HomeEconomyL’Italia adegua le tasse bancarie per dare ai finanziatori la possibilità di...

L’Italia adegua le tasse bancarie per dare ai finanziatori la possibilità di aumentare le riserve

ROMA (Reuters) – L’Italia intende riconsiderare la contestata imposta sulle entrate inaspettate per le banche, dando agli istituti di credito la possibilità di aumentare le proprie riserve invece di pagare l’imposta, secondo un progetto di emendamento visionato da Reuters sabato.

Il mese scorso, Roma ha inferto un colpo a sorpresa ai suoi finanziatori imponendo un’imposta una tantum del 40% sui redditi generati dall’aumento dei tassi di interesse, dopo aver rimproverato le banche per non aver premiato i depositi mentre la Banca Centrale Europea aveva alzato i tassi di interesse ufficiali.

Le azioni bancarie sono crollate prima che il Ministero dell’Economia chiarisse che non avrebbe raccolto più dello 0,1% del totale degli attivi dei finanziatori.

Le proposte di modifica del decreto, attualmente in discussione nella Camera alta del Senato, arrivano dopo le critiche dell’industria, degli investitori internazionali e della Banca centrale europea. Francoforte ha affermato la scorsa settimana che la tassa potrebbe lasciare alcuni istituti di credito vulnerabili ad una recessione economica.

Secondo l’emendamento, l’imposta sul margine di interesse netto delle banche, una misura del profitto generato dal divario tra i tassi di interesse sui prestiti e sui depositi, sarà fissata allo 0,26% delle esposizioni ponderate per il rischio.

Le nuove condizioni renderebbero meno penalizzanti le banche che detengono una quota maggiore di titoli di Stato tra i loro asset.

Ancora più importante, invece di pagare l’imposta, le banche possono aumentare le proprie riserve non distribuibili stanziando un importo equivalente a due volte e mezzo l’imposta.

Si prevede che tale opzione esenterà dalle tasse le banche cooperative, poiché di solito accantonano gran parte dei loro profitti come riserve.

READ  Ha chiesto agli automobilisti di ricontrollare i prezzi della benzina prima di fare il pieno

Il primo ministro Giorgia Meloni ha a lungo difeso la logica della tassa lasciando la porta aperta a cambiamenti, a condizione che le entrate rimangano invariate a “leggermente al di sotto” dei 3 miliardi di euro (3,2 miliardi di dollari).

Secondo la nuova proposta, l’Italia tasserebbe il 40% del margine di interesse netto guadagnato nel 2023 se il margine aumentasse del 10% o più rispetto ai livelli del 2021. Nella versione attuale, l’imposta si applicherebbe se il margine di interesse netto aumentasse del 5% in 2022 e del 10% nel 2023 rispetto ai livelli del 2021.

Fonti a conoscenza della questione hanno detto a Reuters che l’emendamento è ancora soggetto a modifiche perché necessita dell’approvazione dei revisori statali del Dipartimento del Tesoro prima di poter essere formalizzato.

($1 = 0,9388 euro)

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottenere i diritti di licenzaapre una nuova scheda
Orsina Fiorentini
Orsina Fiorentini
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News