HomeTechL'imminente funzionalità "Tap To Provision" di Apple arricchisce la storia dell'accessibilità di...

L’imminente funzionalità “Tap To Provision” di Apple arricchisce la storia dell’accessibilità di Apple Pay

Rapporto recente Da Felipe Esposito di 9to5 Mac, descrivendo in dettaglio la funzionalità “Tap to Provision” di Apple in arrivo su iOS 18. Come ha scritto Esposito, il nuovo programma Apple Pay mira a “[make] “È diventato molto più semplice per gli utenti aggiungere le proprie carte di credito e debito ad Apple Pay nell’app Wallet”, ha aggiunto Esposito. Esposito nota inoltre che la funzione sembra già funzionare “per alcuni utenti” che eseguono l’ultima beta per sviluppatori sui loro iPhone.

Secondo Espostio, Apple sta promuovendo Tap to Provision come un modo più comodo e semplice per aggiungere carte di credito e debito all’app Wallet. Questo metodo funziona semplicemente toccando la carta sul retro del telefono, eliminando così il processo di inserimento manuale dei dati della carta e/o di scattarne una foto. Espostio scrive che, in base ai rapporti degli utenti, Tap to Provision è ora il modo predefinito per aggiungere una nuova carta.

“Quando l’utente tocca il pulsante per aggiungere una nuova carta nell’app Wallet, viene visualizzato un messaggio che chiede all’utente di tenere l’iPhone vicino al chip sulla carta”, ha detto Esposito a proposito del meccanismo Tap to Provision per aggiungere una nuova carta a Portafoglio. “L’iPhone identifica quindi tutti i numeri sulla carta e li trasferisce automaticamente all’app. Naturalmente, gli utenti devono comunque verificare la propria carta presso la banca per completare il processo.”

Esposito sottolinea che ci sono delle avvertenze riguardo al Tap to Provision. Vale la pena notare che Apple afferma che questa funzionalità non sarà disponibile in tutti i mercati al momento del lancio ufficiale del sistema operativo, ma come previsto non ha specificato in quali mercati questa funzionalità non sarà disponibile. Nel frattempo, Esposito ha affermato che non tutte le carte supportano il Tap to Provision; In alcuni casi, iOS 18 visualizza un messaggio che informa che il circuito delle carte, come Visa, MasterCard o American Express, “non supporta attualmente i metodi contactless per l’aggiunta di carte”, secondo Esposito.

Ho esaltato le virtù dell’accessibilità di Apple Pay innumerevoli volte in questa rubrica, così come nelle storie per Altri portinel corso degli anni successivi La sua prima apparizione nel 2014Non ripeterò qui queste ragioni, ma è sufficiente dire che Tap to Provision consolida la posizione di Apple Pay come la piattaforma di pagamento digitale più accessibile sul mercato. Entrambi possono essere veri: Apple Pay diluisce chiaramente la proposta di valore dell’iPhone, aiutando così Apple a guadagnare di più vendendo più telefoni. Allo stesso modo, è vero che Apple Pay indebolisce la proposta di valore dell’iPhone nel contesto dell’usabilità perché, dati i vantaggi di accessibilità di Apple Pay (che includono i suoi collegamenti con le funzionalità di accessibilità di iOS), una persona disabile che desidera modi più accessibili per pagare per cose che potrebbe ragionevolmente scegliere l’iPhone in parte a causa dell’altissima accessibilità di Apple Pay.

Per quanto riguarda la funzionalità di accessibilità Tap to Provision, Apple presumibilmente l’ha presa in considerazione. E per confermare il rapporto di Espósito, Tap to Provision esiste perché Apple ha pensato che dovrebbe esserci un modo migliore (leggi: accessibile) per consentire alle persone di aggiungere carte al proprio portafoglio. Questa è solo una speculazione da parte mia, ma a livello tecnico, mi chiedo se Tap to Provision sia basato su API e altro codice simile a quello che alimenta Tocca indietroApple sta lavorando per migliorare l’accessibilità delle sue applicazioni, con una funzione di accessibilità che consente agli utenti di toccare il retro dei propri telefoni per attivare diverse azioni. Se la mia intuizione è davvero corretta, ciò significa che Apple, come è successo con Type to Siri, sta prendendo tecnologie radicate nell’accessibilità e le sta “graduando” in applicazioni più popolari. Ciò non diminuisce l’importanza dell’accessibilità come campo speciale, ma piuttosto fornisce un’ulteriore prova del fatto che molte innovazioni tecnologiche iniziano con i bisogni della comunità dei disabili. In altre parole, dimostra che l’accessibilità è davvero per tutti.

Invece di utilizzare una tastiera di sistema per inserire i dettagli della carta, che può certamente essere un faticoso test di percezione, nonché di acuità visiva e capacità motorie, a seconda delle esigenze e delle tolleranze di una persona, Tap to Provision fa il lavoro integrando in modo intelligente hardware e software in un modo che si afferma come un altro vantaggio. Una delle effettive funzionalità di accessibilità di iOS.

READ  Adobe ha sperimentato l'intelligenza artificiale nel confezionamento dei video
Riccardo Auriemma
Riccardo Auriemma
"Esperto di Internet. Fan della TV. Analista esasperatamente umile. Pioniere di Twitter impenitente. Fanatico del caffè freelance."
Must Read
Related News