HomeEconomyLe capitali australiane sono tra i mercati meno costosi al mondo in...

Le capitali australiane sono tra i mercati meno costosi al mondo in cui acquistare una casa

Secondo uno studio condotto da accademici negli Stati Uniti, quasi tutte le principali capitali australiane si collocano nel primo 25% dei mercati meno costosi per gli acquirenti di case a reddito medio.

Il rapporto International Housing Demographics della Chapman Frontier School of Public Policy si concentra sulla capacità delle famiglie a “reddito medio” di acquistare case a prezzi medi.

Per confrontare diversi mercati all’interno di un paese e in tutto il mondo, utilizza una misura chiamata “moltiplicatore mediano”, che è il rapporto tra il reddito medio e i prezzi medi delle case.

Utilizzando questi criteri, Hong Kong, Sydney e Vancouver risultano i mercati più inaccessibili per questi acquirenti.

Mentre le città americane di Pittsburgh, Rochester e St. Louis sono le più care.

L’indagine copre i mercati immobiliari in Australia, Canada, Hong Kong, Irlanda, Nuova Zelanda, Singapore, Regno Unito e Stati Uniti.

Sydney, Melbourne, Adelaide, Brisbane e Perth rientrano nell’ultimo 25% delle città a prezzi accessibili nell’elenco dei 94 mercati inclusi nello studio.

“L’accessibilità sta scomparendo nei paesi ad alto reddito poiché i costi delle case ora superano di gran lunga la crescita del reddito”, afferma lo studio.

“La crisi deriva principalmente dalle politiche di utilizzo del territorio che limitano artificialmente l’offerta di alloggi, facendo salire i prezzi dei terreni e rendendo la proprietà della casa fuori dalla portata di molti”.

READ  Come un innovatore della tecnologia di marketing ha raccolto finanziamenti milionari aiutando le aziende a lanciare campagne pubblicitarie ad alto rendimento

Genera un problema

Per la prima volta nei 20 anni di storia dello studio, gli autori hanno aggiunto una nuova categoria per l’accessibilità degli alloggi: “inaccessibile”.

Il termine “impossibile” è stato scelto per esprimere l’estrema difficoltà che le famiglie a medio reddito hanno nel permettersi un alloggio con un moltiplicatore medio di 9,0.

“Questo livello di convenienza non esisteva poco più di tre decenni fa”.

Il rapporto afferma che le politiche di pianificazione urbana che cercano di limitare l’espansione urbana incontrollata e aumentare la densità delle città hanno messo “sotto assedio” i settori della classe media della società.

“Il risultato netto è che i valori dei terreni e i prezzi delle case sono diventati sbilanciati a sfavore della classe media, la cui esistenza dipende da un mercato fondiario altamente competitivo distrutto dalla dottrina della pianificazione.

Tutti i “mercati inaccessibili” in [the report] Seguire la “dottrina della pianificazione internazionale” come fanno quasi tutti i mercati altamente inaccessibili.

Oltre alle cause di lunga data dell’inaccessibilità degli alloggi, negli Stati Uniti, secondo una ricerca della Federal Reserve, quasi due terzi del recente “shock” sui prezzi delle case può essere attribuito all’improvviso e ampio passaggio al lavoro a distanza durante la pandemia. Reserve Foundation e l’Università della California.

In Australia, secondo gli ultimi dati dell’Ufficio di Statistica, ogni anno vengono costruite 210.800 case.

Ma affinché la domanda eguagli l’offerta, quel numero dovrebbe salire a quasi 240.000 case.

Gli analisti hanno recentemente dichiarato alla ABC che i percettori di reddito medio dovrebbero spendere circa il 60% del loro reddito totale per acquistare una proprietà a prezzo medio.

Orsina Fiorentini
Orsina Fiorentini
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News