SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

L’elicottero della NASA su Marte individua un terreno intrigante per esplorare il rover della perseveranza

L’innovativo elicottero della NASA su Marte ha catturato questa immagine delle traiettorie tracciate dal Persevering Rover durante il suo nono volo, il 5 luglio. Parte del carrello di atterraggio dell’elicottero è visibile in alto a sinistra. Credito: NASA/JPL-Caltech

Il nono volo di Ingenuity ha fornito immagini che aiuteranno il team del rover Perseverance a sviluppare il suo piano scientifico in futuro.

Le immagini catturate dall’elicottero Ingenuity Mars della NASA il 5 luglio durante il suo ambizioso nono volo offrono agli scienziati e agli ingegneri che lavorano con il rover Mars dell’agenzia un’opportunità senza precedenti per esplorare la strada da percorrere. La creatività ha fornito nuove informazioni su dove iniziano e finiscono i diversi strati di roccia, con ogni strato che funge da capsula del tempo di come le condizioni sono cambiate nel paleoclima in questo sito. Il viaggio ha anche rivelato gli ostacoli che il rover potrebbe dover superare durante l’esplorazione del cratere Jezero.

Durante il volo – progettato per testare la capacità dell’elicottero di fungere da ricognitore aereo – la creatività ha sorvolato un campo di dune soprannominato “Séítah”. La perseveranza fa una deviazione a sud intorno a quelle dune, che sarebbe troppo rischioso per un rover a sei ruote tentare di attraversarle.

La campagna del cratere JIZERO traccia la prima perseveranza scientifica

Questa immagine annotata del cratere Jezero descrive i percorsi della prima spedizione scientifica (segne gialle) e della seconda (segne gialle chiare). Credito immagine: NASA/JPL-Caltech/Università dell’Arizona

Le immagini a colori di Ingenuity, scattate da un’altezza di circa 33 piedi (10 metri), forniscono al team del rover molti più dettagli di quelli che ottengono dalle immagini orbitali (come l’immagine sopra) che normalmente usano per pianificare il percorso. Mentre una fotocamera come HiRISE (High Resolution Imaging Science Experiment) a bordo del Mars Reconnaissance Orbiter della NASA può risolvere rocce di circa 3 piedi (1 metro) di diametro, le missioni in genere si basano su immagini di veicoli spaziali per vedere rocce più piccole o caratteristiche del terreno.

READ  Iscriviti al Vaccination Day in quanto il leader laburista chiede una nuova campagna pubblicitaria

“Una volta che la sonda si avvicina abbastanza al sito, otteniamo immagini su scala terrestre che possiamo confrontare con le immagini orbitali”, ha affermato Ken Welford, vice scienziato del progetto Perseverance, del Jet Propulsion Laboratory della NASA nel sud della California. “Con la creatività, ora abbiamo queste immagini di medie dimensioni che colmano piacevolmente il divario di risoluzione”.

Ecco alcune foto di Ibdaa, che ha completato il lungo viaggio di ritorno sulla Terra l’8 luglio.

bordi rialzati

La creazione (la sua ombra visibile nella parte inferiore di questa immagine) ha fornito uno scorcio ad alta risoluzione delle caratteristiche rocciose soprannominate “bordi rialzati”. Appartengono al sistema di frattura, che spesso fungono da percorsi di flusso dei fluidi sotterranei.

Alzato i bordi di Marte

Questo sito, soprannominato “Rising Edges”, è stato avvistato dall’innovativo elicottero su Marte della NASA durante il suo nono volo, il 5 luglio. Gli scienziati sperano di visitare le “altitudini più elevate” con il rover persistente in futuro. Credito: NASA/JPL-Caltech

Qui al cratere Jezero, il lago esiste da miliardi di anni. Spiando le creste nelle immagini delle orbite di Marte, gli scienziati si sono chiesti se l’acqua potesse essere passata attraverso queste fratture ad un certo punto, dissolvendo i minerali che potrebbero aiutare a nutrire antiche colonie microbiche. Ciò li renderebbe un luogo privilegiato per cercare segni di vita antica e possibilmente per dissotterrare un esemplare.

I campioni prelevati da Perseverance verranno eventualmente depositati su Marte in una futura missione che li riporterà sulla Terra per un’analisi approfondita.

“Il nostro piano attuale è quello di visitare e indagare da vicino Raised Ridges”, ha detto Williford. “Le immagini dell’elicottero sono molto migliori in termini di risoluzione rispetto alle immagini orbitali che stavamo usando. Studiare queste cose ci consentirà di assicurarci che visitare queste colline sia importante per il team”.

READ  Il ritardo del blocco del NSW mette a rischio l'Australia

dune

Dune di sabbia come quella in questa foto tengono svegli di notte i conducenti di rover come Oliver Tobit del JPL: possono facilmente far inciampare un rover di due tonnellate. Dopo essere atterrati a febbraio, gli scienziati della perseveranza hanno chiesto se fosse possibile stabilire una linea diretta attraverso questo terreno; La risposta di Toupet è stata complicata.

campo dunale intermedio

L’elicottero Mars Innovation della NASA ha sorvolato questo campo di dune di sabbia nell’area del cratere Jezero soprannominata “Séítah” durante il suo nono volo, il 5 luglio 2021. Una parte del carrello di atterraggio dell’elicottero può essere vista in alto a sinistra. Credito: NASA/JPL-Caltech

“La sabbia è una delle principali preoccupazioni”, ha affermato Tobet, che guida il team di esperti di mobilità che prevede di guidare la persistenza. “Se spingiamo un pendio tra le dune, possiamo inserirci in esso e non essere in grado di uscirne”.

Toupet è anche il pioniere della funzione AutoNav di Perseverance recentemente testata, che utilizza algoritmi di intelligenza artificiale per guidare autonomamente il rover su distanze maggiori di quelle altrimenti raggiungibili. Sebbene AutoNav sia in grado di evitare rocce e altri pericoli, non è in grado di rilevare la sabbia, quindi i conducenti devono comunque definire “zone di protezione” attorno alle aree che potrebbero rimanere intrappolate nel rover.

Roccia di fondo

Senza creatività, visibile nella sagoma sotto questa prossima foto, gli studiosi della perseveranza non sarebbero in grado di vedere questa sezione di Séítah così chiaramente: è troppo sabbiosa e la perseveranza non può visitarla. La vista unica fornisce dettagli sufficienti per esaminare queste rocce e ottenere una migliore comprensione di quest’area dal cratere Jezero.

Dune di sabbia e rocce di Marte

L’innovativo elicottero della NASA su Marte ha sorvolato queste dune di sabbia e rocce durante il suo nono volo, il 5 luglio 2021. Anche se la Mars Perseverance Agency non poteva rischiare di cadere in queste sabbie, gli scienziati sono ancora in grado di conoscere quest’area attraverso il suo studio sulla creatività immagini. Credito: NASA/JPL-Caltech

Mentre il rover si fa strada intorno a un campo di dune, potrebbe fare quello che il team chiama un “toe tuffo” in alcuni punti scientificamente attraenti con un substrato roccioso interessante. Anche se Toupet e il suo team non tenteranno di nuotare qui, le immagini recenti di Ingenuity consentiranno loro di tracciare potenziali percorsi di regressione in altre aree lungo il percorso della prima spedizione scientifica a perseverare.

READ  La NASA seleziona SpaceX per la missione su Giove Europa

“L’elicottero è una risorsa molto preziosa per la pianificazione del viaggio perché fornisce immagini ad alta risoluzione del terreno che vogliamo attraversare”, ha affermato Tobitt. “Possiamo valutare meglio le dimensioni delle dune e dove si formano le rocce sottostanti. Questa è un’ottima informazione per noi; aiuta a determinare le aree che un rover può attraversare e se è possibile raggiungere determinati obiettivi scientifici di alto valore”.

Maggiori informazioni sulla missione

L’astrobiologia è uno degli obiettivi principali della missione di persistenza su Marte, compresa la ricerca di segni di antica vita microbica. Il rover caratterizzerà la geologia del pianeta e il clima passato, aprirà la strada all’esplorazione umana del Pianeta Rosso e sarà la prima missione a raccogliere roccia e regolite marziane (roccia fratturata e polvere) e conservarle in un nascondiglio.

Le successive missioni della NASA, in collaborazione con l’Agenzia spaziale europea (ESA), invieranno veicoli spaziali su Marte per raccogliere questi campioni sigillati dalla superficie e riportarli sulla Terra per un’analisi approfondita.

La missione Mars 2020 Perseverance fa parte dell’approccio di esplorazione Lunar-Mars della NASA, che include le missioni Artemis sulla Luna che aiuteranno a prepararsi per l’esplorazione umana del Pianeta Rosso.

Il Jet Propulsion Laboratory, gestito dal California Institute of Technology amministrato dalla NASA a Pasadena, in California, ha costruito e gestito le operazioni del rover.

L’elicottero Ingenuity Mars è stato costruito dal Jet Propulsion Laboratory del JPL, che gestisce anche il progetto di dimostrazione della tecnologia per il quartier generale della NASA. È supportato dai dipartimenti di scienza, ricerca atmosferica e tecnologia spaziale della NASA. L’Ames Research Center della NASA nella Silicon Valley in California e il Langley Research Center della NASA a Hampton, in Virginia, hanno fornito analisi critiche delle prestazioni di volo e assistenza tecnica durante lo sviluppo di Ingenuity. AeroVironment Inc. Qualcomm e SolAero assistono anche nella progettazione e nei componenti chiave del veicolo. Lockheed Martin Space ha progettato e prodotto il Mars Helicopter Delivery System.

Il JPL gestisce la missione MRO per la direzione della missione scientifica della NASA a Washington. HiRISE, costruito da Ball Aerospace & Technologies Corp., è gestito dall’Università dell’Arizona, a Tucson, a Boulder, in Colorado.