SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

L’ASX è destinato a cadere, poiché gli investitori attendono i numeri del PIL su una possibile “doppia” recessione

È probabile che le azioni australiane scendano nelle contrattazioni mattutine, poiché gli investitori attendono i numeri del PIL di oggi e lo scivolone di Wall Street dai massimi record.

I futures ASX sono scesi dello 0,5 percento a 7.443 punti (entro le 7:00 ET).

Il dollaro australiano è salito a 73,13 centesimi di dollaro (più 0,3 per cento).

Nei mercati statunitensi, le azioni hanno oscillato vicino al punto di pareggio durante la notte, con l’indice Nasdaq Composite praticamente piatto a 15.259.

Il Dow Jones ha perso lo 0,1 percento (a 35.361 punti), mentre il più ampio S&P 500 ha perso lo 0,1 percento (a 4.523).

Nel complesso, l’S&P è aumentato del 2,9% ad agosto, il suo settimo aumento mensile consecutivo, mentre il Dow e il Nasdaq sono aumentati rispettivamente dell’1,2% e del 4% durante il mese.

L’oro spot è salito a 1.813,92 dollari l’oncia (+0,2%) e i futures sul greggio Brent sono scesi a 72,96 dollari al barile (-0,6%).

L’Australia potrebbe evitare la “doppia” recessione

Gli ultimi dati sulla crescita economica saranno pubblicati oggi dal Bureau of Statistics alle 11:30 AEST.

In media, gli economisti si aspettano che l’economia australiana cresca dello 0,5% nel trimestre di giugno (rispetto al trimestre precedente), secondo un sondaggio Reuters.

L’economista della Commonwealth Bank Gareth Aird ha affermato che i responsabili politici “sarebbero disperati per evitare una lettura negativa del PIL in quanto ciò confermerebbe che l’economia australiana è in stasi”.

READ  Le autorità sanitarie della Tasmania pubblicano un elenco di esposizione a COVID-19 dopo che l'operatore sanitario è risultato positivo

“Tuttavia, la differenza tra un piccolo tasso di crescita del PIL negativo o un piccolo positivo nel secondo trimestre è solo ottica.

Nel frattempo, il capo economista di AMP Capital Shane Oliver ha affermato che i recenti numeri su esportazioni, domanda pubblica, guadagni aziendali e salari sono stati migliori del previsto.

Pertanto, si stima che il PIL australiano per il trimestre di giugno sia aumentato dello 0,3 per cento.

“Quindi mentre la corrente [September] Il trimestre dovrebbe ancora mostrare un massiccio calo del 4% del PIL grazie alle chiusure almeno per ora, e supponendo che ci sia un certo rimbalzo guidato dalla riapertura nel trimestre di dicembre, l’Australia dovrebbe essere in grado di evitare il titolo di una recessione tecnica duale. “

“Non significa che faccia molta differenza, ovviamente, per le molte aziende e lavoratori che sono stati colpiti dalle chiusure e che potrebbero comunque sentirsi stagnanti”.

ABC/Reuters