SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

La ricerca mostra che le persone nell’età del ferro erano emotivamente attaccate alle cose Archeologia

Dai vestiti gonfiati per bambini alle orribili tazze usa e getta, ci sono alcuni oggetti di cui è intrigantemente difficile liberarsi. La ricerca ora suggerisce che la difficoltà di cosa fare con tali cose può essere datata almeno 2000 anni.

Cucchiai d’osso e pezzi di gioco trovati tra le pareti di una casa rotonda dell’età del ferro nell’insediamento scozzese di Hilfort a Broxmouth, così come mole consumate, il Dr. Ai suoi piani, potrebbe essere un esempio secolare dello stesso puzzle.

Le posizioni degli articoli non erano chiaramente una coincidenza, ha detto Poster, mentre il loro basso valore significava che non erano stati riposti a causa del loro valore. Invece, ha detto, avrebbero potuto essere quelle che lei chiamava “cose ​​problematiche”, cose che non possono essere portate via, anche se non sono più necessarie o ammirate, per motivi sentimentali.

“Abbiamo cose come i corredi funebri, che le persone intendono come cose per accompagnare i morti nell’aldilà, e abbiamo tesori – cose davvero luccicanti che sono disposte in certi luoghi senza corpi che le persone interpretano come forse doni agli dei o nascosti per custodia”, ha detto Poster.

“Ma poi c’è questa classe di manufatti: questi piccoli depositi di cose che non necessariamente accompagnano i morti e non sono di alto valore materiale o di qualità particolare, ma ovviamente non sono nemmeno solo spazzatura. Sono stati depositati molto deliberatamente”.

Poster ha notato che i rituali di sepoltura dell’età del ferro significavano che raramente c’era una tomba in cui potevano essere collocati oggetti problematici. “Ecco perché penso che venga incorporato in ruoli rotondi in modi diversi”, ha detto.

READ  La carestia travolge 400.000 persone nella regione etiope del Tigray, con timori di continui combattimenti

Ha detto che la realizzazione le è venuta dopo aver parlato con le persone della morte, del dolore e del lutto nella società moderna, e aver sentito quanto velocemente può diventare difficile separare le cose mondane da loro.

“Improvvisamente il puzzle ha iniziato a riunirsi”, ha detto.

Il poster suggeriva che nelle società in cui le tombe erano più comuni, è probabile che i parenti viventi conservassero oggetti problematici, ma alcuni potrebbero essere stati sepolti con i morti, fornendo una nuova prospettiva su alcuni beni funerari. Un possibile esempio sono gli articoli da toeletta come i detergenti per unghie che sono stati trovati in tombe preistoriche ma sono apparsi anche sui muri di una casa dell’età del ferro al confine scozzese.

Poster ha aggiunto che l’idea di cose problematiche è rilevante oggi e crea un legame con le persone del passato.

“Chiunque abbia questa scatola di cose in soffitta – o nell’armadio o sotto il letto – non sa bene cosa fare ma non è pronto a liberarsene. Forse appartiene a un parente defunto. Forse … appartiene solo alla nostra personalità sociale che non esiste più.”

In effetti, Poster ha affermato che una piccola spada nel suo fodero di legno trovata nella tomba di due adulti in un cimitero romano a Canterbury era probabilmente il giocattolo preferito dell’infanzia tenuto dal defunto.

Poster ha detto che la nuova prospettiva potrebbe contestualizzare le nostre lotte. “Le persone hanno sempre avuto problemi a gestire questo genere di cose”, ha detto, aggiungendo che Pratica svedese di pulire la morte È stato uno dei modi in cui la comunità ha cercato di affrontare questo enigma.

READ  Il corpo è stato trovato durante la ricerca di un viaggiatore visto l'ultima volta in un selfie in cima a una montagna

La dottoressa Sarah Tarlow, professore di archeologia all’Università di Leicester, che non è stata coinvolta nel lavoro, ha affermato che la ricerca ha evidenziato che gli oggetti non erano importanti solo per la loro funzione pratica o simbolica, ma anche per i loro significati privati ​​e personali, che spesso riguardavano memoria ed emozione.

“È un bel modo di guardare alla preistoria successiva che non riguarda il potere e lo status e non riguarda la religione e l’identità culturale. Riguarda le connessioni emotive tra le persone, che è una cosa bellissima”, ha detto dello studio. -dimensionale, e si sentono come persone che hanno relazioni complesse tra loro…proprio nello stesso modo in cui lo facciamo noi.”