HomeEconomyL’edilizia abitativa nell’Eurozona sta diminuendo al ritmo più rapido dall’inizio della pandemia

L’edilizia abitativa nell’Eurozona sta diminuendo al ritmo più rapido dall’inizio della pandemia

Ricevi aggiornamenti gratuiti sull’economia dell’Eurozona

Secondo un sondaggio attentamente monitorato, l’edilizia abitativa nell’Eurozona è crollata al ritmo più veloce dall’inizio della pandemia dopo che l’aumento dei tassi di interesse e l’aumento dell’inflazione hanno colpito l’attività edilizia.

L’aumento dei costi di finanziamento, a seguito dei tassi di interesse senza precedenti approvati dalla Banca Centrale Europea lo scorso anno, ha smorzato la domanda di nuovi mutui e abbassato i prezzi delle case, mentre l’elevata inflazione ha aumentato drasticamente i costi di costruzione di nuove case.

L’indice HCOB dei responsabili degli acquisti edili dell’Eurozona, che misura l’attività totale nel settore, è sceso da 43,5 di luglio a 43,4 di agosto, il livello più basso finora quest’anno, portandolo sotto il livello di 50 che separa la crescita dalla contrazione.

Secondo l’indagine, l’edilizia residenziale è diminuita al ritmo più rapido da aprile 2020, mentre anche l’attività di costruzione commerciale e di infrastrutture è diminuita, ma a un ritmo più lento. Il calo delle costruzioni totali è stato più marcato in Germania, ma è diminuito anche in Francia e Italia.

“Non è il momento di agire sulla costruzione nell’eurozona”, ha affermato Cyrus de la Robbia, capo economista della Hamburg Commercial Bank. “Soprattutto le aziende che si concentrano sul settore immobiliare si trovano in una situazione difficile.”

Un calo dell’attività edilizia, che rappresenta circa il 9% della produzione dell’eurozona, frenerà ulteriormente le prospettive economiche del blocco poiché gli economisti avvertono del rischio di deflazione nella seconda metà dell’anno.

READ  L'Italia riallaccia i rapporti con la Cina dopo il fallimento dell'accordo Belt and Road e cerca un ritorno alle alleanze occidentali

I prezzi delle case nell’eurozona sono scesi dello 0,9% nel primo trimestre rispetto a un anno fa, il primo calo in più di un decennio, riflettendo un aumento dei costi di finanziamento. Secondo la Banca Centrale Europea, il tasso medio su un nuovo mutuo a tempo determinato per almeno 10 anni è raddoppiato dall’1,32% all’inizio dello scorso anno al 3,45% a luglio.

L’indagine PMI ha mostrato che i nuovi ordini nel settore edile sono diminuiti per il 17° mese consecutivo, sebbene il calo sia stato il più debole da febbraio. I prezzi d’acquisto sono aumentati a un ritmo leggermente più rapido, anche se inferiore alla media a lungo termine. I tempi di consegna sono diminuiti per il quarto mese consecutivo.

Le imprese di costruzione hanno tagliato posti di lavoro per il sesto mese consecutivo in agosto, a un ritmo più rapido rispetto a luglio, riflettendo la persistente scarsa fiducia sulle prospettive per il prossimo anno.

I risultati del sondaggio sono arrivati ​​quando le lobby imprenditoriali hanno chiesto al governo tedesco di intervenire per aiutare il settore edile colpito dalla crisi, dopo che un’ondata di fallimenti ha causato la morte di alcuni dei principali promotori immobiliari del paese.

Diversi sviluppatori tedeschi hanno dichiarato fallimento nelle ultime settimane, tra cui tre società immobiliari commerciali con sede a Dusseldorf, Gerch e Centrum Group and Development Partner, nonché Euroboden a Monaco e Project Immobilien Gruppe a Norimberga, che costruisce sia residenziali che commerciali. Proprietà. Importanti proprietari come Vonovia e Aroundtown hanno annunciato importanti svalutazioni dei loro portafogli immobiliari.

Secondo un indice dei prezzi alla produzione separato per il settore pubblicato a luglio da Eurostat, il braccio statistico dell’UE, il costo di costruzione di nuove proprietà residenziali nell’Eurozona è aumentato dell’11,5% lo scorso anno, il ritmo più veloce mai registrato.

READ  Le balene prelevano più di 21.400 Bitcoin dagli scambi in una settimana

Secondo gli ultimi dati, la produzione nel settore edile dell’Eurozona è scesa dell’1,1% nel secondo trimestre rispetto al trimestre precedente, dopo essere aumentata del 2,6% nel primo trimestre.

Mercoledì ci sono state notizie più tristi per l’economia della zona euro, poiché le vendite al dettaglio nel blocco sono scese dello 0,2% a luglio rispetto al mese precedente, che secondo Eurostat ha portato il calo su base annua all’1%.

Orsina Fiorentini
Orsina Fiorentini
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News