L’Italia si muove per fermare ulteriori viaggi prima di riprendere a viaggiare

Il progetto Uzbek Dittico metterà in mostra i manufatti rinascimentali delle gallerie degli Ufizi in mostra nell’area toscana e trasformerà l’area in una gigantesca galleria nel tentativo di combattere l’eccesso di turismo.

Il suo fondatore è stato definito “il più grande sconvolgimento d’Italia” nell’ultimo decennio, salutato come “la via maestra per combattere l’eccesso di turismo” e ora è pronto: l’area della Toscana ha fatto il primo passo per diventare un colosso galleria.

Le Gallerie degli Uffizi a Firenze – Il Museo più visitato d’Italia e la sede della più grande arte rinascimentale del mondo – Introdotto Ufficio Diffuso, Oppure il progetto “Scattered Office”, che vede opere d’arte prelevate dalla galleria ed esposte intorno a una vasta area della Toscana.

Nel tentativo di fermare l’eccesso di turismo che si è avvicinato alla città di Firenze negli ultimi anni, nei prossimi cinque anni verranno create fino a 100 gallerie regionali.

Invece di concentrarsi sulla luna di miele di Firenze, l’opera d’arte sarà ricreata in piccole città e villaggi nel tentativo di diffondere i turisti nella regione, i loro costi e il loro impatto sull’ambiente.

Palazzi antichi, conventi e terme secentesche in rovina saranno in futuro trasformati in spazi espositivi permanenti, ma il progetto si svolgerà quest’estate nei dintorni di Firenze con cinque mostre temporanee.

Un ‘magico viaggio nel mistero’ italiano

Denominato il progetto “Terre dell’Ufficio”, segna il 700° anniversario della morte di Dante e tratta della regione e del poeta, deportato da Firenze per motivi politici.

San Codenzo, paese di montagna vicino al confine con l’Emilia Romagna, diede i natali al pittore rinascimentale Andrea del Costagno – e il luogo dove soggiornò quando Dante fu giustiziato nel 1302 in assenza di Firenze. Lasciò San Codenso, per non tornare più in patria, e morì in Emilia Romagna. La mostra unirà i due con un ritratto di Dante dipinto da Andrea del Costagno, che sarà restaurato e tornerà nella sua città natale dal 26 luglio al 5 settembre.

In primo piano nel ritratto perduto di Leonardo da Vinci c’è un famoso Angiari alla guerra del Rinascimento – una mostra di arti marziali e mercenari che sono andati a stabilire le proprie corti piene d’arte. Il ritratto di Federico da Montefeldro, Fierro della Francesca è una delle opere più famose degli Ufizi.

READ  Un fattore stabilizzante, afferma Jaishankar, è il crescente interesse dell’Italia e dell’Unione Europea per la regione dell’Indo-Pacifico

Poppy, bellissimo paesino montuoso ai piedi dell’Appennino ad est di Firenze, ha scritto parte del “divino umorismo” e ci sarà una mostra dantesca incentrata su un dipinto di Pavlo e Francesca, il più famoso poema dell’Amore che erano confinati nel Secondo Cerchio dell’Inferno). Scritto da Nicola Monty, è stato recentemente acquistato dagli Uffizi. La mostra si svolgerà ai piedi degli alleati politici di Dante, Contea dei Guidi.

Ci sarà una mostra di dipinti “Geodesk” nella regione della Valdelsa nel piccolo villaggio di montagna di Montespertoli, 40 minuti a sud-ovest di Firenze. Il pittore Giotto – il più famoso del primo Rinascimento – ha influenzato gli artisti locali le cui opere saranno esposte nella ricostruzione della chiesa locale.

La città di Costiglia Pierrendino effettuerà un trasferimento d’arte con un tema d’ufficio attorno a San Francesco. I funzionari invieranno il loro capolavoro agli Ufizi di Bartolomeo della Katta, dove vanterà di sale quattrocentesche. In risposta, gli Uffizi ne avrebbero inviato uno schizzo, “S. Le Stimmate sono disponibili in Francia, scritte dal pittore del primo barocco Sicoli. ”

Paesaggio che ha introdotto mille dipinti

Sebbene non ci siano opere d’arte superstar nelle mostre – la galleria ha precedentemente prestato opere del calibro di Leonardo da Vinci alle città vicine – Eugene Schmidt, direttore delle Gallerie UFC, ha detto alla CNN che il progetto avrebbe fornito qualcosa di pari valore: tutto- esperienza inclusiva art.

“Non vedi un’opera d’arte isolatamente; Lo vedi su uno schermo, in un libro o in un museo “, ha detto.

“L’ambiente fisico e l’ambiente naturale sono molto importanti e danno l’opportunità di sentire queste opere d’arte in un modo molto diverso.

READ  Esplosivo Italia MBS Rischi Legali, Eye-rolling - Piano Assicurativo Fonti sugli Scaffali

“Penso che sia necessario fare un viaggio dalla California, da Varsavia, dall’Australia o da Barcellona, ​​per vedere un’opera scritta da Andrea del Costagno nel paesaggio da cui proveniva Andrea del Costagno”.

Schmidt ha grandi progetti per un progetto più ampio. Tra l’altro, ha riservato una villa a Montelobo Fiorentino, mezz’ora a ovest di Firenze, nella quale morì Lorenzo de Medici, il più famoso mecenate del Rinascimento, rivelando le opere di Bodicelli. La villa sarà ristrutturata e fungerà da centro del progetto.

Per ora, chiama i piani di avvio del “magico viaggio nel mistero” di North Magazine. Per creare mini percorsi d’arte, le città creano corsie ciclabili e carrabili tra di loro.

Schmidt ha detto alla CNN che l’urgenza del piano – per lo più pianificato durante il blocco – come tentativo di evitare un ritorno al turismo eccessivo che ha afflitto Firenze negli ultimi anni.

“In piena stagione non era divertente per un visitatore, lo era meno per un cittadino, quindi ora che la città e il paese stanno riaprendo, dobbiamo dare un segnale per un nuovo tipo di turismo”, ha detto.

“Cioè promuovere l’unità tra turismo naturalistico, turismo familiare, turismo enogastronomico, turismo sportivo e turismo culturale e artistico.

“Il motivo per cui lo stiamo facendo ora è rendere il turismo sostenibile dal punto di vista ambientale e sociale – e sarà molto divertente. Significa il decadimento di hotspot come Firenze diffondendo gli spettatori in giro.

“Portare l’opera d’arte nelle montagne da cui sono attratti aiuterà a raggiungere l’equilibrio”.

‘Il modo principale per combattere il sovraffollamento turistico’

Gli operatori del settore del turismo sostenibile hanno elogiato i commenti di Schmidt. Justin Francis, co-fondatore e CEO Viaggio responsabile, Che si chiama “un’idea piuttosto semplice”.

“In sostanza, vincono tutti. Turisti e residenti avranno l’opportunità di vedere un’arte significativa dalla folla, mentre le imprese nella regione vedranno aumentare le entrate e i residenti di Firenze potranno rilassarsi un po’ dalle pressioni del turismo in luna di miele “, ha affermato.

READ  Ryanair è sotto inchiesta per la sua posizione dominante nel mercato italiano - Aerodime

Ha suggerito che l’idea potrebbe diventare globale, aggiungendo che “è un modo fondamentale per combattere il sovraffollamento a livello globale – è emozionante vedere fino a che punto può arrivare il concetto di ‘disperso'”.

Mario Agnelli, sindaco di Costiglian Fiorentino, ha dichiarato alla CNN che il progetto degli Uffizi metterà le città sulla mappa del mondo.

“Volevo organizzare mostre, ma per farlo hai bisogno di assicurazione e trasporto – i costi non sono possibili per noi come una piccola città”, ha detto. “Lei è ok [Schmidt] Mi ha dato un corpetto, che non avrei mai gestito. “L’ombrello UFC ha ricevuto i fondi necessari per aiutare le singole città”, ha affermato.

Da parte sua, Schmidt afferma: “I numeri prevedono che sarà enorme [cultural] Shake in Italy negli ultimi 10-12 anni”, afferma, aggiungendo di “credere fermamente” che altre regioni e Paesi, compresa la Lombardia e parti della Spagna, possano sviluppare questo modello.

Ha aggiunto che in seguito alla sospensione dell’epidemia, era giunto il momento di farlo.

“Le statistiche di persone come Airpin mostrano che le belle cittadine collinari hanno già fatto il tutto esaurito prima delle città, infatti molti hotel nelle grandi città come Firenze, Roma, Milano e Venezia non hanno ancora riaperto”.

Alla domanda se fosse una corsa contro il tempo prima che il turismo di massa tornasse ai livelli precedenti, ha concordato: “Ecco perché sto mettendo così tanta energia nell’iniziare ora, non nel 2022.

“È importante ottenere una nuova offerta, qualcosa di molto solido e di alta qualità prima di tornare ai vecchi modi.

“Ho detto per un anno e mezzo che se non cambiamo le nostre offerte, c’è il rischio che le persone tornino alle loro vecchie abitudini”.

Il progetto Ufizi Diffusi è ancora attivo quest’estate dopo la mostra a tema napoleonico all’isola d’Elba, un tempo esiliato dall’imperatore francese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto