paese”, ha detto Giovanni Orcina, professore di politica all’Università di Luigi a Roma.

Drake, che ora ha 73 anni, aveva 54 anni quando lasciò il Tesoro nel 2001 per intraprendere un lavoro senior presso Goldman Sachs, una banca di investimenti a Londra. Aveva 64 anni quando lasciò la banca italiana.

I media italiani hanno riferito che Draghi ha ricevuto un totale di quasi 15 15.000 al mese dalla sua pensione del tesoro da quando aveva 59 anni.

READ  Sabato sono stati registrati 16 decessi per corona virus e 6.513 nuovi casi segnalati in Italia

Il suo portavoce ha detto che ciò non può essere confermato immediatamente.

Il predecessore di Tracy, Giuseppe Conte, ha ricevuto circa 90.000 euro da presidente del Consiglio, dandogli il 20% dei diritti.

Molti precedenti primi ministri italiani, Paulo Gentiloni nel 2016-18 ed Enrico Letta nel 2013-14, non sono stati pagati perché, a differenza di Draghi, sono legislatori e la legge italiana vieta l’accumulo di entrate da due ruoli.

Mario Monti, primo ministro nel 2011-13, ha rinunciato allo stipendio dopo essere stato nominato senatore a vita.

La tassazione di Tracy mostrava che possedeva o possedeva 10 case o edifici simili a Londra e sei aree.

I nostri standard: Principi della Thomson Reuters Foundation.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto