Le segnalazioni del virus mortale si interrompono improvvisamente quando cala l’oscurità in Antartide

L’influenza aviaria altamente contagiosa è stata rilevata per la prima volta in Antartide a febbraio, sollevando preoccupazioni a livello internazionale che il virus HPAI potesse spazzare via le colonie di pinguini. Poi le segnalazioni di nuovi casi si sono improvvisamente interrotte.

L’infezione è stata inizialmente scoperta da due virologi spagnoli che erano stipati in un piccolo laboratorio improvvisato, testando centinaia di campioni. Uno di loro, il dottor Antonio Alcami, disse a Yahoo News all’epoca che scoprire che il virus aveva infettato le ghiandaie migratrici era stata una “triste sorpresa”.

Poco dopo la sua scoperta a Hope Bay, Alcami lasciò l’isola, dicendo a Yahoo il 22 aprile che “le stazioni spagnole sono chiuse per l’inverno”.

A causa della sua posizione sull’asse terrestre, durante l’inverno l’Antartide vive sei mesi di oscurità che la rendono un luogo inospitale in cui vivere. Durante questo periodo la temperatura può scendere fino a -90 gradi e le tempeste di neve possono durare giorni. Mentre alcune stazioni di ricerca gestite da Australia, Argentina e Cile rimangono aperte con personale limitato, la maggior parte degli scienziati sta tornando nei propri paesi d’origine.

Imparentato: KFC, uova e latticini sono al sicuro dalla diffusione dell’influenza aviaria in Australia?

Il dottor Antonio Alcami nel suo laboratorio effettua i test per il virus dell'influenza aviaria

Il Dott. Antonio Alcami ha eseguito il test del virus HPAI in un piccolo laboratorio. Fonte: fornitore

Anche se la riduzione della sorveglianza della malattia può sembrare allarmante, la dottoressa Megan Dewar dall’Australia ha detto a Yahoo che è improbabile che il virus si diffonda ampiamente durante l’inverno. Dewar presiede l’Antarctic Wildlife Health Network del Comitato scientifico internazionale per la ricerca in Antartide (SCAR).

READ  Le lacrime scorrono mentre il Papa lava i piedi alle detenute in una prigione di Roma

“A questo punto, la maggior parte delle specie animali ha lasciato l’area e sarà in mare o sarà migrata verso latitudini più elevate”. [like South America] “È probabile che la diffusione del virus sia minima durante l’inverno nella regione”, ha affermato via e-mail.

«Tuttavia, una volta che gli animali, soprattutto specie come gli stercorari [a type of seabird] Tornando a inizio stagione, è probabile che il virus ritorni. La logistica è molto difficile durante i mesi invernali, soprattutto a causa del ghiaccio marino, quindi i movimenti nella zona sono piuttosto limitati.

Il Dipartimento australiano dell’Ambiente ha confermato che continua a monitorare la presenza di influenza aviaria ad alta patogenicità durante i mesi invernali. “Ciò verrà fatto attraverso operazioni di monitoraggio regolari e riprese video da parte dei pionieri e dei leader delle stazioni”, ha aggiunto.

Ami l’ambiente strano e meraviglioso dell’Australia? Ottenere Nuova newsletter Visualizza le migliori storie della settimana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto