HomeEconomyL’impennata della crescita nel sud crea un’economia a due velocità nell’Eurozona

L’impennata della crescita nel sud crea un’economia a due velocità nell’Eurozona

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

La crescita delle quattro maggiori economie dell’Europa meridionale ha sovraperformato la Germania di circa il 5% dal 2017, confermando che la regione si sta riprendendo a due velocità dai recenti shock.

Italia, Spagna, Portogallo e Grecia insieme hanno aggiunto più di 200 miliardi di euro al PIL – più dell’intera economia portoghese – in termini corretti negli ultimi sei anni, mentre il PIL della Germania è cresciuto di soli 85 miliardi di euro, secondo un rapporto di The Banca Mondiale. Analisi condotta da Capital Economics per il Financial Times.

L’economia tedesca è cresciuta a malapena da quando è emersa la pandemia di coronavirus nel 2020, dopo che un forte rallentamento nel suo enorme settore manifatturiero è stato esacerbato dall’aumento dei prezzi dell’energia dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia.

Al contrario, i paesi dell’Europa meridionale hanno ricevuto una spinta dalla ripresa del turismo dopo la revoca delle restrizioni pandemiche, nonché dalla loro ridotta esposizione alla contrazione manifatturiera e alla perdita del gas russo a basso costo.

Andrew Kenningham, capo economista europeo di Capital Economics, ha affermato che la produzione nei quattro paesi più grandi dell’Europa meridionale “supera ora di oltre il 5%” quella della Germania.

Ma lo scatto di crescita dal 2017 ha invertito solo in parte il terreno perduto dalla crisi finanziaria del 2008, dopo la quale molte economie nella “periferia” dell’eurozona hanno subito crisi bancarie e hanno avuto bisogno di salvataggi del debito.

“Le periferiche erano più grandi del 20%. [than Germany] Kenningham ha aggiunto prima della crisi finanziaria globale.

READ  Come il G20 allargato offre opportunità economiche uniche per l’India

Ha affermato che la sovraperformance relativa del Sud del mondo sembra aver aiutato la BCE a mantenere un ampio consenso sulla tempistica dei potenziali tagli dei tassi di interesse, con la maggior parte dei tassisti che indicano che probabilmente inizieranno a giugno se le pressioni sui prezzi continuassero a diminuire.

“A differenza della maggior parte degli ultimi dieci anni, è chiaro che le economie del sud non hanno bisogno di una politica monetaria più flessibile rispetto ai paesi centrali”, ha affermato Kenningham. “Se non altro, potrebbe essere vero il contrario.”

L’economia a due velocità dell’eurozona ha anche contribuito a ridurre il divario tra il costo del prestito dei paesi dell’Europa meridionale rispetto alla Germania. Lo spread tra i rendimenti dei titoli decennali in Italia e Germania – una misura dello stress finanziario attentamente monitorato – è recentemente sceso al livello più basso dal 2021.

Si prevede che i paesi del sud, tra cui Italia e Spagna, rispettivamente la terza e la quarta maggiore economia dell’eurozona, continueranno a sovraperformare quest’anno, continuando a crescere fortemente, mentre la Germania e altre economie settentrionali come Austria e Paesi Bassi rimangono bloccate.

Kenningham ha affermato di aspettarsi che il Quartetto si espanda collettivamente dell’1% in più rispetto alla Germania tra la fine di quest’anno e il 2026. Ma lui e altri economisti dubitano che la tendenza continuerà ben oltre quel punto.

Un grafico a linee di come si sono evolute le previsioni del PIL per il 2024 degli economisti rispetto allo scorso anno (variazione percentuale) che mostra che si prevede che l’Europa meridionale continuerà a sovraperformare la Germania quest’anno

recentemente Stare Uno studio condotto dalla banca olandese ING ha rilevato che Austria, Belgio, Francia e Paesi Bassi hanno perso competitività in termini di costo del lavoro a causa della rapida crescita dei salari negli ultimi quattro anni, mentre questa capacità è migliorata in Italia, Spagna, Grecia e Irlanda a seguito di una migliore crescita dei salari. produttività. La competitività della manodopera tedesca era costante.

READ  Mercedes EQS ora disponibile come Benz Down Under, 450 4Matic si unisce ad AMG 53 4Matic+

Un altro fattore è il fondo di ripresa da 800 miliardi di euro dell’UE, di cui i paesi del sud hanno beneficiato per lo più di un mix di sovvenzioni e prestiti a basso costo in cambio di riforme strutturali a sostegno della crescita. Italia e Spagna sono il primo e il secondo maggiore beneficiario del fondo.

La crescita in Spagna è aumentata grazie agli alti tassi di immigrazione, che lo scorso anno hanno aumentato la forza lavoro dell’1,1%, ha affermato Rafael Domenech, capo economista della banca spagnola BBVA. Ma ha avvertito: “Dato il basso investimento in Spagna rispetto al numero della popolazione in età lavorativa [an expected decline in] Crescita della produttività, dubito che questa differenza di crescita possa continuare in futuro.

La settimana scorsa i cinque principali istituti di ricerca economica tedeschi hanno ridotto le previsioni di crescita del paese per il 2024 dall’1,3% allo 0,1%. Ma si aspettano che la crescita torni all’1,4% l’anno prossimo.

Yannis Stournaras, capo della banca centrale greca, ha dichiarato al Financial Times che gran parte della recente sovraperformance dei paesi del sud è dovuta al fatto che la Germania “ha adattato il suo modello di business alle nuove realtà” dell’aumento dei costi energetici e del calo delle esportazioni verso la Cina, ma ha aggiunto: “No” Penso che questo sia permanente.”

Un altro fattore che ha pesato sulla crescita tedesca è stato il forte inasprimento della politica fiscale volto a ridurre il deficit di bilancio del governo a quasi il 2% lo scorso anno per conformarsi al ritorno della regola restrittiva del freno al debito del paese.

READ  La prossima crisi dell’Eurozona si sta già avvicinando, in Italia

Al contrario, i paesi del Sud hanno mantenuto una politica fiscale più favorevole, con il deficit di bilancio italiano salito al 7,2% lo scorso anno.

L’Italia prevede di contenere la spesa per soddisfare le regole fiscali dell’UE recentemente ripristinate, il che significa che la sua sovraperformance dovrebbe svanire. Quasi tutta la crescita dell’Italia dal 2019 deriva da costosi incentivi fiscali “in eccedenza” che hanno stimolato l’edilizia privata, ma i tagli ai programmi hanno reso tale espansione “insostenibile”, ha affermato Kenningham.

Orsina Fiorentini
Orsina Fiorentini
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News