SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

L’Iran descrive il blackout del sito di arricchimento dell’uranio a Natanz come “terrorismo nucleare”

Il presidente iraniano del nucleare Ali Akbar Salehi ha affermato che l’interruzione di corrente all’impianto nucleare iraniano di Natanz domenica è stato un atto di “terrorismo nucleare”.

Sebbene non ci fosse una dichiarazione di responsabilità immediata, il sospetto è sceso immediatamente su Israele, con i suoi media che hanno riferito in modo quasi uniforme di un devastante attacco informatico orchestrato dallo stato che ha causato le interruzioni di corrente.

Domenica scorsa, un portavoce dell’Organizzazione per l’energia atomica dell’Iran (AEOI) nel paese ha affermato che un problema con la rete di distribuzione dell’elettricità nel sito di Natanz aveva causato un incidente, hanno riferito i media iraniani.

“L’incidente non ha provocato feriti o inquinamento”, ha detto il portavoce.

L’incidente è avvenuto il giorno dopo che Teheran ha lanciato nuove centrifughe avanzate per arricchire l’uranio nel sito.

L’impianto, situato nel deserto nella provincia centrale di Isfahan, è il fulcro del programma iraniano di arricchimento dell’uranio ed è monitorato dagli ispettori dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica delle Nazioni Unite.

“Mentre l’Iran condanna questo passo spregevole, afferma la necessità della comunità internazionale e dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica di affrontare questo terrorismo nucleare e si riserva il diritto di agire contro i suoi autori”, ha detto Salehi.

Non ha elaborato.

Diversi media israeliani hanno riferito domenica che un attacco informatico ha causato un blackout.

Public Kan TV ha affermato che Israele era probabilmente dietro l’attacco, citando la presunta responsabilità di Israele per gli attacchi di Stuxnet un decennio fa.

La televisione di Canale 12 ha citato “esperti” che hanno stimato che l’attacco ha portato alla chiusura di intere sezioni della struttura.

Nessuno dei rapporti conteneva fonti o spiegazioni su come i punti vendita fossero giunti a questa valutazione.

“È difficile per me credere che sia una coincidenza”, ha detto Joel Jozansky, un membro anziano dell’Istituto per gli studi sulla sicurezza nazionale di Tel Aviv, riguardo al blackout di domenica.

“Se questa non è una coincidenza, è un grosso problema se qualcuno sta cercando di inviare un messaggio che possiamo limitare l’avanzata dell’Iran e abbiamo linee rosse”.

Un'inquadratura dall'esterno di una serie di edifici bassi e una strada.
L’Iran ha affermato che un incendio all’impianto di Natanz nel luglio dello scorso anno è stato un tentativo di sabotare il programma nucleare del paese.(

Reuters: monaco Homafendi

)

Ha aggiunto che questo invia un messaggio che il sito nucleare più sensibile dell’Iran è “poroso”.

Israele non ha rivendicato la responsabilità per nessuno degli attacchi, sebbene di solito non discuta le operazioni svolte dall’agenzia di intelligence del Mossad o da unità militari specializzate.

In risposta a una domanda sull’incidente, un portavoce dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica ha dichiarato via e-mail: “Siamo a conoscenza dei resoconti dei media. Non abbiamo commenti in questa fase”.

Nel luglio dello scorso anno, Nella struttura di Natanz è scoppiato un incendioChe il governo iraniano ha detto era un tentativo di sabotare il programma nucleare iraniano.

Nel 2010, il virus informatico Stuxnet, ampiamente ritenuto essere stato sviluppato da Stati Uniti e Israele, è stato scoperto dopo essere stato utilizzato per attaccare Natanz.

L’incidente nella struttura di Natanz arriva tra gli sforzi di Teheran e Washington per rilanciare l’accordo nucleare iraniano del 2015 con le principali potenze dopo che l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump lo ha abbandonato tre anni fa.

Trump ha reimpostato le sanzioni che erano state revocate alla Repubblica islamica in base all’accordo e ha introdotto ulteriori sanzioni.

Reuters / Associated Press

READ  Una tempesta di sabbia inghiotte la città di Dunhuang nel nord-ovest della Cina in pochi minuti