HomeTop NewsL’Europa è in un vicolo cieco sulla riforma finanziaria – e il...

L’Europa è in un vicolo cieco sulla riforma finanziaria – e il mercato obbligazionario italiano potrebbe soffrirne

  • Tuttavia, con le elezioni che incombono in tutta Europa, cresce la pressione sui ministri delle finanze affinché raggiungano un accordo nei prossimi mesi.
  • Le obbligazioni italiane sono state recentemente sotto pressione.
  • Oltre alle preoccupazioni globali che gli alti tassi di interesse dureranno più a lungo del previsto, i piani di bilancio di Roma per il 2024 hanno lasciato i mercati insoddisfatti.

Il premier italiano Giorgia Meloni.

Antonio Masiello | Notizie Getty Images | Belle foto

L’Italia potrebbe dover affrontare ulteriori pressioni economiche mentre l’UE si trova ad affrontare un’impasse sulle nuove regole sul debito.

I 27 Stati membri dell’UE sono da mesi in disaccordo sulle nuove regole sul credito. L’idea è quella di rendere più semplice per i governi aggiustare le proprie finanze, ma i disaccordi su come farlo hanno trascinato il dibattito.

Tuttavia, con le elezioni che incombono in tutta Europa, cresce la pressione sui ministri delle finanze affinché raggiungano un accordo nei prossimi mesi.

“Il tempo stringe e il rischio di un ‘no deal’ sta aumentando in un contesto sfavorevole di crescita e politica monetaria, pesando sull’euro e riaccendendo i timori di frammentazione nell’EGB. [European government bond] mercato”, ha dichiarato in una nota la settimana scorsa David Oneglia, direttore macro europeo e globale di DS Lombard.

Ha aggiunto che l’Italia potrebbe essere in prima linea nei potenziali movimenti del mercato obbligazionario.

“Poiché il rischio di un ritorno alle vecchie e più severe regole fiscali incombe, una rapida riduzione del deficit potrebbe peggiorare le aspettative di crescita a medio termine per l’UE, gravando sull’euro. Reintrodurrebbe qualche timore di frammentazione nei bond esteri, soprattutto italiani – Rallentamenti ciclici della crescita, stretta monetaria e sfide al contesto del mercato globale. “Giusto in tempo”, ha detto Oneglia.

READ  Welfield riceve 3,3 miliardi di dollari da Ali Group in Italia

Le obbligazioni italiane sono state recentemente sotto pressione. Oltre alle preoccupazioni globali che gli alti tassi di interesse dureranno più a lungo del previsto, i piani di bilancio di Roma per il 2024 hanno lasciato i mercati insoddisfatti.

Il governo guidato da Giorgia Meloni ha abbassato le aspettative di crescita per l’economia italiana quest’anno e il prossimo e ha aumentato i suoi obiettivi di deficit di bilancio. Alla notizia il rendimento del titolo italiano a 10 anni è salito, raggiungendo il 5% nei giorni successivi. Mercoledì alle 5:30 ora di Londra il prezzo era in rialzo del 4,76%.

“Con le elezioni europee alle porte, vediamo una significativa possibilità che i negoziati sulle regole fiscali vengano ritardati nella seconda metà del prossimo anno”, hanno detto lunedì in una nota gli analisti di Goldman Sachs.

Gli stati membri europei devono rispettare regole fiscali che rispettino un limite debito/Pil del 60% e un deficit generale del 3%. Ma queste regole spesso non vengono seguite o applicate dalla Commissione Europea, che le supervisiona.

Nel 2020, il bilancio sarà congelato, quindi gli stati membri potranno deviare dai loro obiettivi fiscali e spendere in cose legate alla pandemia, come la protezione dei posti di lavoro. Con l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia nel 2022, le regole fiscali sono state sospese mentre i governi si trovavano ad affrontare nuovi costi energetici e pressioni inflazionistiche. La sospensione di tali norme termina a dicembre.

I paesi europei saranno quindi costretti ad aderire nuovamente al codice nel 2024. Guardando al 2025 – dopo tre anni di sospensione e decenni di critiche – si sentono pressioni per riformare le regole, ma il prossimo anno potrebbe rientrare nel calendario politico. il modo

READ  Le 10 smartphone economici in offerta del 2024: Scopri le Migliori Opzioni

“Se non c’è accordo su nuove regole, come [it] Sembra che entreranno in vigore le norme attualmente sospese [in 2025]. Sono più difficili di ciò che si discute ora”, ha detto alla CNBC Moritz Cramer, capo economista della LBBW.

“Quindi, in linea di principio, nessun accordo darebbe all’Italia meno spazio per farsi del male”, ha detto, aggiungendo che regole più severe potrebbero costringere l’Italia ad adottare una posizione fiscale più restrittiva e quindi vedere una minore volatilità del mercato obbligazionario.

L’Italia e altri paesi europei potrebbero dover seguire vecchie regole più severe, ma la questione dell’applicazione è ancora in dubbio.

“Riteniamo improbabile che la Commissione europea avvii una procedura per disavanzo eccessivo contro uno Stato membro prima che i negoziati sulle regole fiscali siano conclusi”, hanno detto gli analisti di Goldman Sachs.

I deficit eccessivi fungono da lista di controllo per i paesi che non hanno adeguato le proprie finanze al ritmo richiesto.

“Se ci sarà un compromesso sulle regole fiscali, è più probabile che avvenga nel primo trimestre del 2024 sotto la presidenza belga. La vera scadenza è la fine di marzo, quindi il testo legale potrebbe arrivare al Parlamento europeo prima di giugno. Elezioni del 2024”, ha detto alla CNBC Didier Borowski, capo della ricerca sulle politiche macro presso la società di investimento Amundi.

Marcello Jilani
Marcello Jilani
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News