HomescienceLe vaccinazioni negli hospice sono basse mentre i casi aumentano

Le vaccinazioni negli hospice sono basse mentre i casi aumentano

“Ogni fornitore di assistenza residenziale per anziani ha la responsabilità di garantire che continui a fare tutto il possibile per prevenire, prepararsi e limitare l’impatto dell’epidemia di coronavirus”, ha affermato Anderson.

scaricamento

“Ciò include garantire che i residenti e il personale abbiano accesso alle vaccinazioni contro il COVID-19”.

Anderson ha affermato che la Commissione ha recentemente aumentato il monitoraggio delle prestazioni dei fornitori in relazione alla gestione del rischio Covid-19 e non esiterebbe a utilizzare i suoi poteri di regolamentazione se riscontrasse carenze significative.

Tom Simonson, amministratore delegato dell’Associazione dei fornitori di assistenza agli anziani e alla comunità, ha affermato che la sua organizzazione sta discutendo con l’amministrazione come incoraggiare i residenti e le loro famiglie a ricevere il prossimo vaccino.

“Sappiamo che l’autocompiacimento rappresenta un rischio enorme. È importante non diventare compiacenti e fare tutto il possibile per ridurre il rischio di infezione da coronavirus e altre infezioni per tutti gli australiani e soprattutto per gli australiani vulnerabili”, ha affermato. .

Nonostante l’aumento dei casi, il miglioramento del controllo delle infezioni, le vaccinazioni e i trattamenti antivirali orali fanno sì che meno residenti nelle case di cura muoiano a causa del virus.

Il Covid-19 ha rappresentato il 3,9% di tutti i decessi nelle case di cura da dicembre 2021, ma solo il 2% dei decessi tra i residenti dall’inizio dell’anno.

Il professor Robert O’Sullivan, presidente della Società geriatrica australiana e neozelandese, ha affermato che l’emergenza di Covid-19 nella comunità è preoccupante.

“Il coronavirus tende ad avere esiti peggiori nelle persone anziane; la maggioranza [geriatricians’] Ha detto che i pazienti infetti dal virus Corona sono pazienti ricoverati per anziani.

O’Sullivan ha affermato che potrebbero esserci problemi con la comunità, in particolare con i familiari degli anziani, che non conoscono l’attuale programma di vaccinazione contro il COVID-19 o non si rendono conto che l’immunità alle malattie gravi diminuisce dopo la vaccinazione.

READ  Lo strumento di scansione facciale rileva l'ictus in pochi secondi

“Avere cliniche vaccinali nell’assistenza agli anziani è un modo davvero efficace per assicurarsi che le persone ricevano il vaccino”, ha affermato.

Anche le autorità sanitarie statali e federali hanno esortato gli anziani a ricevere il vaccino antinfluenzale, poiché gli indicatori, tra cui i tassi di test positivi e le presentazioni ospedaliere, suggeriscono che il virus respiratorio è in aumento anche nella comunità.

I dati del Centro nazionale per la ricerca e la sorveglianza sulle immunizzazioni hanno mostrato che solo il 53% delle persone di età pari o superiore a 65 anni aveva ricevuto un vaccino antinfluenzale all’inizio di giugno, un numero inferiore rispetto a quello dell’anno scorso.

La settimana scorsa, Kerry Chant, Chief Health Officer del NSW, ha esortato gli anziani a farsi avanti per i vaccini antinfluenzali dopo che lo stato ha registrato un aumento del 22% nel numero di persone che si presentano al pronto soccorso con una malattia simil-influenzale.

Inizia la giornata con un riepilogo delle storie, delle analisi e degli approfondimenti più importanti e interessanti della giornata. Iscriviti alla newsletter dell’edizione del mattino.

Orsina Fiorentini
Orsina Fiorentini
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News