SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Le variabili minacciano la ripresa globale, G20

I ministri delle finanze delle 20 maggiori economie del mondo hanno avvertito che le crescenti variabili del nuovo virus Corona e lo scarso accesso ai vaccini nei paesi in via di sviluppo minacciano la ripresa dell’economia globale.

L’incontro del G20 a Venezia, in Italia, sabato è stato il primo incontro faccia a faccia dei ministri dall’inizio della pandemia. Le decisioni includono l’approvazione di nuove regole volte a impedire alle società multinazionali di trasferire i loro profitti in paradisi a bassa tassazione.

Ciò apre la strada ai leader del G20 per finalizzare una nuova aliquota minima globale dell’imposta sulle società del 15% al ​​vertice di Roma di ottobre, una mossa che potrebbe compensare centinaia di miliardi di dollari in tesorerie pubbliche in difficoltà durante la crisi del coronavirus.

Una dichiarazione di chiusura ha affermato che le prospettive economiche globali sono migliorate dai colloqui del G-20 di aprile grazie all’introduzione di vaccini e pacchetti di sostegno economico, ma ha riconosciuto la sua fragilità di fronte a variabili come il delta in rapida diffusione.

Mentre i paesi del G20 hanno promesso di utilizzare tutti gli strumenti politici per combattere il COVID-19, i presentatori italiani dell’incontro hanno affermato che c’è anche un accordo per evitare di imporre nuove restrizioni alle persone.

“Siamo tutti d’accordo che dobbiamo evitare di imporre nuovamente qualsiasi restrizione alla circolazione dei cittadini e al modo di vivere delle persone”, ha affermato il ministro dell’Economia italiano Daniele Franco, il cui Paese detiene la presidenza di turno del G20 fino a dicembre.

Sebbene la dichiarazione abbia sottolineato il sostegno a una “partecipazione globale equa” per i vaccini, non ha suggerito misure concrete.

READ  Fiji Airports Company ottiene milioni di dollari in strutture finanziarie

Ci sono ancora enormi differenze nei livelli di vaccinazione tra ricchi e poveri del mondo.

Mentre alcune delle nazioni più ricche hanno ora somministrato a più di due terzi dei loro cittadini almeno un’iniezione del vaccino, quel numero scende ben al di sotto del cinque percento in molte nazioni africane.

L’Italia ha affermato che il G20 tornerà sulla questione del finanziamento dei vaccini per i paesi poveri in vista del vertice di Roma di ottobre e che le nuove variabili sono un’area che deve essere considerata. Non sono stati menzionati altri dettagli.

La più grande iniziativa politica nei colloqui è stato un famoso accordo sull’aliquota globale dell’imposta sulle società, che ha chiuso otto anni di dibattito sulla questione.

L’impostazione di un livello minimo del 15% ha lo scopo di impedire alle multinazionali di acquistare l’aliquota fiscale più bassa. Cambierà anche il modo in cui vengono tassate aziende come Amazon e Google, poiché dipende in parte da dove vendono prodotti e servizi, piuttosto che da dove si trovano le loro sedi.

Il segretario al Tesoro degli Stati Uniti Janet Yellen ha affermato che qualsiasi paese contrario sarebbe incoraggiato ad aderire entro ottobre.

“Cercheremo di farlo, ma devo sottolineare che non è necessario che tutti i paesi siano a bordo”, ha detto, aggiungendo che l’accordo includeva meccanismi contro l’uso di paradisi fiscali ovunque.

I membri del G20 rappresentano oltre l’80 percento del PIL mondiale, il 75 percento del commercio globale e il 60 percento della popolazione del pianeta, inclusi Stati Uniti, Giappone, Gran Bretagna, Francia, Germania e India.

Oltre ai paesi dell’UE che hanno rifiutato l’Irlanda, l’Estonia e l’Ungheria, altri paesi che non hanno firmato l’accordo includono Kenya, Nigeria, Sri Lanka, Barbados e Saint Vincent e Grenadine.

READ  Premier League europea, campionato separatista, principali club collegati, 12 squadre, Premier League inglese, Spagna, Italia, notizie

Il commissario UE per l’Economia Paolo Gentiloni ha detto ai giornalisti che ci sono ancora discussioni su quale livello di utili societari dovrebbe essere tassato a livello nazionale e se settori diversi dai servizi finanziari e minerario dovrebbero essere esentati.

Tra gli altri punti critici, la lotta al Congresso degli Stati Uniti per i previsti aumenti delle tasse del presidente Joe Biden sulle società americane e sui ricchi americani potrebbe causare problemi, così come un piano separato dell’Unione europea per imporre una tassa digitale alle società tecnologiche.

I funzionari del G20 hanno invitato il Fondo monetario internazionale a “fornire rapidamente opzioni pratiche” ai paesi ricchi per incanalare parte dell’emissione di valuta di riserva del FMI da $ 650 miliardi (868 miliardi di dollari australiani) ai paesi poveri.

Hanno smesso di approvare l’obiettivo di 100 miliardi di dollari del Fondo monetario internazionale per il trasferimento di DSP ai paesi bisognosi, ma hanno chiesto contributi da tutti i paesi in grado di raggiungere un “obiettivo ambizioso”.