SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Le famiglie delle vittime dell’MH17 arrabbiate con la Russia

“Dopo sette anni, sono determinato a non spezzare mai la mia anima”.

L’MH17 era in viaggio da Amsterdam a Kuala Lumpur il 17 luglio 2014 quando è stato colpito da quello che secondo investigatori e pubblici ministeri internazionali era un missile terra-aria russo proveniente da una base russa oltre il confine ucraino.

Van der Steen ha rilasciato queste dichiarazioni sul mentire in russo, spiegando che lo ha fatto “a beneficio di coloro che ascoltano a nome del sistema russo oggi”.

“Voglio che sappia che so dov’è la responsabilità”, ha detto, aggiungendo che “la menzogna e le bugie sono una tecnica familiare in questo gioco del gatto e del topo attraverso il quale aspiriamo a scoprire la verità”.

Peter Langstraat, un avvocato che rappresenta le famiglie delle vittime, ha affermato di ritenere dopo la sentenza che questa opportunità sia stata “uno dei giorni più importanti per i familiari”.

Ha detto: “…possono parlare alla corte, ma parlando alla corte, parlano ai sospettati così come alle persone responsabili ovunque si nascondano”.

“Quindi questa è una forma di comunicazione con le persone responsabili di questo disastro”.

La Russia, che sostiene di non aver finanziato o sostenuto i ribelli che combattono le forze governative ucraine, si è rifiutata di consegnare i sospetti.

Dopo anni di raccolta di prove, nel maggio 2018 un team di investigatori internazionali ha concluso che la rampa di lancio utilizzata per lanciare il missile apparteneva alla 53a brigata antiaerea russa.

I pubblici ministeri hanno accusato quattro sospetti – i russi Igor Girkin, Sergey Dubinsky e Oleg Bulatov e l’ucraino Leonid Kharchenko – di molteplici accuse di omicidio per il loro presunto coinvolgimento nell’abbattimento dell’aereo.

READ  Singapore in trattative sul corridoio di viaggio mentre si avvicina al futuro "resiliente" per COVID

I fuggitivi sono sotto processo da un anno e mezzo. Solo uno, Bulatov, ha inviato degli avvocati a rappresentarlo, quindi l’intero caso non è stato considerato in contumacia secondo la legge olandese.

Lunedì, i giudici hanno dichiarato di aspettarsi di emettere una sentenza alla fine del 2022.

Afp, Reuters

Ricevi una nota diretta dal nostro straniero corrispondenti Su ciò che sta facendo notizia in tutto il mondo. Iscriviti alla newsletter settimanale What in the World qui.